Passa ai contenuti principali

Emozioni di Gianni Donaudi: RICORDO DI PIERO SIMONDO


E mancato a Torino, dove risiedeva da decenni l artista situazionista PIERO SIMONDO - Nato a Cosio d Arroscia ( Imperia ) nel 1928, si era trasferito giovanissimo nel capoluogo subalpino, dove aveva frequentato l Accademia Albertina ed era stato tra gli allievi del celebre CASORATI ( che aveva già influito sull artista GUIDO SEBORGA HESS residente nel Ponente Ligure ). Si era poi iscritto alla Facoltà di Filosofia dove aveva incontrato ELENA VERRONE sua futura compagna di vita. Recandosi ad Alba ( Cuneo ) incontreranno PINOT GALIZIO con il quale inizieranno un importante sodalizio artistico. Nel 1955 con il Galizio e con il danese ASGER JORN, residente ad Albisola Mare fonda il Laboratorio di Esperienze Immaginiste e più tardi organizza con loro il 1° Congresso Mondiale degli Artisti Liberi. Nel 1957, in vacanza nella sua casa di Cosio d Arroscia, PIERO SIMONDO incontra il francese GUY DE BORD e MICHèLLE BERNSTEIN ( parente del celebre dirigente socialdemocratico di inizio 900) e con altri ( gli stessi PINOT GALLIZIO, ASGER JORN, WALTER OLMO,RALPH RUMNEY) sarà tra i fondatori dell Internazionale Situazionista( che purtroppo sarà animata da profondi contrasti interni, fino allo scioglimento ). Nel 1962 fonda a Torino il C.I.R.A. ( Centro Internazionale di Ricerche Artistiche) e a partire dal 72 ha lavorato all università del capoluogo subalpino presso l Istituto di Pedagogia e ha tenuto la cattedra di Metodologia e didattica degli Audiovisivi . Il Situazionismo raccolse in parte l eredità di quel filone estetico che era già stato del Futurismo, del Dadaismo, del Lettrismo e del Surrealismo di BRETON e di ARAGON e se come gruppo organizzato ebbe breve durata, ebbe, epperò, un profondo eco negli ambienti culturali più all avanguardia. La teoria della Societé du Spettacle di GUY DE BORD influì su molti intellettuali non conformisti ( tra i quali l americano NOAM CHOMSKY ) . Il Situazionismo venne studiato in tutto il mondo. In Italia si interessarono del Situazionismo penne come PINO BERTELLI di Piombino(LI), fondatore della rivista " Tracce" , GIORGIO AMICO di Savona, DONATELLA ALFONSO ( della redazione genovese di "Repubblica" ) e diversi altri. Al situazionismo si ispirarono i fondatori delle edizioni "Nautilus" di Torino(che anastaticamente ristamparono l intera collezione de " L Internazionale Situazionista ) . Ma anche nella " destra" più colta il Situazionismo venne preso in considerazione(un articolo sul tema venne pubblicato negli anni 80 dalla rivista "Elementi" di Firenze e diretta da MARCO TARCHI ) e così pure da filosofi " neo- marxisti" quali COSTANZO PREVE(1943/2013) e DIEGO FUSARO. 

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo