Passa ai contenuti principali

📰 Autori: Cade l’avvento e la pace del silenzio di Vito Coviello


Era appena passata Pasqua e nel paesello, arroccato sulla montagna del Vulture, dove spuntava il campanile a punta, veniva ogni tanto Padre Corbo per la benedizione delle case e dei villaggi. Era diventato vecchio ed anziano. Un po' per volta, piano piano e, a piedi, raggiungeva tutte le contrade e anche il paesello. Arrivato a casa di zia Caterina e di Zì Tore è stato ben accolto, naturalmente, nonostante zia non sapeva cosa offrirgli. Benedisse tutte le stanze e zia teneva a far benedire anche il pollaio perché la faina aveva mangiato l’ultima gallina. Con la benedizione, forse, non sarebbe più venuta ad uccidere le sue galline. Poi parlando del più e del meno, confidò a padre Corbo un problema che l’assillava: il marito, con l’età, era diventato completamente sordo e quando gli parlava sorrideva ma non capiva e non ascoltava. Allora chiese a Padre Corbo se conoscesse qualcuno o qualche soluzione per risolvere la sordità di suo marito. Padre Corbo ci pensò un attimo e sentenziò: “Devo parlare con un rappresentante di una nota ditta “La Sento Bene, Sento Meglio” che ha degli ottimi apparecchi acustici e senz’altro tuo marito potrà ritornare a sentire. Mi raccomando quando viene, dato che raggiungere il viaggio è faticoso perché distante, ospitatelo a pranzo e rendetegli bella ospitalità. Lo conosco e mi ricordo che gli piaceva tanto il coniglio perché siamo stati in un’osteria insieme e  lui aveva ordinato tale pietanza”. “Va bene”, disse zia Caterina. Passarono giorni, mesi e anche la Pasqua. Per proteggere al meglio le galline dalla faina avevano costruito un reticolato più forte, con questa accortezza le galline non furono più uccise. Una mattina, arrivò il rappresentante e misurò i suoni con un’apparecchiatura attraverso una cuffia. Zia Caterina lo chiamò: “Dottore venga, si accomodi, venga qui, c’è mio marito Tore che non sente ed io non so come fare”. Il giovane dottore rise e si accomodò, mise la cuffia all’anziano e incominciò a misurare con l’apparecchio audiometrico i suoni, l’anziano lo guardava e sorrideva, non sentiva nulla e così il dottore aumentò l’intensità dei suoni, toccando sia il tasto destro che sinistro chiedendogli “Dove hai sentito? A destra? A sinistra?” ma il signore anziano continuava a guardarlo e sorrideva. Ad un certo punto, prese una di quelle apparecchiature nuove, di quelle che si applicano alle orecchie: la cassettina di metallo, grossa si doveva tenere sul petto e i due cavi dovevano essere collegati a tutte e due le orecchie. Il dottore disse: “Vediamo se ora con questo senti”. Alzò tutto il volume e gridò nell’apparecchio: “Mi senti Tore?” e Tore ebbe un sobbalzo, aveva sentito e come. Quell’apparecchio lo aveva stordito, si tolse prontamente gli auricolari e disse: “Per favore io sto bene così, non sento, per lo meno non sento bene ma, soprattutto, non voglio sentire quando mia moglie mi rimprovera, mi annoia, si lamenta. In questo modo sto in pace con lei, con me stesso e con il mondo”. Il silenzio per zio era la pace. 18 Il giovane rappresentante guardò quegli occhi azzurri e tristi di zio che non voleva quell’apparecchio anzi gli avrebbe pagato qualsiasi cosa pur di non averlo. Non seppe che dire, si rattristò, andò dalla moglie, la zia Caterina e le disse: “Gentile signora, purtroppo per vostro marito non c’è niente da fare, è sordo e rimarrà sordo, abbiatene cura e mettetevi l’anima in pace”.
 

racconto tratto dal libro

SENTIERI DELL’ANIMA: IL CONTASTORIE 

(piccola raccolta di racconti, storie e leggende)

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📰 Segnalazioni in primo Piano: 22 APRILE: 51esima GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

Un chiaro esempio di tutela verso l'ambiente arriva dalla realtà rionerese The Factory Best Class    La giornata mondiale della terra, che si celebra ogni anno il 22 aprile, è conosciuta in tutto il mondo come Earth Day, ed è l'evento "green" che riesce a coinvolgere un elevato numero di persone in tutto il mondo, sensibilizzando la salvaguardia dell'ambiente . L'idea di dedicare una giornata alla terra nacque negli anni '60, negli Stati Uniti , subito dopo la pubblicazione del libro manifesto ambientalista, "Primavera Silenziosa" di Rachel Carson, una biologa statunitense che ebbe molto successo e diede origine a notevoli movimenti ecologisti.