Passa ai contenuti principali

Contro Video. Assalto al Campidoglio degli Stati Uniti d'America. Irruzione


La folla è diventata violenta subito dopo le 14:00 e verso le 14:15, orario d'arrivo di altri manifestanti, le barricate attorno al perimetro dei terreni, presidiate dalla polizia, furono violate. La sicurezza del Campidoglio consigliò ai membri del Congresso di mettersi al riparo. Quando i rivoltosi iniziarono ad assaltare la struttura governativa e altri edifici adiacenti, alcuni furono evacuati e bloccati, ma i rivoltosi oltrepassarono i controlli di sicurezza entrando nel Campidoglio, inclusa la National Statuary Hall. Al momento dell'interruzione, la sessione congiunta del Congresso stava votanto per accettare i voti elettorali dall'Alabama e dall'Alaska. La sessione congiunta si è quindi divisa in modo che ciascuna camera potesse discutere separatamente e quindi votare un'obiezione all'accettazione dei risultati certificati della lista degli elettori dell'Arizona sollevata dal rappresentante Paul Gosar e firmata dal senatore Ted Cruz del Texas. Dopo aver violato il perimetro di sicurezza, la maggior parte dei rivoltosi è semplicemente entrata a piedi nel Campidoglio, altri hanno usato funi e scale improvvisate, rotto le finestre e spruzzato agenti chimici sugli agenti. Alcuni dei rivoltosi erano in possesso di bandiere confederate, emblemi nazisti, e indossavano indumenti antisommossa come elmetti e giubbotti e tenute militari. Fuori dall'edificio la folla si è scagliata contro la polizia, forando le ruote di un veicolo e lasciando un biglietto con scritto "PELOSI IS SATAN" sul parabrezza.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo