Passa ai contenuti principali

Corsi e ricorsi storici: la pestilenza del 1348 ... di Vito Coviello

 
Era arrivata dal nord e probabilmente dai territori germanici e virulenta e mortale si era diffusa rapidamente a macchia d'olio morivano in tanti da non poter avere degna sepoltura o messa di commiato.si venivaraccolti da carri ed ammassati gli uni sugli altri si veniva scaricati in grandi fosse comuni insieme a calce viva che vi veniva versata su ogni strato di cadaveri.le case che avevano avuto un morto in famiglia venivano sigillate in quarantena con assi di legno inchiodate alla porta ed alle finestre imprigionandovi cosi tutti gli abitanti della casa. Si immaginava vi fossero degli untori, si immaginava che arrivasse dall'aria o che alcuni cibi come il pesce ne portassero la trasmissione , ma i piu credettero ad una punizione divina conseguente alla immoralita del tempo.la gente per espiare e chiedere a dio la propria salvezza si ammassava nei luoghi di culto aumentando cosi il contagio e la mortalita all'infinito. Gli inglesi, avevano creduto di essere protetti dal mare che circondava la loro isola, ma il morbo attreverso l'inutile baluardo della Manica e fece grandissima strage degli abitanti dell'isola. Per tutta l'Europa si aggirava la morte nera con la sua falce assetata del sangue degli indifesi uomini al di la del censo e mai sazia.ad Avignone credevano erroneamente di essere, in quanto rappresentanti di Dio in terra, protetti dalla croce di Cristo, ma la signora dalla falce munita falcidio in si gran numero la vita di preti, suore monaci che lo stesso Papa ne ebbe gran timore. Ma nonostante la morte braccasse la di lui vita il Papa di Avignone si salvo grazie alla preschizione del suo medico, che gli aveva imposto di indossare sul volto una maschera a forma di becco di uccello al cui interno vi erano mandragora ed altre spezie ed erbe officinalis atte a purificare e disinfettare l'aria da lui respirata. Il Papa di Avignone si salvo grazie al suo medico, ma il medico che era riuscito a salvarlo non riusci a salvare se stesso e ne mori tra mille sofferenze dimenticato e mai piu ricordato....

Commenti

Post popolari in questo blog

đź“° Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è piĂą e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone piĂą colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perchĂ© di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltĂ  e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressochĂ© inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perchĂ© sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

đź“° Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilitĂ  non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicitĂ ...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilitĂ  ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

đź“• Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interioritĂ    Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilitĂ    quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   PerchĂ© confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo