Passa ai contenuti principali

Corsi e ricorsi storici: la pestilenza del 1348 ... di Vito Coviello

 
Era arrivata dal nord e probabilmente dai territori germanici e virulenta e mortale si era diffusa rapidamente a macchia d'olio morivano in tanti da non poter avere degna sepoltura o messa di commiato.si venivaraccolti da carri ed ammassati gli uni sugli altri si veniva scaricati in grandi fosse comuni insieme a calce viva che vi veniva versata su ogni strato di cadaveri.le case che avevano avuto un morto in famiglia venivano sigillate in quarantena con assi di legno inchiodate alla porta ed alle finestre imprigionandovi cosi tutti gli abitanti della casa. Si immaginava vi fossero degli untori, si immaginava che arrivasse dall'aria o che alcuni cibi come il pesce ne portassero la trasmissione , ma i piu credettero ad una punizione divina conseguente alla immoralita del tempo.la gente per espiare e chiedere a dio la propria salvezza si ammassava nei luoghi di culto aumentando cosi il contagio e la mortalita all'infinito. Gli inglesi, avevano creduto di essere protetti dal mare che circondava la loro isola, ma il morbo attreverso l'inutile baluardo della Manica e fece grandissima strage degli abitanti dell'isola. Per tutta l'Europa si aggirava la morte nera con la sua falce assetata del sangue degli indifesi uomini al di la del censo e mai sazia.ad Avignone credevano erroneamente di essere, in quanto rappresentanti di Dio in terra, protetti dalla croce di Cristo, ma la signora dalla falce munita falcidio in si gran numero la vita di preti, suore monaci che lo stesso Papa ne ebbe gran timore. Ma nonostante la morte braccasse la di lui vita il Papa di Avignone si salvo grazie alla preschizione del suo medico, che gli aveva imposto di indossare sul volto una maschera a forma di becco di uccello al cui interno vi erano mandragora ed altre spezie ed erbe officinalis atte a purificare e disinfettare l'aria da lui respirata. Il Papa di Avignone si salvo grazie al suo medico, ma il medico che era riuscito a salvarlo non riusci a salvare se stesso e ne mori tra mille sofferenze dimenticato e mai piu ricordato....

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Servizi Fotografici: Rionero. Inaugurazione Centro Fitness RF TRAINING (2 Ottobre 2021)

 

📷 Servizi Fotografici: Pro-Loco Ruvo del Monte. Presentazione del libro "L'Angolo di Armando" (13 Novembre 2021)

 

📰 Appuntamenti in primo Piano: 4^ Edizione DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore - Città di Eboli. Presentazione del libro “Il Monolite” di Paolo Itri

Eboli . Il 13 novembre, alle ore 18:00, presso Bistrot Patù, ci sarà la presentazione del libro “Il Monolite – Storie di camorra di un giudice Antimafia”, edito dalla casa editrice Piemme, nell'ambito della Rassegna Letteraria DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore. L'autore Poalo Itri, di origine Cilentane, nel suo libro ci racconta, attraverso le sue esperienze lavorative da magistrato, di quanto la Camorra può essere pericolosa. Il Palazzo di Giustizia napoletano è il più grande d'Italia, e probabilmente del mondo. Dopo anni trascorsi tra le sue mura, per il giudice Paolo Itri l'impressione è ancora quella di trovarsi di fronte al «monolite» di 2001. Odissea nello spazio. Un caos labirintico in cui ogni giorno si scrivono nuove pagine della tragedia e della commedia umana, un avamposto da cui Itri, con gli altri magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, ha condotto per lungo tempo la tormentata battaglia dello Stato contro la camorra