Passa ai contenuti principali

Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: La scomparsa di Franco Loi, poeta e critico, scopritore della lucana Assunta Fiuniguerra

La dialettologia come religione popolare, una musica arcaica. La recente scomparsa di Franco Loi riecheggia questo assunto. Poeta e critico, Loi ha rappresentato la forma più leale e forse primitiva di rileggere la realtà. Padre sardo, Loi era nato a Genova nel 1930, e già da bambino sarà milanese, città che guarderà sempre con sguardo disincantato: versi dialettali un po’ in contraltare al maggior poeta milanese Carlo Porta. Franco Loi sarà scoperto dal profondo poeta Vittorio Sereni. E, prima, una lunga militanza comunista, l’adesione al movimento della nuova sinistra, e con gli anni ’70 lascia l'attività politica, pur mantenendo una personale religiosità anarchico-libertaria. La sua prima produzione poetica nacque tutta in una breve stagione, nel decennio che va dal 1965, quasi "sotto dettatura" come amava definirsi. Il suo esordio risale al 1973 con “ I cart” e l'anno dopo “ Poesie d'amore” . Ma Franco Loi è stato anche critico letterario, interessanti le sue recensioni e riscoperte artistiche su importanti giornali letterari. A lui si deve la scoperta in ambito nazionale – ad esempio - della poetessa lucana Assunta Finiguerra ( San Fele 1946 - 2009 ), poetessa aspra e dolce ad un tempo. La critica, anche grazie a Franco Loi , ha continuato a tenerla in viva considerazione. Con una appassionata recensione della poesia in lingua lucana dedicata alla Luna , tratta dallo struggente “ Tatemije ” ( Padre mio ), viene pubblicato postumo, come il recente “ Fanfarije ” e “ U vizzije a morte ” (raccolta 1997-2009) edito da Confine, 2016 . La poetessa Assunta Finiguerra rimane nota negli ambienti letterari, a partire dal gruppo dei poeti La Vallisa di Bari , di cui facevamo parte, fin dai suoi esordi poetici. E’ una figura di elevata valenza, una voce eretica e di immensa spontaneità linguistica, sanguigna e forte come la sua terra, l’ Appennino lucano che sovrasta la sua dimora. E dal suo paese, la poesia di Assunta aveva irradiato di nuova luce, verace e ​ aspra, il panorama letterario italiano. Franco Loi scrisse un’appassionata recensione delle poesie di Assunta, col suo senso del sacrificio, del dolore che ha accompagnato parte della sua vita. “ Se avrò il coraggio del sole ” (1995), “ Puozze arrabbià ” (1999, la Vallisa) “ Rescidde ” (Zone, 2001), “ Solije ” (2003), contengono versi autentici, immensi: anche per questo Assunta Finiguerra farà parte dell’antologia Nuovi Poeti Italiani curata proprio da Franco Loi (edito da Einaudi). Oltre dieci anni fa aveva spiccato l’ultimo volo dalle montagne di San Fele, in un afflato di odio-amore di impareggiabile ed istintiva pregnanza. Ci ha lasciato la sua grande energia fortemente radicata ad una visione antropologica della comunità lucana. Un suo ultimo lavoro che rilegge Pinocchio in lingua sanfelese, forse racchiude più di ogni altro la forza e l’inquietudine di una poetessa che cerca di uscire dai margini entro i quali una tradizione stantia tende a relegare gli impulsi culturali ed innovativi. Da “Puozze arrabbià” allo “Scricciolo” si racchiude, nel contempo, il meglio della sua visione poetica che fa della lingua madre lo strumento vitale per trasmettere i contenuti più profondi e reconditi con maggior efficacia. La Lucania non ha più Assunta, ce lo ricordava il grande Franco Loi; tuttavia, conserva intatta la sua miracolosa poesia, drammatica e innocente per la sua radice popolare. Di quella che sarebbe piaciuta a Pier Paolo Pasolini. Al fianco della poetessa un intellettuale di antico lignaggio, Saul suo marito, che ci confidava di lei “è la mia luce...”. Di Assunta si ricorderà sempre quella sua inquietudine, malcelata e istintiva, degna di una figura che lascia un segno davvero indelebile nella cultura non soltanto lucana. E Franco Loi ne era fortemente convinto.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo