Passa ai contenuti principali

📰 Segnalazioni in Primo Piano: La speranza e il "Sole" nel nuovo libro del Dott. Libutti: "Racconti non infetti al tempo del Coronavirus"

In questo tempo critico e preoccupante, caratterizzato da un terrificante virus che viaggia in maniera tanto veloce quanto letale, e che esalta, conseguentemente, tutti gli aspetti apparentemente negativi dell'essere umano, come ansia, paure svariate, rabbia, angoscia, impulsività - tutti atteggiamenti e sfaccettature emotive acuìti/acuìte dalla situazione emergenziale che esaspera gli animi rendendoli più vulnerabili- si avverte in maniera limpida il bisogno di deviare la mente dai pensieri tetri, di guardare il mondo con un senso di serenità, e quindi da un'angolazione "rinnovata", differenziata, nuova. Dopo aver ascoltato per svariatissimi mesi le tante notizie ed informazioni colme di buio, di oscurità, di speranza effimera e di terrore, vi è il serio bisogno di "respirare" metaforicamente, allargare gli "orizzonti" per acquisire quella sensazione di pace e di giovialitá che tutti meritiamo. L'ironia è un potente meccanismo vincente: non significa sminuire le vicende preoccupanti, ma guardarle da un punto di vista diverso, sorridente, per trarre la forza e la resilienza per affrontare la vita in tutte le sue sfaccettature, comprese quelle più complesse.


Ed è proprio ciò che è avvenuto nell'animo del Dott.Michele Libutti, medico, romanziere, scrittore di prestigio, che ha pubblicato il suo ventesimo libro, nel gennaio 2021, intitolato "Racconti...non infetti al tempo del Coronavirus", con tema prevalentemente ironico. Il libro è caratterizzato da ventidue avvincenti racconti che toccano l'aspetto delicato che riguarda il covid-19, in maniera controcorrente, da una veduta diversificata, originale. L'autore ripercorre, in maniera autobiografica e al contempo fantasiosa, tutte le tappe caratterizzate dall'emergenza nel mondo, riportando i suoi personali dialoghi con le persone e traendo una chiave interpretativa tanto nitida e chiara degli stessi. Tocca il "tasto" che riguarda l'amore, che non sfuma neanche in tempi critici ma si manifesta anche virtualmente; si focalizza sulle difficoltà causate dalle restrizioni e dai DPCM con apparente seriositá, sapendo adattare alla stessa, con tanto acume, la parte giocosa. Molti racconti si incentrano, invece, sull'aspetto prettamente psicologico dell'essere umano: l'intento è quello di esaltare l'aspetto emotivo, quello ancestrale, che commuove se stessi e gli altri, che sa tirar fuori gli sprazzi più INTENSI, spontanei dei CUORI di ognuno, come la sensibilità, un'emozione sincera, che nasce dall'ANIMA: tutte queste doti, in ognuno, saranno sempre presenti, ed è ciò che rende umani, belli, affascinanti, speranzosi e vittoriosi, anche nel tempo del coronavirus. Il Dott.Libutti è riuscito con la sua scorrevolezza, la sua bravura e la sua profondità interiore a regalarci tutto questo. 

Carmen Piccirillo.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo