Passa ai contenuti principali

Segnalazioni in Primo Piano: Oltre la Felicità di Michele Libutti

 
Che cos'è la Felicità? 
 
È una domanda apparantemente banale ma complessa; enigmatica ma semplice. Insomma, è un quesito che racchiude molti paradossi e contraddizioni ma è una curiosità alla quale ognuno di noi darebbe una risposta individuale e dettata dalle proprie personali concezioni mentali e spirituali, le stesse concezioni miste alla riflessione sui propri desideri utopici/illusori oppure raggiungibili: porsi queste domande, forse, è un meccanismo catartico per intraprendere la strada della "beatitudine", della gioia di vivere. Ma anche non porsi alcuna domanda ed accogliere le casualità e le imprevedibilità che la vita ci pone, può indurci ad apprezzare e cogliere la Felicità, che spesso ci sfugge dalle mani. Michele Libutti, stimatissimo medico e scrittore rionerese, laureato in Lettere Classiche, ha dedicato alla ricercata felicità un romanzo molto interessante quanto intenso, dal titolo:"Oltre la Felicità". Il romanzo racchiude in sé una componente molto evidenziata, rivoluzionaria: l'importanza di sognare, di "innalzarsi in volo" con la mente e con l'anima, di riflesso ai tratti onirici che ognuno di noi possiede, per poi tornare alla realtà con serenità e gioia, grazie al collegamento inevitabile che ognuno di noi riesce ad intercorrere tra il mondo fantasioso, sognante, ed il mondo oggettivo, realistico. Il libro è psicologicamente minuzioso, esalta il subcosciente grazie all'esaustività dei vari passaggi del racconto, passaggi differenti ma concatenati. La sua narrazione è molto scorrevole, innesca in chi legge una curiosità spiccata, come le tante emozioni che si differenziano di capitolo in capitolo, che nascono dalla proiezione emozionale trasmessa dallo scrittore al lettore: questo è il dono culturale reciproco più grande. I protagonisti del romanzo sono Lucy e Giulio che si innamorano di un amore pulito, raro, soddisfacente e felice. Giulio è un uomo divorziato, e Lucy è una donna che ha ritrovato la serenità dopo una lunga storia interrotta. Entrambi sono scoraggiati, depressi per le reciproche delusioni sentimentali precedenti, fino a quando si incontrano e inizializzano un rapporto meraviglioso e conoscono l'amore, che va oltre le tante difficoltà che la vita presenta loro come gli scontri conflittuali delle rispettive famiglie che non accettano il loro rapporto, un sacerdote che cerca di allontanarli, e tanti altri tasselli atti a minare la loro relazione. Ma il loro amore è più forte. Intraprenderanno sentieri magici, mistici, tra scenari fantastici ed avvenenti. Il romanzo è caratterizzato dalla rara capacità del Libutti di intrecciare con un connubio perfetto il realismo al sogno e viceversa. È un'opera colma di metafore da cogliere, proprio come il titolo che apre una sequenza di prospettive mentali da guardare con attenzione e perspicacia. La felicità terrena si correla alla felicità "senza tempo", quindi alla felicità eterna, quella dell'altro mondo, un mondo nuovo, non visibile ad occhio nudo. In ogni caso, l'amore è l'unica cura efficace contro le avversità e ci regala la Felicità, nel senso esteso del termine, in questa vita e nell'altra. E Michele Libutti ci ha donato questa concezione con nitidezza, lucentezza ed intuito. Michele Libutti ci ha donato questa concezione della vita con nitidezza, lucentezza e intuito. Il libro ha in copertina un efficace disegno della brava Roberta Lioy e la prefazione della prof.ssa Deana Summa, la quale sostiene che:" È l'amore il viatico per la felicità, l'unico efficace rimedio contro le afflizioni della vita". 
 
 Carmen Piccirillo

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📰 Segnalazioni in primo Piano: 22 APRILE: 51esima GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

Un chiaro esempio di tutela verso l'ambiente arriva dalla realtà rionerese The Factory Best Class    La giornata mondiale della terra, che si celebra ogni anno il 22 aprile, è conosciuta in tutto il mondo come Earth Day, ed è l'evento "green" che riesce a coinvolgere un elevato numero di persone in tutto il mondo, sensibilizzando la salvaguardia dell'ambiente . L'idea di dedicare una giornata alla terra nacque negli anni '60, negli Stati Uniti , subito dopo la pubblicazione del libro manifesto ambientalista, "Primavera Silenziosa" di Rachel Carson, una biologa statunitense che ebbe molto successo e diede origine a notevoli movimenti ecologisti.