Passa ai contenuti principali

🎥 CONCERTO DELLA BANDA MUSICALE DEI VIGILI DEL FUOCO NEL TEATRO LA FENICE

 

 Il 29 gennaio 1996 il vasto incendio de La Fenice, oggi un evento per ricordare quella terribile notte e il duro lavoro svolto dai vigili del fuoco, ma soprattutto per celebrare la rinascita di uno dei simboli di Venezia. A 25 anni dal rogo che lo distrusse, questo pomeriggio il Corpo Nazionale è tornato in quel teatro, ma con la sua Banda musicale. In conformità con l’attuale momento di emergenza sanitaria, il teatro La Fenice ha ripercorso quei momenti tragici e la successiva fase di ricostruzione attraverso un documentario, curato e condotto dallo scrittore Alberto Toso Fei con la regia di Tommaso Giusto, prodotto con contributi video dell’epoca, interventi e interviste ai protagonisti di ieri e di oggi. A seguire è andata in scena la Banda musicale del Corpo Nazionale del Vigili del fuoco, diretta dal maestro Donato Di Martile e accompagnata dalla voce del tenore Francesco Grollo, che si è esibita in concerto proponendo un programma di generi musicali molto diversi: da Franz von Suppé a Niccolò Paganini, da Ruggero Leoncavallo a Giuseppe Verdi, da Charles Gounod a Leonard Bernstein, da Giacomo Puccini ad un omaggio a Ennio Morricone per chiudere con l’inno nazionale di Michele Novaro. Sono intervenuti in collegamento il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, e il sovrintendente e direttore artistico del teatro, Fortunato Ortombina. Al loro saluto ha fatto seguito quello del capo del Corpo Nazionale dei vigili del fuoco, Fabio Dattilo, direttamente dal palco de La Fenice. “Grazie alla città di Venezia che ha voluto ospitarci in occasione del venticinquesimo anniversario dell’incendio de La Fenice, questo bellissimo teatro, una perla mondiale per acustica e visibilità, che è risorto dalle ceneri come vuole il suo stesso nome. Ringrazio il nostro ministro, il nostro sottosegretario, il nostro capo dipartimento e un grazie di cuore a tutti i vigili del fuoco italiani che sono protagonisti di questa storia. Questa visione d’insieme, dei vigili del fuoco che stanno insieme a una città, e di una città che sta insieme a chi rappresenta le belle arti, è quello che ci vuole in questo Paese, rappresenta la voglia di rinascita dopo la pandemia. A proposito di quella notte terribile ho un ricordo in particolare, ci rendemmo tutti conto della vulnerabilità di questa città, salvata grazie all’opera di quei vigili del fuoco che poi hanno avuto l’onore di essere insigniti della Medaglia d’argento al Valor Civile. Quell’intervento ha fatto scuola, da allora Venezia è dotata di una rete antincendi che la protegge. Questa città, infatti, pur galleggiando sull’acqua, non aveva una rete idrica in pressione per spegnere gli incendi, invece oggi ce l’ha sparsa in tutti i sestieri e riesce ad azzerare i tempi di intervento delle squadre”.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo