Passa ai contenuti principali

📰 Il posto delle fragole di Mario Coviello: “Per questo ho vissuto” un romanzo di Sami Modiano


Per celebrare “ La Giornata della memoria”,in qualità di presidente del Comitato Unicef di Potenza,con le volontarie del servizio civile Unicef di Potenza Claudia Robilotta e Veronica Lavecchia, ho incontrato in streaming, dal 23 gennaio al 5 febbraio, 25 classi di Potenza e provincia. Oltre 400 alunni di terza, quarta e quinta e delle tre classi della scuola media. E’ stata un’esperienza che mi ha fatto crescere. Prima da docente e poi da dirigente scolastico ho sempre creduto che parlare alle giovani generazioni della Shoah fosse necessario perché non c’è futuro senza memoria e ho utilizzato per fare questo lavoro di approfondimento la letteratura e il cinema. In queste settimane con brani de “ La vita è bella” di Benigni, del “Bambino con il pigiama a righe” di Mark Herman e la lettura per i più piccoli de i libri illustrati “ La portinaia Apollonia di Lia Levi, e “Otto, autobiografia di un’orsacchiotto” di Tomi Ungerer, ho comprato e letto ai ragazzi di quinta e della scuola media brani tratti da “ Per questo ho vissuto. La mia vita ad Auschhwitz- Birkenau e altri esili” di Sami Modiano. L’ho letto nell’edizione del gennaio 2021, con la prefazione di Enrico Mentana e la postfazione di Umberto Gentiloni Silveri, Paper First by Il Fatto Quotidiano, BUR Rizzoli. In 155 pagine, divise in sette capitoli Sami Modiano racconta la sua infanzia felice, di bambino ebreo a Rodi e il momento in cui a ”otto, otto anni e mezzo….ho perso la mia innocenza. Quella mattina mi ero svegliato come un bambino. La notte mi addormentai come un ebreo..” perché il maestro, mettendogli una mano sulla testa per confortarlo, gli aveva detto che non poteva più frequentare la scuola. E Sami, che era un bambino studioso ed educato, si sente in colpa e chiede al padre perché è stato cacciato e sente per la prima volta l’espressione “razza ebraica” . “ E io gli dicevo di non vedere differenze con i miei compagni di classe, io ero uguale a loro, non mi sentivo diverso…” E, a poco a poco, anche a Rodi “l’isola felice” il cerchio si chiude e una mattina, quando Sami ha appena tredici anni e mezzo, con oltre duemila ebrei che vivevano nel Dodecanneso, nell’estate del 44, quando Hitler stava per essere sconfitto, la macchina infernale dello sterminio non si ferma e lo travolge con il padre Giacobbe e la sorella Lucia. Con un linguaggio piano e sofferto Sami racconta le privazioni del lungo viaggio, l’arrivo sulla rampa di Birkenau, la separazione dalla sorella, il lento spegnersi del padre che lo sostiene fino all’ultimo. E Sami combatte la fame atroce, il freddo, la fatica di un lavoro che andava avanti per dodici ore al giorno, la crudeltà senza ragione degli aguzzini che lo ha portato più volte a cercare la morte. Sami ce la fa. Con l’amico Settimio attraversa l’Europa a piedi, si consegna in Austria agli americani, e arriva a Roma, dove scopre la solidarietà della comunità ebraica che lo fa arrivare in Africa da un cugino. Più volte Sami è costretto a ricominciare perché perde tutto. Ma l’amore della moglie Selma, alla quale dedica il libro, lo sostiene fino a quando comprende, grazie all’amico ritrovato Piero Terracini che l’unico modo di fare i conti con il suo passato è ricordare. Dal 2005 ha accompagnato migliaia di giovani con il “treno della memoria” a Treblinka e nel 2013 ha scritto questo libro che ha attraversato in questi giorni la mia vita come quella di tante altre persone, come un piccolo grande regalo. Nei miei incontri con i ragazzi e le loro maestre e professoresse questo libro è diventato un consiglio di lettura, un invito per chi voleva conoscere qualcosa di più di una storia e del suo protagonista. Questo libro mi ha commosso e fatto riflettere e mi auguro che anche per i miei lettori diventi “un segno prezioso, da accogliere nei suoi risvolti più coinvolgenti di una testimonianza preziosa” . Anche Sami Modiano, che ha novant’anni, in questi mesi è rimasto chiuso nella sua casa di Ostia con la moglie Selma, circondato dall’affetto dei suoi vicini. Improvvisamente ha dovuto smettere di andare nelle scuole, di spiegare ai ragazzi che è rimasto vivo proprio lui perché ha il dovere di testimoniare, di raccontare quei morti che con le sue parole tornano a vivere e danno un senso alla loro sofferenza. “Mi mancano gli incontri con i ragazzi…le possibilità di riconoscere volti e sorrisi di tanti. Ma aspetto fiducioso, - afferma Sami Modiano - verranno tempi migliori per riprendere un cammino interrotto. Andiamo avanti… Caminando Y ablando…” e leggendo.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo