Passa ai contenuti principali

🎥 In primo Piano con GIOVANNI GRANO - musicista

 

In Primo Piano 30. puntata. 

GIOVANNI GRANO, nato in Basilicata, ha compiuto gli studi di chitarra sotto la guida di Ruggero Chiesa diplomandosi brillantemente presso il Conservatorio G. Verdi di Milano, seguendo poi i corsi di perfezionamento tenuti da Oscar Ghiglia presso l’Accademia Chigiana di Siena e Gargnano e da H. Smith (liuto) a Sesto Fiorentino. Laureato "summa cum laude" presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bologna, ha proseguito gli studi sulla musica antica alla Scuola di Paleografia e Filologia Musicale di Cremona, pubblicando nel contempo - per le case editrici Bulzoni, Zanibon, E.ro.m. e Bèrben - saggi di carattere musicologico e revisioni di opere, per e con chitarra, rare o mai eseguite. Ha condotto per alcuni anni studi di composizione col M° F. Donatoni presso il Conservatorio di Milano e di direzione d'orchestra a Praga col M° J. Stvàn. La sua attività concertistica lo porta a esibirsi regolarmente a Parigi, Londra, Hannover, Brno, Mosca, New York, Dallas, Budapest, Losanna, Berlino, Pietroburgo. E’ stato invitato a tenere recitals in festivals esclusivi (Salisburgo, Zurigo, Ljubljana, Primavera di Praga, Festival Segovia 2002, Voronhez, Mantova Musica Festival, Spoleto Festival dei Due Mondi, Festival Intern. di Rust, Festival Intern. Mauro Giuliani) e in sale prestigiose - ove solo raramente vengono ospitati concerti di chitarra - ottenendo sempre entusiastici consensi di pubblico e critica (Tonhalle di Zurigo, Teatro Glinka di Pietroburgo, Conservatorio di Mosca, Sala Martinu-Liechtenstein Palace di Praga, Palau de la Musica di Valencia, Columbia University di New York, Auditorio Nacional di Madrid, Teatro Filarmonico di Tallinn, Teatro Filarmonico di Stettino, Teatro Bibiena di Mantova, Fundaciòn Andres Segovia di Linares). Ha effettuato registrazioni di concerti per la ORF austriaca, la RAI e la radiotelevisione tedesca, polacca, slovena, russa, cecoslovacca, messicana, spagnola, ungherese e rumena. È stato ospite del programma "radio 3 suite" (concerto-intervista) diffuso dal 3° programma nazionale. Suona in duo coi violinisti Vadim Brodsky e Pavel Berman, col violoncellista Mark Varshavski, con altri eminenti musicisti e in varie formazioni musicali, quali il sestetto “ Die Kammermusiker Zurich", la "Bratislava Chamber Orchestra", il quartetto Janacek, il quartetto Amati, Il quartetto Gaudeamus, l’Orchestra da camera Mozart di Praga e le orchestre filarmoniche di Stettino (Polonia), Teplice (Rep. Ceca) , Ljubliana (Slovenia), Brasov (Romania) impegnato nei concerti di Vivaldi, Carulli, Villa-Lobos, Rodrigo, Giuliani, Boccherini sotto la direzione di S. Marczyk, G. Costin, J. Stvàn, I. Ionescu-Galati tra gli altri. È stato invitato nel 1997 come guest professor a tenere un ciclo di seminari alla Columbia University di New York e una serie di conferenze su N. Paganini e L. Boccherini nel 2005, presso l’Università di Brasov (Romania) e l’ Università di Valencia (Spagna). Già docente di Letteratura poetica e drammatica e di Storia ed Estetica musicale, è titolare della cattedra di chitarra presso il Conservatorio F.E. Dall'Abaco di Verona. Viene spesso invitato a tenere master-classes e seminari in varie accademie internazionali (Rep.Ceca, Russia, Spagna, Germania, Francia, Romania, Slovenia, Ungheria, Italia, Svizzera, Polonia, Fondazione Showa Tokyo University) e negli U.S.A (N.Y. Columbia Univ., Dallas Eastfield College, Dallas U.T.A. University, Wesleyan University Connecticut). E' presidente e membro di giurie in vari concorsi di chitarra nazionali e internazionali(Mottola, Pescara, Voronhez, Rust, Cluj-Napoca, Brasov etc.). Eminenti autori (V. Kucera, A. Spirea, G. Bellucci, J. Zarate, V. Roncero, M. Simons etc.) gli hanno dedicato opere per chitarra sola, per formazioni da camera con chitarra e per chitarra e orchestra per prime esecuzioni. Recentemente ha eseguito un recital solistico presso la prestigiosa Royal Festival Hall di Londra. Nel giugno 2005 è stato insignito del titolo di Professore Onorario dal Senato Accademico della Facoltà di Musica dell’Università di Brasov e nel 2008 è stato invitato a tenere un master presso la prestigiosa Yale University. Ha inciso una serie di cd monografici dedicati alla musica romantica e contemporanea per chitarra, alle sonate di Paganini per violino e chitarra in duo con V. Brodsky per l’etichetta austriaca Zero Point Records. Ha pubblicato un altro cd, Phantasia, per l’etichetta italiana Symposium. Considerato dalla critica specializzata tra i migliori chitarristi europei della sua generazione, ha inoltre diretto artisticamente numerosi convegni e festivals internazionali tra i quali: Festival Internazionale della chitarra di Mantova, Festival del Vulture, Groznjan, S. Maria di Sala, Convegno Internazionale su G. Strozzi e G. M. Trabaci, Suoni nella Badia). E' direttore artistico del 'Verona International Guitar Festival'. Suona con una chitarra Kolya Panhuyzen del 1994

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrà dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perché noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilità in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

📕 Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,

‍📰 Appuntamenti in Primo Piano: Arriva la Giornata Nazionale delle Pro Loco d’Italia, con il progetto “GLI ALBERI RACCONTANO QUAGLIETTA

  Quaglietta. La Giornata Nazionale delle pro Loco parte domenica 11 luglio, in Piazza San Nicola, dove la Pro Loco Aquae Electae APS, con il proprio gazebo, esporrà i prodotti tipici della Sagra di Qualità ZenziGusto, e chi lo vorrà potrà anche effettuare il tesseramento. La giornata continua alle ore 18:00, con l'inaugurazione del progetto “GLI ALBERI RACCONTANO QUAGLIETTA” realizzato in collaborazione con Pazza Gioia. Gli Alberi ci raccontano di Quaglietta - Il progetto nasce da un’idea di Pazza Gioia con la collaborazione della Pro Loco Aquae Electae APS. Le finalità sono quelle di: - Raccogliere detti popolari e proverbi in modo da risvegliare il ricordo di modi di dire dei nostri nonni, in chi a Quaglietta ci è nato e vissuto e che in un mondo globalizzato non è più abituato a sentire nella quotidianità. - Trasmettere alle nuove generazioni il legame con un mondo ed un passato che velocemente è stato spazzato via, che non esiste più, e dal quale si possono trarre innumer