Passa ai contenuti principali

🎥 In primo Piano con GIOVANNI GRANO - musicista

 

In Primo Piano 30. puntata. 

GIOVANNI GRANO, nato in Basilicata, ha compiuto gli studi di chitarra sotto la guida di Ruggero Chiesa diplomandosi brillantemente presso il Conservatorio G. Verdi di Milano, seguendo poi i corsi di perfezionamento tenuti da Oscar Ghiglia presso l’Accademia Chigiana di Siena e Gargnano e da H. Smith (liuto) a Sesto Fiorentino. Laureato "summa cum laude" presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bologna, ha proseguito gli studi sulla musica antica alla Scuola di Paleografia e Filologia Musicale di Cremona, pubblicando nel contempo - per le case editrici Bulzoni, Zanibon, E.ro.m. e Bèrben - saggi di carattere musicologico e revisioni di opere, per e con chitarra, rare o mai eseguite. Ha condotto per alcuni anni studi di composizione col M° F. Donatoni presso il Conservatorio di Milano e di direzione d'orchestra a Praga col M° J. Stvàn. La sua attività concertistica lo porta a esibirsi regolarmente a Parigi, Londra, Hannover, Brno, Mosca, New York, Dallas, Budapest, Losanna, Berlino, Pietroburgo. E’ stato invitato a tenere recitals in festivals esclusivi (Salisburgo, Zurigo, Ljubljana, Primavera di Praga, Festival Segovia 2002, Voronhez, Mantova Musica Festival, Spoleto Festival dei Due Mondi, Festival Intern. di Rust, Festival Intern. Mauro Giuliani) e in sale prestigiose - ove solo raramente vengono ospitati concerti di chitarra - ottenendo sempre entusiastici consensi di pubblico e critica (Tonhalle di Zurigo, Teatro Glinka di Pietroburgo, Conservatorio di Mosca, Sala Martinu-Liechtenstein Palace di Praga, Palau de la Musica di Valencia, Columbia University di New York, Auditorio Nacional di Madrid, Teatro Filarmonico di Tallinn, Teatro Filarmonico di Stettino, Teatro Bibiena di Mantova, Fundaciòn Andres Segovia di Linares). Ha effettuato registrazioni di concerti per la ORF austriaca, la RAI e la radiotelevisione tedesca, polacca, slovena, russa, cecoslovacca, messicana, spagnola, ungherese e rumena. È stato ospite del programma "radio 3 suite" (concerto-intervista) diffuso dal 3° programma nazionale. Suona in duo coi violinisti Vadim Brodsky e Pavel Berman, col violoncellista Mark Varshavski, con altri eminenti musicisti e in varie formazioni musicali, quali il sestetto “ Die Kammermusiker Zurich", la "Bratislava Chamber Orchestra", il quartetto Janacek, il quartetto Amati, Il quartetto Gaudeamus, l’Orchestra da camera Mozart di Praga e le orchestre filarmoniche di Stettino (Polonia), Teplice (Rep. Ceca) , Ljubliana (Slovenia), Brasov (Romania) impegnato nei concerti di Vivaldi, Carulli, Villa-Lobos, Rodrigo, Giuliani, Boccherini sotto la direzione di S. Marczyk, G. Costin, J. Stvàn, I. Ionescu-Galati tra gli altri. È stato invitato nel 1997 come guest professor a tenere un ciclo di seminari alla Columbia University di New York e una serie di conferenze su N. Paganini e L. Boccherini nel 2005, presso l’Università di Brasov (Romania) e l’ Università di Valencia (Spagna). Già docente di Letteratura poetica e drammatica e di Storia ed Estetica musicale, è titolare della cattedra di chitarra presso il Conservatorio F.E. Dall'Abaco di Verona. Viene spesso invitato a tenere master-classes e seminari in varie accademie internazionali (Rep.Ceca, Russia, Spagna, Germania, Francia, Romania, Slovenia, Ungheria, Italia, Svizzera, Polonia, Fondazione Showa Tokyo University) e negli U.S.A (N.Y. Columbia Univ., Dallas Eastfield College, Dallas U.T.A. University, Wesleyan University Connecticut). E' presidente e membro di giurie in vari concorsi di chitarra nazionali e internazionali(Mottola, Pescara, Voronhez, Rust, Cluj-Napoca, Brasov etc.). Eminenti autori (V. Kucera, A. Spirea, G. Bellucci, J. Zarate, V. Roncero, M. Simons etc.) gli hanno dedicato opere per chitarra sola, per formazioni da camera con chitarra e per chitarra e orchestra per prime esecuzioni. Recentemente ha eseguito un recital solistico presso la prestigiosa Royal Festival Hall di Londra. Nel giugno 2005 è stato insignito del titolo di Professore Onorario dal Senato Accademico della Facoltà di Musica dell’Università di Brasov e nel 2008 è stato invitato a tenere un master presso la prestigiosa Yale University. Ha inciso una serie di cd monografici dedicati alla musica romantica e contemporanea per chitarra, alle sonate di Paganini per violino e chitarra in duo con V. Brodsky per l’etichetta austriaca Zero Point Records. Ha pubblicato un altro cd, Phantasia, per l’etichetta italiana Symposium. Considerato dalla critica specializzata tra i migliori chitarristi europei della sua generazione, ha inoltre diretto artisticamente numerosi convegni e festivals internazionali tra i quali: Festival Internazionale della chitarra di Mantova, Festival del Vulture, Groznjan, S. Maria di Sala, Convegno Internazionale su G. Strozzi e G. M. Trabaci, Suoni nella Badia). E' direttore artistico del 'Verona International Guitar Festival'. Suona con una chitarra Kolya Panhuyzen del 1994

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Servizi Fotografici: Rionero. Inaugurazione Centro Fitness RF TRAINING (2 Ottobre 2021)

 

📷 Servizi Fotografici: Pro-Loco Ruvo del Monte. Presentazione del libro "L'Angolo di Armando" (13 Novembre 2021)

 

📰 Appuntamenti in primo Piano: 4^ Edizione DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore - Città di Eboli. Presentazione del libro “Il Monolite” di Paolo Itri

Eboli . Il 13 novembre, alle ore 18:00, presso Bistrot Patù, ci sarà la presentazione del libro “Il Monolite – Storie di camorra di un giudice Antimafia”, edito dalla casa editrice Piemme, nell'ambito della Rassegna Letteraria DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore. L'autore Poalo Itri, di origine Cilentane, nel suo libro ci racconta, attraverso le sue esperienze lavorative da magistrato, di quanto la Camorra può essere pericolosa. Il Palazzo di Giustizia napoletano è il più grande d'Italia, e probabilmente del mondo. Dopo anni trascorsi tra le sue mura, per il giudice Paolo Itri l'impressione è ancora quella di trovarsi di fronte al «monolite» di 2001. Odissea nello spazio. Un caos labirintico in cui ogni giorno si scrivono nuove pagine della tragedia e della commedia umana, un avamposto da cui Itri, con gli altri magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, ha condotto per lungo tempo la tormentata battaglia dello Stato contro la camorra