Passa ai contenuti principali

🎥 Interviste 2021: Lavello. Antica Cantina Forentum, eccellenza lucana.

 

8 Febbraio 2021 

Antica Cantina Forentum racchiude la sua promessa di unicità già nel nome: un invito a compiere un’esperienza esclusiva nei sapori autentici e nell’ospitalità genuina della Basilicata. “Antica”: come la storia e la tradizione della terra lucana a cui Appartiene, e che racconta attraverso il giusto tocco di rivisitazione. “Cantina”: ovvero il piccolo locale ricavato da una grotta del 1500 da cui l’avventura di Savino Di Noia e della sua famiglia è iniziata, ed oggi è divenuta un’importante realtà che celebra la riscoperta consapevole del territorio e la ricchezza delle sue tipicità. “Forentum”: l’antico nome di Lavello, dove sorgono il ristorante-pizzeria e il boutique hotel, in una dimora storica la cui bellezza s’impone straordinaria sulla piazzetta dell’incantevole borgo in provincia di Potenza.

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Servizi Fotografici: Rionero. Inaugurazione Centro Fitness RF TRAINING (2 Ottobre 2021)

 

📷 Servizi Fotografici: Pro-Loco Ruvo del Monte. Presentazione del libro "L'Angolo di Armando" (13 Novembre 2021)

 

📰 Appuntamenti in primo Piano: 4^ Edizione DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore - Città di Eboli. Presentazione del libro “Il Monolite” di Paolo Itri

Eboli . Il 13 novembre, alle ore 18:00, presso Bistrot Patù, ci sarà la presentazione del libro “Il Monolite – Storie di camorra di un giudice Antimafia”, edito dalla casa editrice Piemme, nell'ambito della Rassegna Letteraria DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore. L'autore Poalo Itri, di origine Cilentane, nel suo libro ci racconta, attraverso le sue esperienze lavorative da magistrato, di quanto la Camorra può essere pericolosa. Il Palazzo di Giustizia napoletano è il più grande d'Italia, e probabilmente del mondo. Dopo anni trascorsi tra le sue mura, per il giudice Paolo Itri l'impressione è ancora quella di trovarsi di fronte al «monolite» di 2001. Odissea nello spazio. Un caos labirintico in cui ogni giorno si scrivono nuove pagine della tragedia e della commedia umana, un avamposto da cui Itri, con gli altri magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, ha condotto per lungo tempo la tormentata battaglia dello Stato contro la camorra