Passa ai contenuti principali

đź“° Il posto delle fragole di Mario Coviello: La disciplina di Penelope di Gianrico Carofiglio


Ho appena finito di leggere questo libro che vi consiglio perchè racconta di Penelope Spada, e giĂ  sia il nome che il cognome sono la migliore presentazione del personaggio, un magistrato che “ha fatto una cazzata” ed è stata la sola a pagare. La incontriamo dopo una notte di sesso con un”culturista”, con in casa una sala attrezzi, che ama fare sesso guardandosi allo specchio e ha nel bagno le creme per il contorno occhi. Di quest’uomo Penelope non ricorda il nome, va via dalla sua casa la mattina presto per andare in un bar a bere un caffè corretto con il Jack Daniels e incontrare Mario Rossi,un marito a cui hanno ucciso la moglie Giuliana. E’ stato scagionato dall’accusa di omicidio, ma il magistrato,poichè che non è stato trovato il colpevole,ha scritto al termine delle indagini che su di lui gravavano “sospetti inquietanti”. “ Non voglio che mia figlia Sofia, che ha sette anni, da grande possa solo dubitare di me o addirittura convincersi che io possa aver ucciso sua madre. “ Penelope dice subito di no, non se la sente di accettare l’incarico, non ha mai fatto l’investigatrice , ma, quasi contro la sua stessa volontĂ , comincia ad indagare.

La aiutano “ un vecchio cronista di nera Zanardi, una via di mezzo fra un giornalista e uno sbirro, e un commissario Rocco Barbagallo, “ Mano di Pietra” perchè ama il pugilato e a cinquant’anni ancora si allena, anche se i giovani con lui sono “ senza riguardo”. Sono due amici che la stimano per il rigore e la determinazione. E lentamente Penelope, da giovane campionessa di canottaggio che non ha smesso di allenarsi in un parco e riesce a fare le trazioni, perchè “la forza è un’abilitĂ ” e perchĂ© da piccola si arrampicava sugli alberi, ricomincia a vivere. Si appassiona al caso e ricomincia a “costruire un vocabolario preciso per descrivere le proprie sensazioni interiori, perchè il miglior psicofarmaco è un buon vocabolario”, come le aveva consigliato la psicanalista. Combatte contro l’insonnia, il bere, il fumo, l’ansia di bruciare il tempo da vivere, e ci fa indagare, in una Milano grigia, le ragioni di una coppia che cade a pezzi perchè Mario è un’uomo senza ambizioni e Giulia, allenatrice e personal trainer, è una donna insoddisfatta che vuole cambiare vita, ma ha una figlia troppo piccola a cui non vuole fare del male. Leggendo gli atti delle indagini, visitando i luoghi del delitto, interrogando un’amica della vittima, Penelope ha un’intuizione che la porta a risolvere il caso: “Il maschile è la categoria predefinita, il criterio fondamentale della lettura del mondo: Dunque la causa fondamentale della cattiva comprensione del mondo. Si tratti di questioni fondamentali, si tratti di cose della vita quotidiana. Si tratti di indagini..” Deve tutto ad una cagna Olivia che è sempre “disciplinata, ma non sottomessa. “ Disciplina senza sottomissione: mi piacque molto, mi parve un’intuizione, e forse un’insegnamento. Un modo di essere nel mondo.Una cosa cui non avevo mai pensato prima e una possibile soluzione. Una scelta.” Amerete Penelope Spada che dalla nonna ha imparato le ninne nanne e la cucina, l’indipendenza e la capacitĂ  di fare magie. La amerete perchĂ© come il cane che riceve in dono.. “ è buonissima con i bambini e con le donne, ma è un pò diffidente con gli uomini..” tanto da portare in tasca un calzino con biglie d’acciaio, oltre il solito spray al peperoncino. La amerete perchĂ©, si racconta in prima persona e chi lo fa è un uomo, lo scrittore Gianrico Carofiglio, che, in questa era di pandemia che ha messo in discussione tutti i nostri parametri di vita, vuole darci un suggerimento da accogliere e fare nostro nella vita di tutti i giorni. 
 
Bella 16 febbraio 2021.

Commenti

Post popolari in questo blog

đź“° Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è piĂą e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone piĂą colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perchĂ© di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltĂ  e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressochĂ© inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perchĂ© sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

đź“° Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilitĂ  non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicitĂ ...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilitĂ  ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

đź“• Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interioritĂ    Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilitĂ    quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   PerchĂ© confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo