Passa ai contenuti principali

đź“° Segnalazione in primo Piano: "Marateale - Premio internazionale Basilicata" comincia a svelare le novitĂ  dell’edizione 2021

La XIII edizione si terrĂ  dal 27 al 31 luglio e tornerĂ  nella splendida location dell’Hotel Santa Venere a Maratea.
Cominciano a scaldarsi i motori della XIII edizione di "Marateale - Premio internazionale Basilicata" che si terrĂ  dal 27 al 31 luglio a Maratea, la “perla del Tirreno”. In un periodo storico particolarmente difficile per il cinema mondiale, il festival “di cinema per il cinema” – che vede in prima linea gli organizzatori Antonella Caramia (Presidente dell’Associazione Cinema Mediterraneo) e Nicola Timpone (Direttore artistico della manifestazione) - non si ferma e continua a lavorare per un programma ricco di contenuti, ospiti e sorprese e per portare avanti quella che è la sua mission sin dallo scorso anno: testimoniare il forte desiderio di ripartenza per tutto il settore culturale e cinematografico non solo del centro-sud, ma del nostro Paese in generale.

Moltissime le novitĂ  dell’edizione 2021, sempre nel rispetto delle linee guida dell’emergenza sanitaria da Covid-19. Innanzitutto la location di “Marateale” ritornerĂ  ad essere quella del “Teatro sul mare” dello splendido Hotel Santa Venere a Maratea: un “tempio” ideale che testimonierĂ  l’incontro fra cinema e glamour, cultura e spettacolo. Durante le cinque serate, inoltre, sarĂ  presente un’orchestra che accompagnerĂ  i vari momenti della kermesse e l’avvicendarsi degli ospiti che saliranno sul palco. Questo spazio sarĂ  a cura del Maestro Donato Giovinazzo. Ma non solo. Pur restando una rassegna cinematografica, “Marateale” vedrĂ  come protagonisti due importanti concorsi: il primo riguarderĂ  i cortometraggi lucani; grazie anche ai suoi 30km di costa incontaminata e le sue acque cristalline, il festival si apre al ‘green’ con un concorso internazionale.

L’organizzazione comincia a svelare anche i nomi dei prestigiosi ospiti legati al mondo del cinema, del teatro e della televisione che parteciperanno a “Marateale”. Oltre alla presenza di Alberto Barbera, Direttore della Mostra del Cinema di Venezia, Paolo Del Brocco, amministratore delegato di Rai Cinema, dei produttoriNicola Giuliano e Andrea Iervolino, saliranno sul palco di “Marateale” il maestro della commedia italianaCarlo Verdone, l’attore Stefano Fresi e il doppiatore Luca Ward. Anche quest’anno, inoltre, sono previste, all’interno del ricco programma, diverse masterclass dedicate ai giovani.
 
 “Siamo molto orgogliosi che anche quest’anno Marateale torni, certi che, dopo un autunno e un inverno molto difficile, segnerĂ  l’inizio degli eventi estivi dedicati al cinema e alla cultura in Italia” dichiara Nicola Timpone, che aggiunge: “Con ottimismo stiamo lavorando giorno e notte per organizzare una manifestazione che renda giustizia alla nostra terra, la Basilicata, e alla settima arte”.

Commenti

Post popolari in questo blog

đź“· Servizi Fotografici: Rionero. Inaugurazione Centro Fitness RF TRAINING (2 Ottobre 2021)

 

đź“· Servizi Fotografici: Pro-Loco Ruvo del Monte. Presentazione del libro "L'Angolo di Armando" (13 Novembre 2021)

 

đź“° Appuntamenti in primo Piano: 4^ Edizione DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore - CittĂ  di Eboli. Presentazione del libro “Il Monolite” di Paolo Itri

Eboli . Il 13 novembre, alle ore 18:00, presso Bistrot PatĂą, ci sarĂ  la presentazione del libro “Il Monolite – Storie di camorra di un giudice Antimafia”, edito dalla casa editrice Piemme, nell'ambito della Rassegna Letteraria DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore. L'autore Poalo Itri, di origine Cilentane, nel suo libro ci racconta, attraverso le sue esperienze lavorative da magistrato, di quanto la Camorra può essere pericolosa. Il Palazzo di Giustizia napoletano è il piĂą grande d'Italia, e probabilmente del mondo. Dopo anni trascorsi tra le sue mura, per il giudice Paolo Itri l'impressione è ancora quella di trovarsi di fronte al «monolite» di 2001. Odissea nello spazio. Un caos labirintico in cui ogni giorno si scrivono nuove pagine della tragedia e della commedia umana, un avamposto da cui Itri, con gli altri magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, ha condotto per lungo tempo la tormentata battaglia dello Stato contro la camorra