Passa ai contenuti principali

đź“° Segnalazione in primo Piano: "Marateale - Premio internazionale Basilicata" comincia a svelare le novitĂ  dell’edizione 2021

La XIII edizione si terrĂ  dal 27 al 31 luglio e tornerĂ  nella splendida location dell’Hotel Santa Venere a Maratea.
Cominciano a scaldarsi i motori della XIII edizione di "Marateale - Premio internazionale Basilicata" che si terrĂ  dal 27 al 31 luglio a Maratea, la “perla del Tirreno”. In un periodo storico particolarmente difficile per il cinema mondiale, il festival “di cinema per il cinema” – che vede in prima linea gli organizzatori Antonella Caramia (Presidente dell’Associazione Cinema Mediterraneo) e Nicola Timpone (Direttore artistico della manifestazione) - non si ferma e continua a lavorare per un programma ricco di contenuti, ospiti e sorprese e per portare avanti quella che è la sua mission sin dallo scorso anno: testimoniare il forte desiderio di ripartenza per tutto il settore culturale e cinematografico non solo del centro-sud, ma del nostro Paese in generale.

Moltissime le novitĂ  dell’edizione 2021, sempre nel rispetto delle linee guida dell’emergenza sanitaria da Covid-19. Innanzitutto la location di “Marateale” ritornerĂ  ad essere quella del “Teatro sul mare” dello splendido Hotel Santa Venere a Maratea: un “tempio” ideale che testimonierĂ  l’incontro fra cinema e glamour, cultura e spettacolo. Durante le cinque serate, inoltre, sarĂ  presente un’orchestra che accompagnerĂ  i vari momenti della kermesse e l’avvicendarsi degli ospiti che saliranno sul palco. Questo spazio sarĂ  a cura del Maestro Donato Giovinazzo. Ma non solo. Pur restando una rassegna cinematografica, “Marateale” vedrĂ  come protagonisti due importanti concorsi: il primo riguarderĂ  i cortometraggi lucani; grazie anche ai suoi 30km di costa incontaminata e le sue acque cristalline, il festival si apre al ‘green’ con un concorso internazionale.

L’organizzazione comincia a svelare anche i nomi dei prestigiosi ospiti legati al mondo del cinema, del teatro e della televisione che parteciperanno a “Marateale”. Oltre alla presenza di Alberto Barbera, Direttore della Mostra del Cinema di Venezia, Paolo Del Brocco, amministratore delegato di Rai Cinema, dei produttoriNicola Giuliano e Andrea Iervolino, saliranno sul palco di “Marateale” il maestro della commedia italianaCarlo Verdone, l’attore Stefano Fresi e il doppiatore Luca Ward. Anche quest’anno, inoltre, sono previste, all’interno del ricco programma, diverse masterclass dedicate ai giovani.
 
 “Siamo molto orgogliosi che anche quest’anno Marateale torni, certi che, dopo un autunno e un inverno molto difficile, segnerĂ  l’inizio degli eventi estivi dedicati al cinema e alla cultura in Italia” dichiara Nicola Timpone, che aggiunge: “Con ottimismo stiamo lavorando giorno e notte per organizzare una manifestazione che renda giustizia alla nostra terra, la Basilicata, e alla settima arte”.

Commenti

Post popolari in questo blog

đź“° Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è piĂą e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone piĂą colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perchĂ© di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltĂ  e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressochĂ© inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perchĂ© sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

đź“° Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilitĂ  non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicitĂ ...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilitĂ  ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

đź“° Segnalazioni in primo Piano: 22 APRILE: 51esima GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

Un chiaro esempio di tutela verso l'ambiente arriva dalla realtĂ  rionerese The Factory Best Class    La giornata mondiale della terra, che si celebra ogni anno il 22 aprile, è conosciuta in tutto il mondo come Earth Day, ed è l'evento "green" che riesce a coinvolgere un elevato numero di persone in tutto il mondo, sensibilizzando la salvaguardia dell'ambiente . L'idea di dedicare una giornata alla terra nacque negli anni '60, negli Stati Uniti , subito dopo la pubblicazione del libro manifesto ambientalista, "Primavera Silenziosa" di Rachel Carson, una biologa statunitense che ebbe molto successo e diede origine a notevoli movimenti ecologisti.