Passa ai contenuti principali

📰 Segnalazioni in Primo Piano: LA DOTT.SSA STEFANIA LAMANNA: PEDIATRA E SCRITTRICE


La dottoressa Stefania Lamanna rappresenta da tantissimi anni un punto di riferimento importante nel mondo della Pediatria dell’intera zona del Nord Basilicata. Svolge la sua professione con competenza e professionalità dal 1993, assistendo all’evoluzione generazionale di tutti i bambini e delle mamme mettendo a confronto l’epoca precedente e questa, denotando tante differenze sorprendenti, riferisce infatti di aver notato, nella società attuale, una prevalenza di digitalizzazione (soprattutto sotto l’aspetto dei social) piuttosto che aggregazioni interpersonali più partecipate e più vive. Con tutta se stessa si è sempre prodigata in prima persona per curare i bambini in maniera dettagliata, attenta, e soprattutto per ‘’educare’’ le mamme per quanto riguarda l’approccio psicologico, di educazione ed abitudine dei lori figli. La dott.ssa Lamanna sottolinea l’importanza di seguire oculatamente i bambini da 0 a 16 anni circa, affermando che secondo il suo parere professionale ogni età abbia qualcosa da verificare, controllare, sottolineare; ed evidenzia il vantaggio delle mamme di poter avere un affiancamento costante nella crescita del proprio figlio. Oltre alla professione di pediatra, la dott.ssa Lamanna alterna anche la passione verso la scrittura, infatti varie sono state le sue pubblicazioni come l’ultimo suo romanzo dal titolo ‘’Il Rimpianto Perfetto’’ (redatto nel 2019) al cui interno è narrata la storia di un’anima: parliamo di un libro di formazione, con molti flashback, apparentemente di semplice lettura ma tendente, in realtà, a richiedere molta attenzione da parte del lettore per poter essere ben decifrato. Racconta di una donna, a partire dalla sua infanzia in poi, con la sua sensibilità, felicità e dolori. L’autrice ha partecipato ad un concorso letterario importante come il premio ‘’Andrea Torresano’’ svoltosi ad Asola in provincia di Mantova classificandosi al secondo posto con la sua opera pregevole ‘’Il Rimpianto Perfetto’’. Dopo il successo precedente ottenuto con grande soddisfazione, la dott.ssa Lamanna ha già in programmazione un altro libro. Recentemente ha invece composto alcune singole poesie e alcuni singoli racconti che si incentrano in prevalenza sul tema della pandemia da Covid-19. Di questi scritti uno in particolare ci ha fortemente colpiti per le autentiche emozioni trasmesse, e, con il consenso stesso dell’autrice, ne riportiamo il contenuto: 
 
 ANNA 
Sono nata nel 1927, ho visto la spagnola e la guerra, ho amato Mussolini e cantato “Bella Ciao”, ho rispettato mia madre, onorato mio padre, adorato i miei fratelli. Vivo sola da cinquant’anni e mi hanno detto che devo fare la quarantena, di non uscire di casa, che sta girando un brutto virus che uccide i vecchi. La quarantena. Come nel Medioevo. Anche la Messa è sospesa e non posso più cantare nel coro, che mi faceva sentire tanto importante. Ci andavo ogni sera alla funzione delle sei, nella chiesa vicino casa, con il fard e il rossetto e una goccia di profumo. E’ a due passi da qui, ma ci riparava dalle bombe durante la guerra, e ora non posso andare nella mia Chiesa per un virus che neanche si vede. Mah. Io sono sempre stata bene, non prendo neanche la pillola per la pressione, ho solo questo maledetto ginocchio che mi fa male, ma il medico ha detto che almeno un dolore lo dovevo avere, alla mia età. La casa dove sto in affitto ha una veranda che dà proprio sul corso, ma le persone hanno la mascherina e non oso chiamarle, ho paura di sbagliare e che pensino che non ci veda più bene. E allora me ne sto dietro le tendine, con la luce spenta, e se riconosco qualcuno apro la finestra e lo chiamo, a piena voce, quasi ridendo. Due parole e vanno via in fretta, chissà perché, dal momento che nessuno ha più niente da fare. Richiudo la finestra e mi siedo, e guardo e foto di mio padre, mia madre, e dei miei fratelli, tutti morti, e le altre, più giovani ma di affetti così lontani che non li conosco più. Fuori è quasi buio, le finestre di fronte si accendono una a una, sarà ora di cena, ma io resto incollata ai vetri, chissà, magari riconosco ancora qualcuno. 
 
QUESTO RACCONTO E’ DEDICATO A UNA “SIGNORINA” MOLTO ANZIANA E MOLTO ARZILLA CHE VIVE A GENZANO DI LUCANIA, SOLA E IN COMPLETA AUTONOMIA. TRA LE PERSONE PIU’ SERENE E SEMPLICI CHE ​ IO ABBIA MAI CONOSCIUTO. HO CERCATO DI DESCRIVERE UNA DELLE SUE GIORNATE DI QUESTO STRANO PERIODO. 
 
Una donna esemplare, dunque, sia per quanto concerne l’aspetto professionale che per quello umano, di cui si ha sempre più un bisogno impellente. 
 
Francesco Preziuso, 
Carmen Piccirillo

Commenti

  1. Are you interested in the service of a hacker to get into a phone, facebook account, snapchat, Instagram, yahoo, Whatsapp, get verified on any social network account, increase your followers by any amount, bank wire and bank transfer. Contact him on= hackintechnology@gmail.com +12132951376(WHATSAPP)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

📷 Servizi Fotografici: Pro-Loco Ruvo del Monte. Presentazione del libro "L'Angolo di Armando" (13 Novembre 2021)

 

📰 Appuntamenti in primo Piano: 4^ Edizione DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore - Città di Eboli. Presentazione del libro “Il Monolite” di Paolo Itri

Eboli . Il 13 novembre, alle ore 18:00, presso Bistrot Patù, ci sarà la presentazione del libro “Il Monolite – Storie di camorra di un giudice Antimafia”, edito dalla casa editrice Piemme, nell'ambito della Rassegna Letteraria DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore. L'autore Poalo Itri, di origine Cilentane, nel suo libro ci racconta, attraverso le sue esperienze lavorative da magistrato, di quanto la Camorra può essere pericolosa. Il Palazzo di Giustizia napoletano è il più grande d'Italia, e probabilmente del mondo. Dopo anni trascorsi tra le sue mura, per il giudice Paolo Itri l'impressione è ancora quella di trovarsi di fronte al «monolite» di 2001. Odissea nello spazio. Un caos labirintico in cui ogni giorno si scrivono nuove pagine della tragedia e della commedia umana, un avamposto da cui Itri, con gli altri magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, ha condotto per lungo tempo la tormentata battaglia dello Stato contro la camorra

📰 Appuntamenti in primo Piano: LA CANTATA DEL CAFFÈ (KAFFEEKANTATE) DI J.S. BACH CONCERTO ACCADEMIA DUCALE CENTRO STUDI MUSICALI

Domenica il 21 novembre alle ore 16.00 a Pietragalla, presso il Salone del Palazzo Ducale, l’Accademia Ducale centro studi musicali propone al pubblico quella che viene definita una delle testimonianze più vivaci della vocalità profana di J.S. Bach, animata da una vena comica e da una grande capacità di penetrazione psicologica: La cantata del caffè (Kaffeekantate). È la divertente storia di un padre brontolone e conservatore, Schlendrian, interpretata da Carmine Giordano (basso) e della sua figlia ribelle Liesgen, interpretata dal soprano Filomena Solimando, a cui vorrebbe impedire di bere il caffè, la “diabolica bevanda”. Al tenore, Yoosang Yoon, spetta il compito di introdurre la scena e fare da narratore. Nella versione proposta dall’Accademia Ducale ai cantanti, che si esprimono in lingua tedesca, sono affiancati degli attori che interpreteranno a loro volta i personaggi, per rendere ancor più fruibile e divertente la cantata: Nicole Millo (Liesgen), Antonio Rom