Passa ai contenuti principali

📰 Segnalazioni in Primo Piano: LA DOTT.SSA STEFANIA LAMANNA: PEDIATRA E SCRITTRICE


La dottoressa Stefania Lamanna rappresenta da tantissimi anni un punto di riferimento importante nel mondo della Pediatria dell’intera zona del Nord Basilicata. Svolge la sua professione con competenza e professionalità dal 1993, assistendo all’evoluzione generazionale di tutti i bambini e delle mamme mettendo a confronto l’epoca precedente e questa, denotando tante differenze sorprendenti, riferisce infatti di aver notato, nella società attuale, una prevalenza di digitalizzazione (soprattutto sotto l’aspetto dei social) piuttosto che aggregazioni interpersonali più partecipate e più vive. Con tutta se stessa si è sempre prodigata in prima persona per curare i bambini in maniera dettagliata, attenta, e soprattutto per ‘’educare’’ le mamme per quanto riguarda l’approccio psicologico, di educazione ed abitudine dei lori figli. La dott.ssa Lamanna sottolinea l’importanza di seguire oculatamente i bambini da 0 a 16 anni circa, affermando che secondo il suo parere professionale ogni età abbia qualcosa da verificare, controllare, sottolineare; ed evidenzia il vantaggio delle mamme di poter avere un affiancamento costante nella crescita del proprio figlio. Oltre alla professione di pediatra, la dott.ssa Lamanna alterna anche la passione verso la scrittura, infatti varie sono state le sue pubblicazioni come l’ultimo suo romanzo dal titolo ‘’Il Rimpianto Perfetto’’ (redatto nel 2019) al cui interno è narrata la storia di un’anima: parliamo di un libro di formazione, con molti flashback, apparentemente di semplice lettura ma tendente, in realtà, a richiedere molta attenzione da parte del lettore per poter essere ben decifrato. Racconta di una donna, a partire dalla sua infanzia in poi, con la sua sensibilità, felicità e dolori. L’autrice ha partecipato ad un concorso letterario importante come il premio ‘’Andrea Torresano’’ svoltosi ad Asola in provincia di Mantova classificandosi al secondo posto con la sua opera pregevole ‘’Il Rimpianto Perfetto’’. Dopo il successo precedente ottenuto con grande soddisfazione, la dott.ssa Lamanna ha già in programmazione un altro libro. Recentemente ha invece composto alcune singole poesie e alcuni singoli racconti che si incentrano in prevalenza sul tema della pandemia da Covid-19. Di questi scritti uno in particolare ci ha fortemente colpiti per le autentiche emozioni trasmesse, e, con il consenso stesso dell’autrice, ne riportiamo il contenuto: 
 
 ANNA 
Sono nata nel 1927, ho visto la spagnola e la guerra, ho amato Mussolini e cantato “Bella Ciao”, ho rispettato mia madre, onorato mio padre, adorato i miei fratelli. Vivo sola da cinquant’anni e mi hanno detto che devo fare la quarantena, di non uscire di casa, che sta girando un brutto virus che uccide i vecchi. La quarantena. Come nel Medioevo. Anche la Messa è sospesa e non posso più cantare nel coro, che mi faceva sentire tanto importante. Ci andavo ogni sera alla funzione delle sei, nella chiesa vicino casa, con il fard e il rossetto e una goccia di profumo. E’ a due passi da qui, ma ci riparava dalle bombe durante la guerra, e ora non posso andare nella mia Chiesa per un virus che neanche si vede. Mah. Io sono sempre stata bene, non prendo neanche la pillola per la pressione, ho solo questo maledetto ginocchio che mi fa male, ma il medico ha detto che almeno un dolore lo dovevo avere, alla mia età. La casa dove sto in affitto ha una veranda che dà proprio sul corso, ma le persone hanno la mascherina e non oso chiamarle, ho paura di sbagliare e che pensino che non ci veda più bene. E allora me ne sto dietro le tendine, con la luce spenta, e se riconosco qualcuno apro la finestra e lo chiamo, a piena voce, quasi ridendo. Due parole e vanno via in fretta, chissà perché, dal momento che nessuno ha più niente da fare. Richiudo la finestra e mi siedo, e guardo e foto di mio padre, mia madre, e dei miei fratelli, tutti morti, e le altre, più giovani ma di affetti così lontani che non li conosco più. Fuori è quasi buio, le finestre di fronte si accendono una a una, sarà ora di cena, ma io resto incollata ai vetri, chissà, magari riconosco ancora qualcuno. 
 
QUESTO RACCONTO E’ DEDICATO A UNA “SIGNORINA” MOLTO ANZIANA E MOLTO ARZILLA CHE VIVE A GENZANO DI LUCANIA, SOLA E IN COMPLETA AUTONOMIA. TRA LE PERSONE PIU’ SERENE E SEMPLICI CHE ​ IO ABBIA MAI CONOSCIUTO. HO CERCATO DI DESCRIVERE UNA DELLE SUE GIORNATE DI QUESTO STRANO PERIODO. 
 
Una donna esemplare, dunque, sia per quanto concerne l’aspetto professionale che per quello umano, di cui si ha sempre più un bisogno impellente. 
 
Francesco Preziuso, 
Carmen Piccirillo

Commenti

  1. Are you interested in the service of a hacker to get into a phone, facebook account, snapchat, Instagram, yahoo, Whatsapp, get verified on any social network account, increase your followers by any amount, bank wire and bank transfer. Contact him on= hackintechnology@gmail.com +12132951376(WHATSAPP)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrà dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perché noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilità in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

📕 Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,

‍📰 Appuntamenti in Primo Piano: Arriva la Giornata Nazionale delle Pro Loco d’Italia, con il progetto “GLI ALBERI RACCONTANO QUAGLIETTA

  Quaglietta. La Giornata Nazionale delle pro Loco parte domenica 11 luglio, in Piazza San Nicola, dove la Pro Loco Aquae Electae APS, con il proprio gazebo, esporrà i prodotti tipici della Sagra di Qualità ZenziGusto, e chi lo vorrà potrà anche effettuare il tesseramento. La giornata continua alle ore 18:00, con l'inaugurazione del progetto “GLI ALBERI RACCONTANO QUAGLIETTA” realizzato in collaborazione con Pazza Gioia. Gli Alberi ci raccontano di Quaglietta - Il progetto nasce da un’idea di Pazza Gioia con la collaborazione della Pro Loco Aquae Electae APS. Le finalità sono quelle di: - Raccogliere detti popolari e proverbi in modo da risvegliare il ricordo di modi di dire dei nostri nonni, in chi a Quaglietta ci è nato e vissuto e che in un mondo globalizzato non è più abituato a sentire nella quotidianità. - Trasmettere alle nuove generazioni il legame con un mondo ed un passato che velocemente è stato spazzato via, che non esiste più, e dal quale si possono trarre innumer