Passa ai contenuti principali

đź“° Segnalazioni in primo Piano: La poetessa rionerese Marisa Ferrara prosegue nel suo cammino letterario.


La passione per la poesia della scrittrice rionerese Marisa Ferrara nasce sin dall'infanzia: riferisce, infatti, di aver iniziato ad incanalare i suoi primi passi verso la scrittura sin dalle scuole medie, dove esprimeva i suoi pensieri mettendoli nero su bianco su un giornalino scolastico denominato "Il Piccolo Bazar". I suoi primi versi furono molto apprezzati dal suo prof. di Lettere, a tal punto da invitarla, con tanta gioia, a continuare con perserveranza nel suo cammino letterario, prevedendo sin dal principio un grande successo che, in effetti, negli anni successivi, è diventato ampio. Il primo libro pubblicato risale all'anno 2011, intitolato "Arte, poesia e pensieri sulla vita", che tocca temi che riguardano l'anima, l'interiorità, come stati d'animo, riflessioni profonde, sofferenze e momenti sereni, felici. Le pubblicazioni successive sono state svariate come "Emozioni'' (2013), "Sensazioni" (2015). Un aspetto prevalente nei suoi scritti è la volontà nitida, limpida ed estremamente argomentativa di esprimere la voglia di guardare avanti, sempre, senza mai mollare, senza mai arrendersi, nonostante i tanti momenti bui che, inevitabilmente, possono accadere nella vita.

 

Tanti, i riconoscimenti e i premi che Marisa Ferrara si è aggiudicata nel corso degli anni come i premi di merito rilasciati dall'associazione artistico-letteraria Engel Von Bergeiche fondata da Rossella Calderone. Un altro tassello importante da segnalare è la sua grande e innata capacitĂ  di tramandare con tanta sensibilitĂ  la sua passione, infatti sua figlia, Assunta Dorotea Ferrara, una bambina di soli 10 anni, ha seguito con grande interesse ed entusiasmo la propensione della mamma fino a prenderne un immenso spunto. Non a caso ha pubblicato anch'essa, di recente, nonostante la sua giovanissima etĂ , il suo primo libro intitolato "I pensieri di una bambina'': un libro colmo di tante sensazioni esplicitate "di getto", con spontaneitĂ , con scorrevolezza, che esprimono la bellezza delle piccole cose captate nel mondo dell'infanzia, con una semplicitĂ  commovente che solo un bambino sa tirar fuori; un libro colmo di tanti aspetti che lasciano trapelare la voglia di far crescere questa costruttiva passione per la scrittura, per ampliarla e renderla qualcosa dalla quale poter avvertire un'emozione grande, sincera, partecipata e creare uno scambio culturale esponenziale tra chi legge e chi scrive. I progetti futuri di Marisa Ferrara e Assunta Dorotea Ferrara sono tanti, come la probabilitĂ  di scrivere un libro di poesie in collaborazione. Una mamma e una figlia che hanno in comune uno strumento straordinario: la POTENZA e la FORZA della penna per esprimersi e lasciare un "segno"... 

 Carmen Piccirillo

Commenti

Post popolari in questo blog

đź“° Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è piĂą e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone piĂą colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perchĂ© di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltĂ  e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressochĂ© inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perchĂ© sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

đź“° Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilitĂ  non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicitĂ ...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilitĂ  ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

đź“• Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interioritĂ    Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilitĂ    quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   PerchĂ© confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo