Passa ai contenuti principali

📰 Segnalazioni in Primo Pino: Recensione di Carmen Piccirillo "L'alba e il tramonto" Michele Libutti


Sono tanti, i libri del Dott.Libutti che ho avuto modo di leggere con curiosità, con commozione e con non poco entusiasmo. Ne ho recensiti alcuni con umiltà ma con grande piacere e, con il consenso di Pino Di Lucchio e dei coordinatori di redazione di "TG7 Basilicata", mi ha fatto estremamente piacere vedere le stesse recensioni pubblicate su queste piattaforme web. In questi ultimi tempi ho avuto modo di leggere "L'alba e il tramonto", un volume che Michele Libutti ha pubblicato nell'anno 2018. Un libro nel quale l'autore si mette alla prova utilizzando un genere letterario diverso, focalizzandosi sulla poesia, una poesia non comune, non espressa tramite le regole prefissate come la rima o la metrica, ma fuoriuscita da un componimento scorrevole, spontaneo, schietto, nel quale si capta, nel complesso, la totale inesistenza di meccamismi patinati o sovrastrutture varie. 
I temi trattati sono molteplici: 
la complessità e la bellezza nei rapporti interpersonali; 
gli amori passionali e distratti; 
i valori della vita; 
le tristezze e le gioie; 
la quotidianità caratterizzata da tanti episodi tanto imprevedibili quanto paradossali e ricchi, a volte, di sincronicità... 
 Il tutto è reso ulteriormente affascinante da un'ironia sottile di fondo, che rende i versi colmi di una sensazione di sorriso, che viene innescata principalmente dal grande intuito di chi scrive, per creare una connessione autentica con chi legge. Il libro ''L'alba e il tramonto" contiene una significativa componente pedagogica, che traspare nitidamente per indicarci una strada giusta, corretta, senza mai imporci nessuna regola unica per vivere, ma grazie alle riflessioni nate dalla lettura attenta di questo lavoro, si riesce con naturalezza a trarre chiare conclusioni e chiavi di lettura attraenti (naturalmente soggettive). Si evince, con facilità, l'importanza che l'autore dà all'aspetto puramente spirituale dell'essere umano, come l'anima, principio immateriale, eterno e immortale che rende "vivi", sempre, anche quando perdiamo il senso dell'orientamento, quando ci sentiamo smarriti, amareggiati, tristi. È l'anima che ci ricorda che possiamo fidarci di lei, se solo ascoltiamo i "messaggi" che vuole lanciarci, se solo ci focalizziamo sulle sensazioni che ci rimanda, per trovare un senso, un senso profondo a ciò che ci circonda e un senso a noi stessi. Lo stesso senso che Michele Libutti ha trovato grandemente nelle piccole cose che rendono la vita stracolma di "casualità" non casuali: tutto ciò viene esplicitato nei suoi scritti con un pathos inconfondibile. Un libro che può insegnare a vivere, senza la pretesa di volerlo fare ma con una sana delicatezza per "arrivare" a chi sa accogliere un input per introspezionarsi e guardare alla vita con emozione e razionalità allo stesso tempo. 
 
Carmen Piccirillo

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo