Passa ai contenuti principali

📰 Il posto delle fragole di Mario Coviello: La frontiera di Alessandro Leogrande, Universale Economica Feltrinelli, 2017.


Ho appena finito di leggere “ La frontiera”, un saggio di Alessandro Leogrande, pubblicata dalla Universale Economica Feltrinelli nel 2017 e che vi consiglio di leggere perchè ci aiuta a capire il mondo che viviamo, i tempi difficili che stiamo attraversando. Per molti anni Leogrande si è occupato degli “stranieri” che arrivano in Italia dall’Asia e dall’Africa e come vicedirettore del mensile “ Lo straniero”, come giornalista del “ Corriere del Mezzogiorno”, del “ Riformista” e con trasmissioni su Radio Tre ha raccontato le loro vite, le torture che hanno subito, le lingue che hanno imparato, le ragioni delle partenze, gli arrivi sempre provvisori. le speranze, i progetti di vita.​ “La frontiera” racconta questo suo cammino dentro una umanità dilaniata, la voglia di comprendere del suo autore.E sono le persone che incontra Ahimid, Yvan, Gabriel, don Mussie, Alganesh, Shorsh, persone che vengono dall’Eritrea, dal Pakistan,dalla Siria,dal Kurdistan, dalla Nigeria che, attraverso i loro racconti dolorosi, difficili, racconti ascoltati nel corso di anni di frequentazioni, che noi lettori abbiamo la possibilità di avvicinarci alla comprensione del perchè. Perchè queste persone fuggono, perchè trascorrono anni della loro vita tra fatiche, paure, terrore per arrivare in Italia e nel nord dell’Europa. Le storie di queste persone ci fanno conoscere la crudeltà dei trafficanti che arrivano ad uccidere chi non può pagare una tappa del viaggio per vendere i loro organi, con un commercio sempre più fiorente. Alessandro Leogrande, da testimone privilegiato, impegnato in prima linea nella difesa dei diritti di queste persone e di questi popoli, racconta la crudeltà e l’inefficacia delle politiche italiane e dell’Unione Europea nel tentativo di governare il fenomeno dei flussi migratori. Al centro delle sue riflessioni l’autore pone il concetto di “frontiera” e spiega che la frontiera muta in continuazione con il variare degli accadimenti e i muri, il filo spinato, le dogane, le polizie di frontiera, le navi militari non fermano questi flussi mentre i trafficanti, gli scafisti, i passeurs, i mercanti di uomini,i politici corrotti li sanno governare per trarre il massimo del profitto. Alessandro Leogrande ci trascina in un viaggio doloroso ma necessario lungo la frontiera che divide il sud dal nord del mondo, ma non si limita a fermarsi lungo quella linea immaginaria, la scavalca con intraprendenza e ci porta nei paesi da cui i migranti provengono andando ad indagare e sviscerare le cause dei terribili conflitti, delle dittature, dei campi di concentramento che portano queste persone ad affrontare viaggi altrettanto terribili e disumanizzanti nella speranza di un futuro migliore. Leogrande ci prende per mano, ci mostra la cruda realtà dei fatti e con una semplicità ed un’accuratezza disarmante spiega e analizza eventi storici e politici complessi e dalle mille sfaccettature. Un libro bellissimo,doloroso,crudo ma assolutamente necessario per comprendere il presente e per capire che, nonostante la storia coloniale italiana sia un periodo del passato col quale crediamo di aver fatto i conti in realtà non è così, poiché la scia di quel processo abominevole che è il colonialismo e le sue conseguenze sono ancora vive nei paesi che abbiamo depredato per assicurarci il famigerato ‘posto al sole’, comprenderlo è necessario per avere una visione chiara del problema. Leogrande con analisi approfondite dimostra che le politiche dei respingimenti alle frontiere, dei blocchi navali, dei centri di raccolta e detenzione sono fallimentari, costano migliaia di vite innocenti che si trovano in fondo al ​ mare Mediterraneo e in tombe senza nome e sofferenze che segnano per sempre i sopravvissuti che a milioni vivono oggi nelle nostre città e nei nostri paesi. La “Frontiera” è un grido contro la violenza, contro le sofferenze che sono impresse nelle carni dei migranti e il dipinto del Caravaggio che si trova a Roma nella chiesa di San Luigi dei Francesi la “Vocazione e il Martirio di San Matteo” serve a Leogrande per descrivere la violenza del mondo. Il libro è ricco di informazioni necessarie: la solidarietà e l’impegno di uomini e donne che si spendono per aiutare queste persone, la capacità che gli immigrati hanno di adattarsi ai nuovi contesti e resistere comunque. La penna di Leogrande è unica ed è un peccato che ci abbia lasciati così presto. Dal duemila mi sono occupato di immigrati. Ho diretto l’Istituto Comprensivo di Bella , frequentato da da alunni provenienti dal Marocco e dalla Romania, ho conosciuto e frequentato tante persone provenienti da questi paesi per il mio impegno nella Caritas parrocchiale. Come presidente del Comitato Provinciale Unicef di Potenza ho raccontato le storie di minori stranieri non accompagnati a migliaia di alunni delle scuole della provincia di Potenza con il docu- film Unicef “ Sottopelle” di Giuseppe Russo.​ Questo libro di Alessandro Leogrande è una lettura che consiglio a tutte le persone che vogliono capire i tempi che stiamo vivendo e guardare il mondo dalla parte degli ultimi, come ci insegna Papa Francesco.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📰 Segnalazioni in primo Piano: 22 APRILE: 51esima GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

Un chiaro esempio di tutela verso l'ambiente arriva dalla realtà rionerese The Factory Best Class    La giornata mondiale della terra, che si celebra ogni anno il 22 aprile, è conosciuta in tutto il mondo come Earth Day, ed è l'evento "green" che riesce a coinvolgere un elevato numero di persone in tutto il mondo, sensibilizzando la salvaguardia dell'ambiente . L'idea di dedicare una giornata alla terra nacque negli anni '60, negli Stati Uniti , subito dopo la pubblicazione del libro manifesto ambientalista, "Primavera Silenziosa" di Rachel Carson, una biologa statunitense che ebbe molto successo e diede origine a notevoli movimenti ecologisti.