Passa ai contenuti principali

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Suonala ancora, Sam – Le più belle battute del grande Cinema


Scritto da Roberto Casalini (Bompiani, 2021)

“Il cinema racchiude in sé altre arti; così come ha caratteristiche proprie della letteratura, ugualmente ha connotati del teatro, un aspetto filosofico e attributi improntati alla pittura, alla scultura, alla musica.” E’ la definizione che dava del Cinema un grande maestro, il giapponese Akira Kurosawa (1910-1998). E proprio dell’aspetto letterario questo libro (fresco di stampa) ne esalta le virtualità: Suonala ancora, Sam – Le più belle battute del grande Cinema. L’autore è Roberto Casalini, che con la moglie Paola ha pubblicato la nuova edizione a 20 anni di distanza dalla precedente. Circa 650 pagine, impreziosite mediante un lavoro certosino, che raccolgono oltre 7500 battute, le più esilaranti e anche più rappresentative ed efficaci tratte da oltre 1500 film. Numeri considerevoli. Ordinate per temi ed argomenti, l’opera può essere trattata come si fa con i dizionari, per film di genere ed effetti etici. Dalla comparsa del cinema sonoro, dunque, lo spettatore ascolta e rimane testimone vitale di ogni sequenza: pertanto, gli autori si sono cimentati in un gioco di assoluta valenza letteraria, recuperando le migliaia di battute che spesso rappresentano ormai un proprio lessico quotidiano. Dalla magia della sala buia le frasi hanno accompagnato e talvolta sono entrate a far parte dei modi di dire di tutti noi. Oggi, rileggendo (o riascoltando) la battuta di Vittorio Gassman ne “Il sorpasso” di Dino Risi, ci sovviene il momento drammatico che stiamo vivendo, più attuale che mai: “ Porca miseria, quando vedo la città così vuota, con le strade vuote, i negozi chiusi, io mi avvilisco ”. O, ancora, la battuta di Nanni Moretti nel suo “Aprile” rivolto a D’Alema: “ Dì qualcosa di sinistra ”, è lungimirante ad oltranza. Filosofia e teologia declinate a modo suo, da Woody Allen, in “ Manhattan”: "Be', ma noi siamo persone, solo esseri umani, sai: tu ti credi Dio!" – “Io, io a qualche modello dovrò pure ispirarmi!” L ’amore per il cinema: Francois Truffaut nel suo “Effetto notte” fa dire a Nathalie Baye: “ Io per un film potrei piantare un uomo, ma per un uomo non pianterei mai un film. ” Kate Winslet, straordinaria in “Carnage” di Roman Polanski, sostiene: “ Un uomo che non emana vibrazioni da bel tenebroso è come se fosse privo di consistenza ”. Uomini di fascino come l’agente 007, il primo e più amato James Bond- Sean Connery, nel suo “Mission Goldfinger” tratto da Ian Fleming (e scopriamo inoltre che Erno Goldfinger era un architetto inglese di origine ungherese che ricostruì Londra dopo la Seconda Guerra mondiale). ​ “Persona” di Ingmar Bergman ci dice che: “Conta ciò che ci sforziamo di essere, non ciò che otteniamo”. Infine, l’omaggio al film che dà titolo al libro (da “Casablanca” di Michael Curtiz), ma la battuta è ancora una volta di Woody Allen nel suo “Provaci ancora, Sam”: “- Noi sappiamo che il tuo posto è con Dick. Sei parte del suo lavoro, gli dai la forza di andare avanti. Se quell’aereo decolla e tu non sarai con lui, te ne pentirai. Magari non oggi, e forse neanche domani, ma presto, e per il resto della tua vita. 

- Oh Sam, che belle parole! 

- Sono di Casablanca. Ho aspettato tutta la vita per usarle

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Servizi Fotografici: Pro-Loco Ruvo del Monte. Presentazione del libro "L'Angolo di Armando" (13 Novembre 2021)

 

📰 Appuntamenti in primo Piano: 4^ Edizione DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore - Città di Eboli. Presentazione del libro “Il Monolite” di Paolo Itri

Eboli . Il 13 novembre, alle ore 18:00, presso Bistrot Patù, ci sarà la presentazione del libro “Il Monolite – Storie di camorra di un giudice Antimafia”, edito dalla casa editrice Piemme, nell'ambito della Rassegna Letteraria DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore. L'autore Poalo Itri, di origine Cilentane, nel suo libro ci racconta, attraverso le sue esperienze lavorative da magistrato, di quanto la Camorra può essere pericolosa. Il Palazzo di Giustizia napoletano è il più grande d'Italia, e probabilmente del mondo. Dopo anni trascorsi tra le sue mura, per il giudice Paolo Itri l'impressione è ancora quella di trovarsi di fronte al «monolite» di 2001. Odissea nello spazio. Un caos labirintico in cui ogni giorno si scrivono nuove pagine della tragedia e della commedia umana, un avamposto da cui Itri, con gli altri magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, ha condotto per lungo tempo la tormentata battaglia dello Stato contro la camorra

📰 Appuntamenti in primo Piano: LA CANTATA DEL CAFFÈ (KAFFEEKANTATE) DI J.S. BACH CONCERTO ACCADEMIA DUCALE CENTRO STUDI MUSICALI

Domenica il 21 novembre alle ore 16.00 a Pietragalla, presso il Salone del Palazzo Ducale, l’Accademia Ducale centro studi musicali propone al pubblico quella che viene definita una delle testimonianze più vivaci della vocalità profana di J.S. Bach, animata da una vena comica e da una grande capacità di penetrazione psicologica: La cantata del caffè (Kaffeekantate). È la divertente storia di un padre brontolone e conservatore, Schlendrian, interpretata da Carmine Giordano (basso) e della sua figlia ribelle Liesgen, interpretata dal soprano Filomena Solimando, a cui vorrebbe impedire di bere il caffè, la “diabolica bevanda”. Al tenore, Yoosang Yoon, spetta il compito di introdurre la scena e fare da narratore. Nella versione proposta dall’Accademia Ducale ai cantanti, che si esprimono in lingua tedesca, sono affiancati degli attori che interpreteranno a loro volta i personaggi, per rendere ancor più fruibile e divertente la cantata: Nicole Millo (Liesgen), Antonio Rom