Passa ai contenuti principali

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Suonala ancora, Sam – Le più belle battute del grande Cinema


Scritto da Roberto Casalini (Bompiani, 2021)

“Il cinema racchiude in sé altre arti; così come ha caratteristiche proprie della letteratura, ugualmente ha connotati del teatro, un aspetto filosofico e attributi improntati alla pittura, alla scultura, alla musica.” E’ la definizione che dava del Cinema un grande maestro, il giapponese Akira Kurosawa (1910-1998). E proprio dell’aspetto letterario questo libro (fresco di stampa) ne esalta le virtualità: Suonala ancora, Sam – Le più belle battute del grande Cinema. L’autore è Roberto Casalini, che con la moglie Paola ha pubblicato la nuova edizione a 20 anni di distanza dalla precedente. Circa 650 pagine, impreziosite mediante un lavoro certosino, che raccolgono oltre 7500 battute, le più esilaranti e anche più rappresentative ed efficaci tratte da oltre 1500 film. Numeri considerevoli. Ordinate per temi ed argomenti, l’opera può essere trattata come si fa con i dizionari, per film di genere ed effetti etici. Dalla comparsa del cinema sonoro, dunque, lo spettatore ascolta e rimane testimone vitale di ogni sequenza: pertanto, gli autori si sono cimentati in un gioco di assoluta valenza letteraria, recuperando le migliaia di battute che spesso rappresentano ormai un proprio lessico quotidiano. Dalla magia della sala buia le frasi hanno accompagnato e talvolta sono entrate a far parte dei modi di dire di tutti noi. Oggi, rileggendo (o riascoltando) la battuta di Vittorio Gassman ne “Il sorpasso” di Dino Risi, ci sovviene il momento drammatico che stiamo vivendo, più attuale che mai: “ Porca miseria, quando vedo la città così vuota, con le strade vuote, i negozi chiusi, io mi avvilisco ”. O, ancora, la battuta di Nanni Moretti nel suo “Aprile” rivolto a D’Alema: “ Dì qualcosa di sinistra ”, è lungimirante ad oltranza. Filosofia e teologia declinate a modo suo, da Woody Allen, in “ Manhattan”: "Be', ma noi siamo persone, solo esseri umani, sai: tu ti credi Dio!" – “Io, io a qualche modello dovrò pure ispirarmi!” L ’amore per il cinema: Francois Truffaut nel suo “Effetto notte” fa dire a Nathalie Baye: “ Io per un film potrei piantare un uomo, ma per un uomo non pianterei mai un film. ” Kate Winslet, straordinaria in “Carnage” di Roman Polanski, sostiene: “ Un uomo che non emana vibrazioni da bel tenebroso è come se fosse privo di consistenza ”. Uomini di fascino come l’agente 007, il primo e più amato James Bond- Sean Connery, nel suo “Mission Goldfinger” tratto da Ian Fleming (e scopriamo inoltre che Erno Goldfinger era un architetto inglese di origine ungherese che ricostruì Londra dopo la Seconda Guerra mondiale). ​ “Persona” di Ingmar Bergman ci dice che: “Conta ciò che ci sforziamo di essere, non ciò che otteniamo”. Infine, l’omaggio al film che dà titolo al libro (da “Casablanca” di Michael Curtiz), ma la battuta è ancora una volta di Woody Allen nel suo “Provaci ancora, Sam”: “- Noi sappiamo che il tuo posto è con Dick. Sei parte del suo lavoro, gli dai la forza di andare avanti. Se quell’aereo decolla e tu non sarai con lui, te ne pentirai. Magari non oggi, e forse neanche domani, ma presto, e per il resto della tua vita. 

- Oh Sam, che belle parole! 

- Sono di Casablanca. Ho aspettato tutta la vita per usarle

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrà dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perché noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilità in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

‍📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture senza cinema e teatro, dopo 150 anni

Una comunità, senza una sua piazza-agorà e senza un teatro, annienta ed annichilisce una storia che ha quasi tre millenni, ed è indegna di chiamarsi tale. Non è comunità, ma congerie irrilevante di case e di abitanti. E’ l’amara considerazione che scaturisce all’interno comunità di Rionero in Vulture, che da quasi un decennio non ha più un suo cinema né teatro. Nonostante tutto, il CineClub “De Sica” Cinit - che abbiamo fondato da quasi un trentennio - non smette le proprie attività di cultura cinematografica, compiendone almeno una quarantina ogni anno, non solo nella città fondativa. Si utilizzano sale di “fortuna” (centro Anziani, giovanile parrocchiale) adibendole alla bisogna, oppure realizzando proiezioni in arene d’estate (come a Monticchio) o in atri storici (Giardino palazzo Fortunato). “Portatori sani di bellezza” definisce il sociologo De Masi chi diffonde cultura. 

📕 Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,