Passa ai contenuti principali

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Dante e il Cinema

 
Era il 1965 quando la Rai trasmetteva Vita di Dante , sceneggiato televisivo in tre puntate diretto da Vittorio Cottafavi , su sceneggiatura di Giorgio Prosperi : si celebrava così il settecentesimo anniversario della nascita del sommo poeta. Nei panni di Dante un autorevole Giorgio Albertazzi , affiancato da Loretta Goggi giovanissima Beatrice Portinari , dalla presenza "muta e simbolica”. Figurano anche Renzo Palmer , Luigi Vannucchi , attori rivenienti dal teatro, e Riccardo Cucciolla con la sua calda voce narrante. Siamo ora al settecentesimo anniversario della scomparsa del Sommo poeta, ed è propizio avventurarsi in un breve viaggio nella cinematografia ispirata ai suoi versi immortali. Siamo nel 1911, agli albori del cinema muto: Francesco Bartolini insieme a Giuseppe de Liguoro e Adolfo Padovan girano in un bellissimo bianco e nero, L’Inferno , su produzione di Milano Films; la fotografia (magistrale per quegli anni) affidata ad Emilio Roncarolo con la scenografia di Sandro Properzi. Gli interpreti: Salvatore Papa nei panni di Dante mentre Arturo Pirovano è Virgilio; Giuseppe de Liguoro interpreta più ruoli: Farinata degli Uberti , Pier della Vigna , Ugolino della Gherardesca . Il film gode di adattamenti scenici realizzati con non poche difficoltà, ispirati alle illustrazioni di Gustave Doré. Dante si ritrova smarrito in una selva oscura, e il suo disorientamento viene confortato da Virgilio che lo guiderà, conforterà e proteggerà per tutta la durata della discesa lungo i gironi infernali. Fanno tenerezza i personaggi, che si muovono circospetti e idealizzati. Enunciano una palpabile incertezza verso un divenire insondabile. Il film della Milano Films ebbe lo stesso anno la concorrenza della più piccola Casa di produzione, la Helios Film che, sfruttando la pubblicità dell'altro film, e forte dello stesso titolo, produsse un Inferno meno colossale e con taluni rimandi erotici per quel tempo, come ad esempio si mostra il seno nudo di Francesca . Nel 1949 Riccardo Freda gira “ Il Conte Ugolino ” con Carlo Ninchi. Dante lo scorge nell’Antenora, insieme a Virgilio: si era macchiato di tradimento per non aver eseguito gli ordini di Papa Bonifacio VIII. Il film racconta del complotto che il cardinal Ruggieri organizza ai suoi danni. Così, Ugolino e i suoi figli maschi vengono murati vivi, nonostante la figlia riesca a smascherare il diabolico piano. ​ Siamo sempre nell’Inferno, i gironi che maggiormente hanno ispirato l’arte, il teatro, la recitazione (pensiamo a Carmelo Bene, Albertazzi, e in ultimo Benigni) e non ultimo il cinema. La divina commedia ( A Divina Comédia ) è del 1991, presentato alla Mostra di Venezia da Manoel de Oliveira , il più grande regista portoghese (scomparso nel 2015 a 106 anni) molto attivo e ammirato nel mondo. Il titolo può tradire in quanto, della maestosa opera dantesca, ne riprende lo spirito, in una apparente antitesi tra bene e male, tra santità e peccato. De Oliveira ambienta la narrazione i n una casa di cura (quale girone dantesco) nella quale alcuni malati credono di essere personaggi della Fede: Gesù , Lazzaro , Adamo , Maria , persuasi di essere protagonisti di opere immortali di Dostoevskij : Raskol'nikov e Sonja di Delitto e castigo , Ivan e Alëša dei Fratelli Karamazov . Nel 1985 Jean Luc Godard gira Je vous salue Marie non senza polemiche per una vaga blasfemia, talvolta presente nelle opere dell’autore della nouvelle vague . Il titolo è l’annuncio della maternità a Maria, il 25 marzo, appunto, che coincide con le prime pagine scritte della Divina Commedia. In un più vasto ambito intellettuale si può inquadrare il 25 Marzo, la data dantesca per eccellenza, nella quale ebbe inizio la scrittura del Capolavoro di tutti i tempi; e che Jorge Luis Borges definì: il più bel libro scritto dagli uomini . Contaminazioni intellettuali e continue ispirazioni vedono in Dante e nel suo Capolavoro un assoluto naturale, tenuto in costante considerazione perché ineguagliabile. 
 
Così Dante nel Paradiso XXI, 29-31, “...di color d’oro in che raggio traluce / vid’io uno scaleo eretto in suso / tanto, che nel seguiva la mia luce...”

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📰 Segnalazioni in primo Piano: 22 APRILE: 51esima GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

Un chiaro esempio di tutela verso l'ambiente arriva dalla realtà rionerese The Factory Best Class    La giornata mondiale della terra, che si celebra ogni anno il 22 aprile, è conosciuta in tutto il mondo come Earth Day, ed è l'evento "green" che riesce a coinvolgere un elevato numero di persone in tutto il mondo, sensibilizzando la salvaguardia dell'ambiente . L'idea di dedicare una giornata alla terra nacque negli anni '60, negli Stati Uniti , subito dopo la pubblicazione del libro manifesto ambientalista, "Primavera Silenziosa" di Rachel Carson, una biologa statunitense che ebbe molto successo e diede origine a notevoli movimenti ecologisti.