Passa ai contenuti principali

📰 Segnalazione in Primo Pino: "Appunti di Matera sotterranea 4. Foggiali"


Pubblicato Foggiali, il quarto volume della collana Appunti di Matera sotterranea a cura di Enzo Viti e Teresa Lupo, Edizioni Magister.

Pronti, partenza, via! La primavera culturale materana inizia all'insegna dell'entusiasmo, e non poteva essere altrimenti. L'avventura della fortunata collana Appunti di Matera sotterranea, dopo il successo del terzo numeroAbbondanza che ha ricevuto un grosso eco mediatico nazionale, continua con un'altra perla del sottosuolo: Foggiali.

I foggiali, sono delle fosse scavate nella tenera calcarenite, dei silos ipogei che in passato venivano utilizzati per stivare cereali e altre derrate alimentari.  

Lo studio che i due autori della collana, Enzo Viti e Teresa Lupo, hanno realizzato, è il primo che affronta in maniera analitica il tema e che ha riportato alla luce, in maniera topografica, il perimetro della vasta area cittadina chiamata “Piana dei foggiali”, un'area di circa 15.000 metri quadri, un tempo aperta campagna, oggi completamente sommersa dalle affastellate costruzioni tipiche dei Sassi e, fino a ieri, dimenticata.

È al di sotto delle abitazioni che si è concentrata la ricerca, negli ipogei scavati nel corso del tempo che hanno inglobato i preesistenti foggiali, lasciando sui soffitti la traccia indelebile della loro presenza.

Dopo aver censito tutti gli ipogei del piano, è stato possibile isolare la zona in cui queste fosse sono presenti in numero ragguardevole e incrociando i dati con le poche fonti documentaristiche conosciute, è stato possibile definire in maniera scientifica i limiti della Piana dei foggiali, aprendo così una riflessione sull'importanza che deve aver avuto questa cospicua attività produttiva per l'economia del passato cittadino materano.

Certamente questa pubblicazione servirà agli studiosi per una riscrittura della storia materana che non è stato solo vergogna e povertà, come frettolosamente e arbitrariamente in molti hanno scritto.

Il volume è composto da 64 pagine illustrate da straordinarie tavole architettoniche e disegni di ricostruzioni storiche affascinanti, nonché da fotografie che documentano il lavoro di ricerca in ognuno degli ipogei presi in esame.


 

Il libro, la cui copertina è stata realizzata da Pino Oliva, rappresenta uno skyline dei Sassi con ipogei. L’introduzione dell’architetto Biagio Lafratta, che ha supportato gli autori nel processo di elaborazione dei dati dello studio, annota che molti foggiali sono stati successivamente convertiti in cantine (il prossimo numero, già annunciato, tratterà il tema delle cantine materane), questo potrebbe evidenziare, altresì, una conversione colturale, da quella granaria a quella viticola.

Matera, terra del pane e terra del vino ha ancora molto da palesare della sua storia scritta nel sottosuolo.

Foggiali è disponibile in libreria insieme agli altri volumi della collana "Appunti di Matera sotterranea": 

 Palombari; Grabiglioni; Abbondanza.


Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrà dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perché noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilità in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

‍📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture senza cinema e teatro, dopo 150 anni

Una comunità, senza una sua piazza-agorà e senza un teatro, annienta ed annichilisce una storia che ha quasi tre millenni, ed è indegna di chiamarsi tale. Non è comunità, ma congerie irrilevante di case e di abitanti. E’ l’amara considerazione che scaturisce all’interno comunità di Rionero in Vulture, che da quasi un decennio non ha più un suo cinema né teatro. Nonostante tutto, il CineClub “De Sica” Cinit - che abbiamo fondato da quasi un trentennio - non smette le proprie attività di cultura cinematografica, compiendone almeno una quarantina ogni anno, non solo nella città fondativa. Si utilizzano sale di “fortuna” (centro Anziani, giovanile parrocchiale) adibendole alla bisogna, oppure realizzando proiezioni in arene d’estate (come a Monticchio) o in atri storici (Giardino palazzo Fortunato). “Portatori sani di bellezza” definisce il sociologo De Masi chi diffonde cultura. 

📕 Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,