Passa ai contenuti principali

đź“° Segnalazioni in primo Piano: ULTIMA PUBBLICAZIONE DI ORIANA RAMUNNO


Oriana Ramunno è nata nel 1980, è lucana, originaria di Rionero in Vulture, ma vive e lavora a Berlino. E' una scrittrice acclarata: nel 2016 ha vinto il Premio WMI con il racconto Gli alberi alt . Ha pubblicato un racconto giallo intitolato Teriaca che è stato pubblicato in appendice a I Gialli Mondadori dopo aver vinto il concorso GialloLuna NeroNotte . Nell'anno 2017 è diventata finalista al Premio Alberto Tedeschi con il romanzo Moloch. Nel 2018 ha vinto il premio de Il Giallo in Provincia con il racconto Sassi e ha pubblicato il racconto "L'amore malato " nello speciale Mondadori sul femminicidio, stesso anno in cui si è classificata seconda al Premio Il Battello a Vapore con il romanzo I draghi di Aleppo. Ha pubblicato svariati racconti per Delos Digital. E' appassionata di storia, fantascienza e thriller. Un vasto excursus letterario e ancora tanti progetti da realizzare, infatti è in arrivo il suo ultimo romanzo thriller, che sarĂ  pubblicato il 30 marzo 2021, dal titolo "Il bambino che disegnava le ombre". La trama si incentra sulla tematica relativa ai campi di concentramento di Aushwitz, focalizzandosi prevalentemente sull'attivitĂ  di criminologia di Hugo Fischer, che è l'investigatore della Kriminapolizei, e nasconde un segreto molto misterioso, che lo rende dipendente dalla morfina... Fischer è stato chiamato per scoprire il motivo dell'assassinio di Sigismud Braun, un pediatra che lavorava con Josef Mengele. A Berlino pochi sono a conoscenza degli accadimenti nei campi di concentramento, e Fischer non è totalmente pronto a scoprirli ma nonostante questo dovrĂ  fare i conti con la soluzione di un caso da risolvere e dovrĂ  vedersela con militari, medici nazisti, crudeltĂ , e anche con tanti prigionieri. Tra i tanti c'è un bambino ebreo dal nome Gioele dagli occhi bellissimi, gli stessi occhi che hanno provocato un'ampia attenzione da parte di Mengele. Tra Gioele ed Hugo Fischer nascerĂ  una straordinaria amicizia, un grande affetto non comune per quei luoghi così crudi. Un libro che appare drammatico ma avvincente, colmo di tanti aspetti commoventi e tramite i quali poter riflettere ampiamente. Una carriera, quella di Oriana Ramunno, esponenziale, progressiva, colma di tanti progetti e nuovi obiettivi da raggiungere che , di certo, non finiscono qui! Attendiamo con ansia l'arrivo dell'ultimo volume per essere maggiormente onorati di un talento di spessore, lucano, che diventa sinonimo di orgoglio per la Basilicata e per i rioneresi. 
 
Carmen Piccirillo

Commenti

Post popolari in questo blog

đź“° Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è piĂą e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone piĂą colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perchĂ© di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltĂ  e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressochĂ© inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perchĂ© sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

đź“° Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilitĂ  non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicitĂ ...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilitĂ  ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

đź“• Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interioritĂ    Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilitĂ    quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   PerchĂ© confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo