Passa ai contenuti principali

📕 Emozioni di Gianni Donaudi: Archivio//////TRAFFIKO ( 2005 )


Non se ne può più. Sopratutto per chi abita nelle grandi metropoli (ma fatte le dovute proporzioni, anche nei piccoli centri non si scherza).
Lunghe file di esseri invasati, mandrie di bisonti cornuti, col peperoncino infilato nel didietro.
Claxsano , passano  col rosso (e tale "prodezza" è stata a volte giustificata anche da una mentecatta sottocultura nichilista, dandole un significato " anticonformista") , cercano di superare il collega di fronte, montano sui marciapiedi per guadagnare qualche metro, fanno manovre di un' idiozia tale che in altre nazioni europee il risultato sarebbe, nel migliore dei casi di 5000 E, quando non il ritiro perpetuo della patente.
Ma io non credo nelle istituzioni.
Anche le donne non sono da meno e non le solite " sbandate" o " squinternate " come si potrebbe immaginare alla prima impressione, ma anche giovani e candide mamme col fuoristrada (magari residenti in Collina), con i bimbi a bordo. Mamme magari che si sentono " impegnate" e che si credono all' "avanguardia", che magari poi blaterano tanto di "ecologia" , ma che, poverette, vanno in crisi se per caso l' amministrazione civica decreta un giorno (dico UNO!) di divieto di circolazione.
Come vanno in crisi se stanno due giorni senza andare a consumare al supermercato o al " d i s c o u n t " .
NO! Non si può chiedere una maggiore dimensione umana della vita e al contempo essere schiavi come tutti del sistema vigente.
Occorre fare delle scelte anche a costo di saper rinunciare a qualche cosa (e in questo io, libertario quale mi considero mi trovo perfettamente d' accodo col cattolico ""tradizionalista" FRANCO CARDINI (con certi articoli su " Il Sabato").
Ficcarsi nella testa che solo una sana ed equilibrata sobrietà può portare elementi di FELICITA' REALE (nell' 800 KARL MARX affermava che " la religione è l' oppio dei popoli ,ma oggi lo stesso ruolo è stato assunto dal Consumismo e dal Tecnicismo) .
E ormai la grande mandria italiota (compreso chi si dice "impegnato" ) è completamente priva di carattere.
Non sa rinunciare alle false sicurezze che un Sistema cinico e crudele, ancor peggiore del vecchio capitalismo, offre loro.
Credo che se si vuole modificare questo stato di cose occorra una " rivolta contro il mondo moderno" . Tranquillizziamoci , in chiave libertaria e non autoritaria. .
 E si tranquillizzi  chi potrebbe accusarci di " ambiguità culturale e ideologica " :
NULLA FU PIU' TECNOLOGICO E MODERNISTA DEL NAZISMO, ci insegna il filosofo neo-marxista COSTANZO PREVE :
" Non c' è nulla, nel secolo XX di più moderno di Auschwitz  insieme a Hiroshima " .
Forse è per questo che un detenuto politico in Piemonte, partito da originarie posizioni " tradizionaliste" ( più culturali che politiche, se vogliamo ) si sia evoluto alla fine in senso libertario, per poi venire accusato di alcuni fatti circa la Val Susa, contro la " Z i v i l i z a k t i o n " ( per usare un termine di OSVALD SPENGLER) .
A lui e a due suoi cari amici caduti, va tutta la nostra simpatia e solidarietà....

Gianni DONAUDI ( Torino, 2005 )

00000000000000000000000000000000000000000000000

BRUTALITA' INDUSTRIALE

Mostri puzzolenti iper  veloci / contenitori caricati / senza criterio né sponde protettive,
rischiano di precipitare sull' asfalto/ schiacciando pedoni, ciclisti
e gli stessi automobilisti.

Ma il rozzo padroncino/ pieno di nudi di carta/ ha fretta/ le sponde protettive ruberebbero
cinque minuti di tempo prezioso:

Carelli asfissianti/ all' interno dell' officina/ si uniscono al coro metallico/ e alla chimica lebbra
inalata.

( è proprio strano che il cancro/ sia attualmente tra i maggiori mali diffusi ? )...


Gianni DONAUDI ( Torino 2005 ) -

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrà dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perché noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilità in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

‍📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture senza cinema e teatro, dopo 150 anni

Una comunità, senza una sua piazza-agorà e senza un teatro, annienta ed annichilisce una storia che ha quasi tre millenni, ed è indegna di chiamarsi tale. Non è comunità, ma congerie irrilevante di case e di abitanti. E’ l’amara considerazione che scaturisce all’interno comunità di Rionero in Vulture, che da quasi un decennio non ha più un suo cinema né teatro. Nonostante tutto, il CineClub “De Sica” Cinit - che abbiamo fondato da quasi un trentennio - non smette le proprie attività di cultura cinematografica, compiendone almeno una quarantina ogni anno, non solo nella città fondativa. Si utilizzano sale di “fortuna” (centro Anziani, giovanile parrocchiale) adibendole alla bisogna, oppure realizzando proiezioni in arene d’estate (come a Monticchio) o in atri storici (Giardino palazzo Fortunato). “Portatori sani di bellezza” definisce il sociologo De Masi chi diffonde cultura. 

📕 Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,