Passa ai contenuti principali

📰 Emozioni di Gianni Donaudi: POESIE di Liuba

 

POESIE

Il nome di LIUBA è ormai conosciuto da più di 20 anni in tutti  gli ambienti artistici e poetici, sopra tutto a Milano e a Bologna (ma negli ultimi tempi anche a Rimini, la città dei suoi genitori e all' estero (si è esibita a Parigi, a Londra, a New York con le sue originali    p e r f o r m a n ç e s ), oltreché in Toscana e nelle Marche, dove l'artista ha tenuto mostre, r e c i t a l s    e manifestazioni varie.

Sempre ansiosa di conoscere il mondo , molti anni or sono ha soggiornato per qualche tempo in Brasile, ricercandone l' anima autentica delle popolazioni e senza fermarsi alle facilonerie turistico- pubblicitarie.
Nata con l' arte congenita, l' amica LIUBA ha scritto decine di poesie, è stata legata attivamente alla Arte Postale ("m a i l    a r t), ma anche ad altre varie forme artistiche esponendo in varie mostre in Italia e all' estero.
Da anni conduce una battaglia artistico- letterario contro l' alienazione e la disumanizzazione delle folle, sopra tutto delle grandi metropoli, come ebbe a dichiarare in un ' intervista  rilasciata allo scomparso artista bolognese ROBERTO VITALI (1926 / 2000), qualche mese prima che questo ci lasciasse improvvisamente.
IN quegli anni costituì un sito    i n t e r n e t, dove sono salvate tutte le sue poesie, dalla giovanissima età fino ad oggi, corredate da numerose illustrazioni delle sue esibizioni artistiche. La cui immediata impressione ci riporta ad una vera e propria "opera completa", dove l' A. esprime tutta sé stessa, le sue emozioni, i suoi sentimenti viscerali e dalla quale traspare tanta simpatia e tenerezza .
LIUBA, la cui professione (almeno allora precaria ) consisteva nell' organizzare laboratori artistici per tutte le età, e talvolta insegnare nelle scuole, scrisse anche due libri di favole destinate al mondo dell' infanzia -
Se il sito non è ancora stato rimosso, per rendersi conto in prima persona della sua opera si può visitare il sito     

i n t e r n e t  :

http://www.liuba.net



IL VENTO DELLA RUGIADA



Il vento della rugiada/ imperla i miei pensieri/ perché fuori dalle case/ c' è la nebbia

Il fruscio del mare/ oscilla nei miei respiri/ perché i polmoni respirano

scarichi tossici.

L' odore dei fiori/ è impresso nei ricordi/ perché lontani / sono

nei campi dove il lavoro non c'è .



ooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo



IMMERSIONE



Eppure è così / ci siamo

E siamo immersi/ e non sempre lo sappiamo

Quale liquido / ci sommerge.

Non sempre vediamo/ di che cosa è fatta la terra

e ciechi giriamo/ sui labirinti di carta

non sapendo quali sono / voragini

e quali no.



oooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo



LE MUMMIE VINCENTI



Ascolto il brusìo del traffico e spio / le mille vite danzanti

che annaspano sugli oggetti/ respiro l' ansia

Il vuoto e la morte/ dal volto incartapecorito

di chi crede di essere arrivato/ perché ha.

Guardo gli occhi inespressivi/ corpo come impalcature

che si assimilano  ai palazzi/ gli orgogli falsi di chi arriva

e il trionfo che c'è già.

Nudi scafandri / gusci di granchio

dove succhiata è ogni polpa/ ragnatele sul niente che corrono

soddisfatte di sé .

Annuso gli angoli dei loro/ passatempi

Annuso i ritmi dei loro/ divertimenti.

E una pista di morte/ arriva gelata

la vita è sparita/ nel pieno della festa.

Vengano le mummie vincenti/ ovunque onnipresenti

ovunque attive/ e chissà qual' è

il giorno/ in cui sapranno



che sono cadute e sepolte.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📰 Segnalazioni in primo Piano: 22 APRILE: 51esima GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

Un chiaro esempio di tutela verso l'ambiente arriva dalla realtà rionerese The Factory Best Class    La giornata mondiale della terra, che si celebra ogni anno il 22 aprile, è conosciuta in tutto il mondo come Earth Day, ed è l'evento "green" che riesce a coinvolgere un elevato numero di persone in tutto il mondo, sensibilizzando la salvaguardia dell'ambiente . L'idea di dedicare una giornata alla terra nacque negli anni '60, negli Stati Uniti , subito dopo la pubblicazione del libro manifesto ambientalista, "Primavera Silenziosa" di Rachel Carson, una biologa statunitense che ebbe molto successo e diede origine a notevoli movimenti ecologisti.