Passa ai contenuti principali

📕 Autori iraniani a cura di Maryam Rahimi: Il mare Arash Mahmoodi


Casa sua era situata fra i veicoli di . Fra gli abbracci degli innamorati. Attraversando qualche vico infatti, si arriva a una porta blu che sulla parte più bassa era stata tinta come la schiuma delle onde del mare agitato. Qualche gabbiano bianco lì sopra guardava le onde. In realtà lui si chiamava Abasali però tutti lo chiamavano Abali. Se entravi nella sua camera da letto potevi vedere una parete dipinta. L’immagine del mare. Un mare pieno di onde con tanti gabbiani. In un angolo della pittura erano seduti di fronte al mare un ragazzo e una ragazza,entrambi nascosti sotto i lunghi cappelli della ragazza mossi dal vento. In ogni angolo della stanza in cui ti sedevi, questa immagine ti fissava negli occhi. Mammad diceva: neanche un asino dipingerebbe la sua stanza così. Diceva: un giorno una di queste onde ti verrà addosso e ti soffocherà. Ma Abasali amava il mare. La sua età non gli permetteva di prendere quella maledetta valigia e andare al mare. E purtroppo lui non è mai cresciuto abbastanza per poter andare a vedere il mare. Una notte, sotto un’onda cucita dalla madre, è morto. È morto quando era piccolo. Dicevano che aveva avuto la bronchite. Noi non abbiamo mai capito di quale male fosse morto. Però Mamad diceva: la bronchite è un male che deriva dal mare... e noi gli abbiamo creduto. Il giorno dopo l’hanno sepolto ma al suo funerale non c’era quasi nessuno. C’era la sua mamma anziana e qualche vicino di casa. Noi ci siamo fermati un po’ più lontano, non ci hanno fatto avvicinare dicendoci: la sua malattia può essere virale. In quella mattina calda l’hanno avvolto in una stoffa bianca e l’hanno sepolto sotto terra. Karim ha detto: mio padre dice che la terra fa dimenticare. Aveva ragione. Dopo qualche giorno avevamo dimenticato Abali. Ma ogni volta che qualcuno parlava del mare, ogni amico che vedevi, diceva aveva ricordato in quell’istante Abali. Qualcuno aveva pure versato delle lacrime. Il mare era l’unico sogno di Abali. Mamad diceva: Alcuni sogni tanto sono piccoli quanto sono irraggiungibili.

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Servizi Fotografici: Rionero. Inaugurazione Centro Fitness RF TRAINING (2 Ottobre 2021)

 

📷 Servizi Fotografici: Pro-Loco Ruvo del Monte. Presentazione del libro "L'Angolo di Armando" (13 Novembre 2021)

 

📰 Appuntamenti in primo Piano: 4^ Edizione DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore - Città di Eboli. Presentazione del libro “Il Monolite” di Paolo Itri

Eboli . Il 13 novembre, alle ore 18:00, presso Bistrot Patù, ci sarà la presentazione del libro “Il Monolite – Storie di camorra di un giudice Antimafia”, edito dalla casa editrice Piemme, nell'ambito della Rassegna Letteraria DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore. L'autore Poalo Itri, di origine Cilentane, nel suo libro ci racconta, attraverso le sue esperienze lavorative da magistrato, di quanto la Camorra può essere pericolosa. Il Palazzo di Giustizia napoletano è il più grande d'Italia, e probabilmente del mondo. Dopo anni trascorsi tra le sue mura, per il giudice Paolo Itri l'impressione è ancora quella di trovarsi di fronte al «monolite» di 2001. Odissea nello spazio. Un caos labirintico in cui ogni giorno si scrivono nuove pagine della tragedia e della commedia umana, un avamposto da cui Itri, con gli altri magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, ha condotto per lungo tempo la tormentata battaglia dello Stato contro la camorra