Passa ai contenuti principali

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra


Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ” 
 
Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanare. E ci sovviene ancora il grande scrittore russo, quando scriveva nei suoi Diari: “ La tenerezza e la gioia che noi proviamo guardando la natura è il ricordo del tempo in cui eravamo animali, piante, fiori, terra. Più precisamente: è la coscienza della nostra unione col tutto, che il tempo ci nasconde .” Ed ancora, era il 20 febbraio del 1903, nella sua Russia, quando Tolstoj ammoniva: “ Il potere tiene conto prevalentemente della popolazione cittadina. Il potere non conosce né la bellezza e la poesia della vita in campagna, né le sue sofferenze. Se le conoscesse non distruggerebbe questa vita, sostituirla con gli agi cittadini, ma si sforzerebbe solo di liberarla dai suoi mali .” Quanta saggezza politica in queste parole che sembrano remote nel tempo, temi a volte discussi con Nazzareno. Eppure, a vedere con quanta prestanza tratta la terra, utilizza gli attrezzi e cura le piante, ci si riconcilia con la morale della vita e della natura, della ricchezza spontanea che da millenni l’uomo raccoglie per alimentarsi. E’ un uomo senza tempo, di una generazione che ha saputo consegnarci universi estasiati nel rispetto del piccolo campo che ci circonda. La dedizione verso la natura e gli uomini: Nazzareno è persona stimata da tutti. Questo terribile virus gli ha strappato la moglie, il bene più caro; ha riversato oltremodo quell’affetto su figli e nipoti. La sua tenacia potrebbe vacillare. Eppure lo aspetta la terra, i semi da piantare, i rapporti umani - come le piantine - da coltivare. A Nazareno va la gratitudine di quanti lo conoscono, come a chi “ non sa chinare la testa ”, il verso di una canzone fra le più intense del secolo scorso: “La disciplina della terra” del poeta Ivano Fossati.​

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Servizi Fotografici: Pro-Loco Ruvo del Monte. Presentazione del libro "L'Angolo di Armando" (13 Novembre 2021)

 

📰 Appuntamenti in primo Piano: 4^ Edizione DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore - Città di Eboli. Presentazione del libro “Il Monolite” di Paolo Itri

Eboli . Il 13 novembre, alle ore 18:00, presso Bistrot Patù, ci sarà la presentazione del libro “Il Monolite – Storie di camorra di un giudice Antimafia”, edito dalla casa editrice Piemme, nell'ambito della Rassegna Letteraria DiVini Libri Chiacchierata con l'Autore. L'autore Poalo Itri, di origine Cilentane, nel suo libro ci racconta, attraverso le sue esperienze lavorative da magistrato, di quanto la Camorra può essere pericolosa. Il Palazzo di Giustizia napoletano è il più grande d'Italia, e probabilmente del mondo. Dopo anni trascorsi tra le sue mura, per il giudice Paolo Itri l'impressione è ancora quella di trovarsi di fronte al «monolite» di 2001. Odissea nello spazio. Un caos labirintico in cui ogni giorno si scrivono nuove pagine della tragedia e della commedia umana, un avamposto da cui Itri, con gli altri magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, ha condotto per lungo tempo la tormentata battaglia dello Stato contro la camorra

📰 Appuntamenti in primo Piano: LA CANTATA DEL CAFFÈ (KAFFEEKANTATE) DI J.S. BACH CONCERTO ACCADEMIA DUCALE CENTRO STUDI MUSICALI

Domenica il 21 novembre alle ore 16.00 a Pietragalla, presso il Salone del Palazzo Ducale, l’Accademia Ducale centro studi musicali propone al pubblico quella che viene definita una delle testimonianze più vivaci della vocalità profana di J.S. Bach, animata da una vena comica e da una grande capacità di penetrazione psicologica: La cantata del caffè (Kaffeekantate). È la divertente storia di un padre brontolone e conservatore, Schlendrian, interpretata da Carmine Giordano (basso) e della sua figlia ribelle Liesgen, interpretata dal soprano Filomena Solimando, a cui vorrebbe impedire di bere il caffè, la “diabolica bevanda”. Al tenore, Yoosang Yoon, spetta il compito di introdurre la scena e fare da narratore. Nella versione proposta dall’Accademia Ducale ai cantanti, che si esprimono in lingua tedesca, sono affiancati degli attori che interpreteranno a loro volta i personaggi, per rendere ancor più fruibile e divertente la cantata: Nicole Millo (Liesgen), Antonio Rom