Passa ai contenuti principali

📰 Segnalazioni in primo Piano: 22 APRILE: 51esima GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA


Un chiaro esempio di tutela verso l'ambiente arriva dalla realtà rionerese The Factory Best Class 
 
La giornata mondiale della terra, che si celebra ogni anno il 22 aprile, è conosciuta in tutto il mondo come Earth Day, ed è l'evento "green" che riesce a coinvolgere un elevato numero di persone in tutto il mondo, sensibilizzando la salvaguardia dell'ambiente . L'idea di dedicare una giornata alla terra nacque negli anni '60, negli Stati Uniti , subito dopo la pubblicazione del libro manifesto ambientalista, "Primavera Silenziosa" di Rachel Carson, una biologa statunitense che ebbe molto successo e diede origine a notevoli movimenti ecologisti.

Successivamente, nell'anno 1969, in una conferenza dell'Unesco a San Francisco, un attivista per la pace, John Mcconnell, propose ufficialmente una giornata dedicata alla Terra, ottenendo un notevole sostegno. Il primo e ufficiale Earth Da y della storia fu istituito ufficialmente nell'anno 1970. La manifestazione ha sempre avuto, come mission prevalente, la sensibilizzazione di governi e opinione pubblica sull’urgenza di mettere in atto interventi mirati per proteggere l'ambiente e le risorse naturali tramite azioni e comportamenti corretti per salvare il pianeta e per ovviare alle gravi problematiche come l'inquinamento di aria, di acqua, di suolo; la distruzione di ecosistemi; le migliaia di piante e specie animali che scompaiono... Nel periodo storico attuale, caratterizzato da una grave emergenza climatica e sanitaria e, quindi, dal bisogno impellente di ridurre il nostro impatto ambientale, è di notevole importanza ripensare il nostro rapporto con il pianeta mettendo in atto azioni finalizzate a combattere il degrado del mondo naturale. Un valido e costruttivo esempio di grande rispetto e tutela ambientale, arriva proprio dalla regione Basilicata, precisamente da Rionero in Vulture, dove due parrucchieri, Luciano Minutillo e Patrizia Nardozza, titolari di un salone Best Class , per evidenziare l’importanza dell’ecosostenibilità, hanno promosso all’interno della propria realtà lavorativa, un interessante progetto denominato The Factory Best Class .
 

The Factory fu, tra il 1962 e il 1968, il nome dello studio originario di Andy Warhol (uno dei più influenti artisti del XX secolo). Da allora, questo progetto ispirò l’architettura urbana per il recupero industriale in tutto il mondo, dando nuova vita a luoghi con una storia e restituendola alla collettività per scopi di sviluppo di cultura, promozione, arte e moda. A livello architetturale, i materiali scelti dai parrucchieri rioneresi per l’edificazione di questo lodevole progetto, sono stati incentrati sulla composizione di arredamenti eco friendly (pitture naturali con collanti biodegradabili e senza additivi chimici; pavimenti in polvere di pietra, mista a resina; luci a risparmio energetico; tendaggi caratterizzati da cotone naturale privo di acrilici e sintetici, mobili caratterizzati da verniciature ad acqua...) Mentre i prodotti per capelli sono composti da principi attivi naturali, formulati con presidi slow food provenienti da realtà italiane. Gli involucri sono riciclabili, caratterizzati da bioplastica e riutilizzabili nell’ambito alimentare/domestico. Qualunque servizio offerto al cliente promuove nella totalità il rispetto biologico ed ecologico per guardare al futuro con trasparenza, impegno e grande speranza. Il progetto The Factory Best Class a Rionero in Vulture è nato con entusiasmo e grande passione nell'anno 2019 ​ e prosegue, brillantemente, ad oggi. Oltretutto, la The Factory contribuisce in maniera attiva a progetti di rimboschimento di foreste in Madagascar e in Amazzonia. Tutto ciò rappresenta un progresso molto importante per alimentare la consapevolezza dell'urgenza di vivere "green", per combattere la più grande sfida della storia dell’umanità: SALVARE LA TERRA. Luciano Minutillo e Patrizia Nardozza, hair stylist di successo, hanno agito diligentemente, quindi, dando il loro valido contributo a Madre Natura, promuovendo la " Bellezza Ecosostenibile " per conciliare etica ed estetica, con la speranza di sensibilizzare tante altre persone, organizzazioni ed esercizi commerciali, e, in questa 51esima Giornata Mondiale Della Terra , sono lieti di onorare questa ricorrenza dando il loro ammirevole input a quanti volessero perseguire lo stesso percorso per il bene comune.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Nazzareno e la disciplina della terra

Rionero in V. - “ Bisogna toccare la terra - scriveva Tolstoj - solo con il lavoro agricolo può aversi una vita razionale, morale. L’agricoltura indica cos’è più e cos'è meno necessario. Essa guida razionalmente la vita. ”    Sovviene questo verso nel ricordare quanto lavoro ha fatto e continua a fare Nazzareno, fra le persone più colte che si possano incontrare. E’ un tenace e rigoroso contadino, che conosce le stagioni e il perché di ogni frutto che spunta dalla terra. Quante volte gli abbiamo chiesto di raccontarlo davanti ad una telecamera, per lasciare un segno tangibile, ma per umiltà e discrezione non ha mai voluto farlo. E’ portatore di una cultura che sa raccontare con un linguaggio forbito, pressoché inusuale per quella generazione. Un sapere che viene da lontano, da ragazzo, e che non conosce confini perché sa rispettare la natura e i suoi cambiamenti. Proprio come si fa con gli uomini. Nazzareno sa cogliere con mitezza ogni percezione che la terra sa emanar

📰 Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti

  “...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilità non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicità...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilità ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversaz

📕 Autori: La paura e la speranza di Carmen Piccirillo

La paura e la speranza. Mi fa paura la cattiveria   quella gratuita   quella che   ferisce la delicatezza   che lede l'interiorità   Mi fanno paura le parole   di chi non le ascolta   di chi non si ascolta   Mi fa paura l'insensibilità   quella di chi pensa   che gli altri non abbiano un'anima   Mi fa paura il giudizio affrettato   di chi punta un dito  e non analizza se stesso   Ma riprendo il coraggio   quando guardo il cielo   con il suo colore   per andare oltre   per guardare altrove   oltre uno schema   oltre un problema   Perché confronto   il limite con l'infinito   L'infinito mi salva!   Carmen Piccirillo