Passa ai contenuti principali

đź“° Segnalazioni in Primo Piano: “Il ritratto dell’anima” di Carmen Piccirillo di Michele Libutti


 
“...a volte l’amore non finisce...ma le anime sanno, ancor prima delle menti, quando è il momento di riavvicinarsi...; ...alcune imprevedibilitĂ  non sono casuali. A volte può esserci lo zampino di Dio...che mette in atto una serie di eventi...” Queste sono solo alcune delle tante esternazioni che la nostra Carmen ci prospetta con una semplicitĂ ...”dell’anima”. E non potendo citarle tutte, ricorderemo il dialogo tra il tassista e la signora russa, di cui accenneremo ancora e da cui emerge che il primo rifiuta inspiegabilmente il compenso dalla seconda che ha accompagnato nel suo giro...Anche nella storia di Gionatan, il nonno Fausto e la signora Giada si nota una insolita indisponibilitĂ  ad accettare denaro per un lavoro che Fausto consegna alla signora Giada. Ma c’è anche “Dall’altra parte del recinto”, “Gli alieni sulla terra”, L’artista Fabio”. I temi sono tanti e finiscono e si riassumono tutti in una osservazione di Carmen, fatta durante una conversazione di qualche tempo fa con me: “Vorrei che il mondo fosse diverso!” Quanti fidanzati credono di essere arrivati alla fine della loro storia d’amore, ma finiscono per accorgersi di essere stati precipitosi!” E che dire del “continuo mutamento” della vita: Carmen sembra voler continuare il “panta rei” eracliteo: tutto scorre e non è possibile bagnarsi due volte nella stessa acqua di un fiume, ma il ruscello (o mare in tempesta?), quello di Carmen, continua con limpidezza a non stancarsi mai di esistere. E’ come se Carmen cantasse un inno alla vita perchĂ©, come dirĂ  in altri racconti, non bisogna mai rassegnarsi. E’, insomma, come se incitasse tutti noi a bagnarci in un’altra acqua, l’acqua della vita, quell’acqua in cui dobbiamo immergerci per non restare sporchi. La scrittrice, poi, si supera e sale in cattedra quando sembra elargirci dei consigli che solo una persona saggia può dare: il mostro che abbiamo dentro di noi sembra impedirci di vivere, ci rende insignificanti e privi di armonia e energia, ma alla fine del suo racconto ci sorprende, quando afferma, con una semplice considerazione, che il mostro e l’angelo coesistono dentro di noi, nonostante la grande distanza, e noi possiamo avvicinarci prendendo un bel caffè insieme, certo, in un locale prestigioso della nostra anima! Dalla storia del tassista e da quella di Fausto si evince una generositĂ  che i lettori senza difficoltĂ  attribuiranno a Carmen. Certo nel secondo caso c’è di mezzo l’amore e conviene osservare tutte le sue regole. Perciò una piccola captatio benevolentiae non stona perchè, in questo caso, non è risolutiva per un rapporto che è giĂ  stato istituito tra -guarda caso- due anime che come spesso capita, si incontrano casualmente e si riconoscono subito. Mi ha colpito il colloquio tra i due che, a meno che Freud non abbia messo direttamente le sue mani, esprime questa empatia immediata:”Si segga, signora Giada, dice Fausto... mentre le preparo un caffè...” Giada risponde:”la attendo, Fausto...”Quando Fausto ritorna col caffè, (sono passati pochi minuti) le risponde: “Ecco il TUO tavolo. Giada, come TI sembra?” Per confermare l’intesa e senza bisogno delle solite precisazione, Giada risponde:”Quanto ti devo?” Siamo passati dal “lei” al tu”, ma tra qualche battuta si ritorna al “lei”. E’ quell’imbarazzo tipico di due persone che si sono riscoperte. Ma anche se Carmen si fosse distratta e avesse sbagliato a scrivere, Freud ritornerebbe all’attacco perchĂ© Carmen, come ogni scrittore, ha una grande confidenza coi suoi personaggi e senza accorgersi li fa familiarizzare. Si ritorna al tu reciproco. E’ il modo piĂą diretto per parlare tra loro due. “Nulla avviene per caso”; i sogni non diventano desideri ma quadri che rappresentano le sfaccettature dell’anima. Queste affermazioni si trovano nella storia dell’artista Fabio. Anche qui c’è una “prestazione d’opera” gratis, quale compenso a un desiderio, a qualcosa che i due cercano ma che, come ha deciso la scrittrice, non deve essere soddisfatto immediatamente. I lettori devono avere pazienza e aspettare. Questo espediente si trova spesso nei racconti: Carmen vuole lasciare col fiato sospeso? O non ritiene necessario​ entrare nelle faccende altrui, soprattutto quando rischiano di “complicarsi” con l’amore e di lanciare messaggi equivoci? In definitiva, in tutti i suoi racconti, la nostra Carmen mostra di avere tanti desideri che forse non si realizzeranno mai; gli alieni sulla terra non esprimono forse la delusione di vivere in questo mondo? Sarebbe bello fare un viaggio con gli alieni, ma per fare questo e per evitare equivoci, Carmen prudentemente afferma che è richiesta tanta fantasia...E spaziando ancora nel suo libro, si ritrova un’altra espressione: “paura di amare, forse? Giada e Fausto riusciranno ad amarsi?” Ma questo -l’abbiamo giĂ  detto- dobbiamo intuirlo noi forse secondo i nostri desideri, secondo quello che ci suggerisce la nostra anima. In un altro racconto Carmen ci immagina in un recinto che non possiamo oltrepassare. A Raffaele, uno degli “ospiti”, sembra di ascoltare una voce di cui non capisce la provenienza. Ma sembra raccogliere il suggerimento di Carmen: quella che sente è la voce del suo cuore che lo tranquillizza: il senso profondo di tutto questo si trova in una successiva parentesi non terrena. Carmen, in definitiva, ci ha donato una raccolta di racconti non comuni. Ho piĂą volte citato lo stesso, quello, del tassista. PerchĂ© tutti, qualche volta, siamo un po’ tassisti, tutti viviamo in un clima di solitudine e solo quando ci capita la possibilitĂ  di contrastarla in qualche modo, riusciamo ad apprezzare le cose belle della vita. E in questo racconto, badate, non è l’amore, quello tradizionale tra un uomo e una donna, che muove il comportamento del tassista. Sarebbe tutto molto banale: ma in fondo è sempre... l’amore, un altro tipo di amore, quello di una madre per i propri figli lontani che cerca di annegare i propri sensi di colpa comprando dei giocattoli che si premurerĂ  di inviare. Anche il tassista ha un’anima come quella della signora. E’ un incontro eccezionale tra due anime “superiori”, due anime che trovano il momento giusto per fondersi in un abbraccio ideale. Dunque questa signora, baciata...dalla fortuna, ha trovato in un semplice tassista Il suo terapeuta. ChissĂ  quanti di noi vorrebbero incontrarlo!

Commenti

Post popolari in questo blog

đź“° Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrĂ  dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perchĂ© noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilitĂ  in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

‍đź“° Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture senza cinema e teatro, dopo 150 anni

Una comunitĂ , senza una sua piazza-agorĂ  e senza un teatro, annienta ed annichilisce una storia che ha quasi tre millenni, ed è indegna di chiamarsi tale. Non è comunitĂ , ma congerie irrilevante di case e di abitanti. E’ l’amara considerazione che scaturisce all’interno comunitĂ  di Rionero in Vulture, che da quasi un decennio non ha piĂą un suo cinema nĂ© teatro. Nonostante tutto, il CineClub “De Sica” Cinit - che abbiamo fondato da quasi un trentennio - non smette le proprie attivitĂ  di cultura cinematografica, compiendone almeno una quarantina ogni anno, non solo nella cittĂ  fondativa. Si utilizzano sale di “fortuna” (centro Anziani, giovanile parrocchiale) adibendole alla bisogna, oppure realizzando proiezioni in arene d’estate (come a Monticchio) o in atri storici (Giardino palazzo Fortunato). “Portatori sani di bellezza” definisce il sociologo De Masi chi diffonde cultura. 

đź“• Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,