Passa ai contenuti principali

📰 Appuntamenti in Primo Piano: Salerno. Casa Circondariale A. Caputo. Cerimonia di presentazione del progetto “Una call per raccontare”


Salerno. Il giorno 14 maggio alle ore 10,30 presso la Casa Circondariale A. Caputo di Salerno si terrà la cerimonia di consegna delle apparecchiature digitali per la realizzazione del progetto “Una call per raccontare” ideato dall’Associazione Avantgarde Sport APS del Presidente Avv. Marco De Luca. Saranno presenti la Direttrice della Casa Circondariale “A. Caputo” Rita Romano, Il Sindaco di Salerno Arch. Vincenzo Napoli, l’Assessore alla Cultura e Informatizzazione del Comune di Salerno Antonia Willburger, il Consigliere Comunale Massimiliano Natella, il Presidente Fondazione Carisal Dott. Domenico Credendino, il Presidente Rotary Club Salerno Picentia Ing. Antonio Vicidomini il Presidente dell’Ass. Eudemonia APS Dott. Paolo Attianese. 
 
- Presidente Marco De Luca ci può parlare del progetto? 
- Il presente progetto, realizzato grazie anche al contributo della Fondazione Carisal, rientrante nel Bando 2020 – Povertà e fragilità sociali, e del Rotary Club Salerno Picentia intende offrire alcuni brevi spunti di riflessione sul tema del carcere, della detenzione dei diritti e della libertà delle persone recluse, attraversati dalle questioni emergenziali sorte a seguito della diffusione della pandemia da Covid-19 che ha ridotto in maniera totale gli incontri con i propri familiari. Gli istituti penitenziari, infatti, si sono trovati a dover fronteggiare l’emergenza con alcune peculiarità rispetto alla società libera. Come noto, il tema è stato portato in primo piano, anche nel dibattito mediatico, a seguito delle proteste che hanno coinvolto alcuni istituti penitenziari. Nel tentativo di evitare o quanto meno arginare il possibile contagio da coronavirus, all’interno delle strutture penitenziarie, sin da subito sono stati limitati e poi vietati gli ingressi in carcere, attraverso la sospensione dei colloqui con i familiari o le cd. “persone terze”, delle attività dei volontari e delle associazioni. Nella consapevolezza della complessità della vicenda rispetto al contesto di privazione della libertà, anche l’Organizzazione mondiale della sanità ha pubblicato una guida sulla prevenzione e il controllo – anche quanto alla gestione dell’informazione – del Covid-19 in carcere e negli altri luoghi di detenzione penale, trattandosi di luoghi in cui le persone sono più esposte al rischio di contagio per le condizioni di vita promiscue. Appare infatti evidente come in spazi assai ristretti come quelli in cui viene espiata la detenzione non è facile il rispetto delle misure di distanziamento sociale imposte per la società libera, così come difficili appaiono adeguate azioni di prevenzione e cura. 
 
- Ci può illustrare nei dettagli il progetto? 
- Il progetto ha come obiettivo la donazione di TABLET destinati alle aree colloqui della Casa Circondariale A. Caputo di Salerno per creare, attraverso le videochiamate, un ponte di comunicazione tra carcere e famiglia, per evitare che la sospensione delle relazioni a causa del coronavirus significhi sentirsi abbandonati di nuovo, sentirsi soli, frastornati, e senza una direzione. In vista di un futuro e sano reinserimento nel tessuto sociale dei detenuti al termine della loro pena, continuare a relazionarsi con i propri familiari, che gli consentano di superare la solitudine e lo stato di emarginazione in cui inevitabilmente si ritrovano, risulta fondamentale. 
 
- Quale è l'obiettivo del progetto “Una call per raccontare”? 
- Con il progetto si mira a promuovere valori positivi, primo fra tutti inclusione, superamento delle barriere di status, rispetto della dignità di uomo. Il fine è anche quello di utilizzare le videochiamate per tutelare il diritto alla genitorialità e per gestire le tensioni e l’aggressività che si vive all’interno della struttura penitenziaria. ​ Alla luce di quanto esposto, a supporto delle problematiche dovute alla carcerazione, il principale obiettivo del progetto sarà quello di donare, attraverso un’azione integrata tra i diversi partner coinvolti e la comunità civile, n. 10 dispositivi digitali per effettuare videochiamate e sensibilizzare la popolazione detenuta al rispetto delle misure di prevenzione del contagio. 
 
- Quale sarà il ruolo dei Partner? 
 - I partner si occuperanno della formazione del personale per l’utilizzo dei dispositivi e distribuiranno materiale informativo sulle norme anticovid. La sinergia collaborativa tra i diversi partner segue un filone già iniziato in altre iniziative di formazione e di pratica sportiva svolte con altri progetti. Si ringrazia per la collaborazione la Fondazione Carisal nella persona del Presidente Domenico Credendino, il Rotary Club Salerno Picentia nella persona dell’Ing Antonio Vicidomini, che hanno sostenuto con un contributo il progetto, l’associazione Eudemonia APS nella persona del Presidente Dott. Paolo Attianese che ha collaborato con attività di formazione. Si ringrazia anche il Comune di Salerno per aver patrocinato l’iniziativa. 
 
Raffaele Agresti

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in primo Piano: La Natura Lucana nelle mani dell’Artista Debora Di Lucca prende vita.

Debora Di Lucca il Maestro Internazionale d’Arte, nata a Milano e di origini Lucane. Basilicata, conosciuta in tutto il Mondo per la sua Storica e anche patrimonio UNESCO, Matera, la Città scavata nella roccia, per le Dolomiti Lucane, il noto “paesaggio lunare” e non da ultimo il meraviglioso e cristallino Mar Ionio. Tante le dimostrazioni della creatività del Maestro, dall’esposizione al Campidoglio, all’invito come Madrina nella bellissima città di Fondi con l’apertura alla biennale, poi non dimentichiamoci, le ultime due Mostre a Roma in Ottobre, dal nome “Ars et Materia”, la prima esposizione presso “Lo Stadio di Domiziano” uno dei siti Archeologici più esclusivi di Roma e del Mondo, una delle 7 Meraviglie della Roma imperiale. Patrimonio UNESCO, immediatamente dopo la stessa esposizione personale “Ars et Materia” la vede protagonista così presso la sede romana del “Parlamento Europeo”. L’ultima partecipazione dell’anno 2021 è il “Premio Vittorio Sgarbi”, dove è riuscita a farsi ap

TRACCE di Rocco Brancati: ANTONIO CAMPAGNA

(Castelmezzano 31 dicembre 1884 - New York 8 maggio 1969) Fu un "caso" più unico che raro nella storia dell'emigrazione italiana. Anthony (Antonio) Campagna il 31 marzo del 1930 ottenne dal re Vittorio Emanuele III, "motu proprio"(di propria iniziativa), il titolo di conte trasmissibile per linea maschile. La rivista di cultura, propaganda e difesa italiana in America commentò: "L'esempio dell'uomo nuovo dell'Italia nuova, intenso a superare ogni giorno se stesso in uno sforzo continuo di creazione e di perfezione, ci è dato a questo figliuolo della Basilicata.

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Fondato il Cultural Associations Persepolis

Per iniziativa del lucano CineClub “Vittorio De Sica” Cinit – presieduto da Armando Lostaglio – è stato fondato a Como il Persepolis Cultural Associations . Un bel traguardo per gli operatori culturali dell’Iran che operano in Italia, con salde radici nel lontano Paese. L’Associazione si attiva, infatti, con lo scopo di presentare la cultura iraniana in Italia (concentrandosi per lo più in Lombardia) ed è impegnata a mettere insieme un gruppo di intellettuali iraniani e italiani per organizzare il festival cinematografico iraniano in uno stile alquanto originale. Ad esso sia affiancano altre attività artistiche e di promozione dei prodotti di qualità. A presiedere il sodalizio è Reza Nouri, professionista che opera a Como, mentre Laleh Esfandiari è la vicepresidente. Segretario è Mohammad Ashouri; fra i fondatori del Persepolis sono la regista Lia Beltrami e il critico Armando Lostaglio del CineClub “De Sica”, il quale ha fortemente voluto che la nuova Associazione int