Passa ai contenuti principali

📰 L'Opinione di Marco Lombardi: Destinazione finale

A scorrere le pagine di cronaca nera del nostro paese sembra di leggere la sceneggiatura di quei film dell'orrore dove la morte si diverte a giocare con la finitezza umana, riservando ai protagonisti le forme più assurde, più truculente, più crudeli per porre termine al loro breve viaggio sulla terra. Cavi che si tranciano come elastici cotti dal sole, piloni che ci sbriciolano come biscotti zuppi di latte, case che alla prima scossa tellurica franano come castelli di carte. Per non parlare dei corpi stritolati dalle presse, sfracellati a terra dalle altezze di una impalcatura, ammorbati dai miasmi dei silos, sepolti sotto una lastra di marmo o di più umile cemento armato. 

Solo che qui non sono gli dei a sfogare sui mortali la loro divina noia, ma ben più terrene ragioni stanno, il più delle volte, alla base del sacrificio di sangue. E' l'irreversibile moto esistenziale del tengo famiglia, del meglio morire di malattia che di fame, dello Stato arrogante contro il cittadino inerme che, per sopravvivere, non può che ignorare le regole, o perlomeno reintrepretarle al proprio specifico caso. Sia chiaro, non c'è il giusto e non c'è lo sbagliato, ma ragioni e torti che stanno da ambo le parti, da chi le regole è costretto a farle per stringere le maglie attorno ad una cultura civica e della legalità molto lasca e da chi si trova sommerso da codici e codicilli scritti spesso senza la minima cognizione di cosa significhi applicarli sul campo. Per questo e per tanti altri motivi, l'idea che i fondi del piano di ripresa e resilienza destinati alle grandi opere possano essere spesi con notevoli semplificazioni sul codice degli appalti può non essere una buona notizia per tutti noi, o almeno per la maggioranza degli italiani. 

Per quanto fitti come aghi sul puntaspilli, quei paletti burocratici sono l'unica difesa, o quantomeno la migliore a nostra disposizione, contro l'incuria, il sotterfugio, la furbizia malcelata e la ben più esplicita azione a delinquere. 

 Se vogliamo che tutto torni meglio di prima non sono tanto le leggi da abbattere, quanto gli uomini chiamati a metterle in pratica da potenziare e formare. A ciò dovrebbe essere finalizzato il piano straordinario di assunzioni in corso nella nostra pubblica amministrazione, a gettare le basi per un ricambio generazinale che selezioni i più capaci, anche se questo, ancora una volta, significherebbe andare contro alla storia italiana.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in primo Piano: La Natura Lucana nelle mani dell’Artista Debora Di Lucca prende vita.

Debora Di Lucca il Maestro Internazionale d’Arte, nata a Milano e di origini Lucane. Basilicata, conosciuta in tutto il Mondo per la sua Storica e anche patrimonio UNESCO, Matera, la Città scavata nella roccia, per le Dolomiti Lucane, il noto “paesaggio lunare” e non da ultimo il meraviglioso e cristallino Mar Ionio. Tante le dimostrazioni della creatività del Maestro, dall’esposizione al Campidoglio, all’invito come Madrina nella bellissima città di Fondi con l’apertura alla biennale, poi non dimentichiamoci, le ultime due Mostre a Roma in Ottobre, dal nome “Ars et Materia”, la prima esposizione presso “Lo Stadio di Domiziano” uno dei siti Archeologici più esclusivi di Roma e del Mondo, una delle 7 Meraviglie della Roma imperiale. Patrimonio UNESCO, immediatamente dopo la stessa esposizione personale “Ars et Materia” la vede protagonista così presso la sede romana del “Parlamento Europeo”. L’ultima partecipazione dell’anno 2021 è il “Premio Vittorio Sgarbi”, dove è riuscita a farsi ap

TRACCE di Rocco Brancati: ANTONIO CAMPAGNA

(Castelmezzano 31 dicembre 1884 - New York 8 maggio 1969) Fu un "caso" più unico che raro nella storia dell'emigrazione italiana. Anthony (Antonio) Campagna il 31 marzo del 1930 ottenne dal re Vittorio Emanuele III, "motu proprio"(di propria iniziativa), il titolo di conte trasmissibile per linea maschile. La rivista di cultura, propaganda e difesa italiana in America commentò: "L'esempio dell'uomo nuovo dell'Italia nuova, intenso a superare ogni giorno se stesso in uno sforzo continuo di creazione e di perfezione, ci è dato a questo figliuolo della Basilicata.

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Fondato il Cultural Associations Persepolis

Per iniziativa del lucano CineClub “Vittorio De Sica” Cinit – presieduto da Armando Lostaglio – è stato fondato a Como il Persepolis Cultural Associations . Un bel traguardo per gli operatori culturali dell’Iran che operano in Italia, con salde radici nel lontano Paese. L’Associazione si attiva, infatti, con lo scopo di presentare la cultura iraniana in Italia (concentrandosi per lo più in Lombardia) ed è impegnata a mettere insieme un gruppo di intellettuali iraniani e italiani per organizzare il festival cinematografico iraniano in uno stile alquanto originale. Ad esso sia affiancano altre attività artistiche e di promozione dei prodotti di qualità. A presiedere il sodalizio è Reza Nouri, professionista che opera a Como, mentre Laleh Esfandiari è la vicepresidente. Segretario è Mohammad Ashouri; fra i fondatori del Persepolis sono la regista Lia Beltrami e il critico Armando Lostaglio del CineClub “De Sica”, il quale ha fortemente voluto che la nuova Associazione int