Passa ai contenuti principali

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: John Keats il romantico che morì a Roma

 
Jane Campion lo ha celebrato con “ Bright Star”
 
John Keats è l’archetipo del genio romantico, del poeta che lascia la vita a soli 25 anni, con versi immortalati nel cuore e nell’acqua. “ Qui giace un uomo il cui nome fu scritto nell’acqua ”, è quanto scritto sull’epitaffio della sua tomba nel cimitero acattolico di Roma. Vi morì due secoli fa, il 23 febbraio 1821. Si spense per il “consumo”, come veniva definita all’epoca la tubercolosi. John Keats era nato a Londra nel 1795 in una famiglia modesta; la vocazione letteraria si sviluppò adolescente, con le feconde letture di Shakespeare, ed avvicinandosi alla poetica di Edmund Spenser . 
 
“Bellezza è verità, verità è bellezza / che è tutto quanto sapete sulla Terra / e tutto quanto avete bisogno di sapere.” E’ uno dei suoi innumerevoli versi che lo identificano. E tra le sue opere basilari vanno menzionate Hyperion , The Eve of St. Agnes , La Belle dame sans merci e le numerosissime odi. Il critico Edward Hirsch definì Keats "la voce orfica della poesia” mentre Eliot ne elogiava la mente "filosofica". Keats ha dovuto lottare per mantenersi; la sua classe sociale, la politica e la poetica progressiste hanno portato alcuni critici conservatori a inserirlo nella cosiddetta " Cockney School " del verso. La sua opera ha lasciato emozioni indelebili. Le sue odi e i suoi poemi epici sono musicalmente ineguagliabili. Keats ha lottato “per l'eterno, aiutando a ricentrare la lirica moderna su quelle ​ regioni incontaminate della mente". L’ardore letterario del giovane Keats è vagamente ragguagliabile al suo coevo Giacomo Leopardi, al “ giovane favoloso ” portato sullo schermo nel 2014 da Mario Martone con uno straordinario Elio Germano. “ Bright Star” è il film scritto e diretto da Jane Campion dedicato agli ultimi tre anni di vita di Keats , dove Ben Whishaw interpreta il poeta, e Abbie Cornish la sua musa Fanny Brawne . Il titolo del film è tratto da un sonetto di Keats dal titolo Bright star, would I were steadfast as thou art , che il poeta scrisse durante la sua relazione con la ragazza. (“Fulgente stella, foss'io sì fermo come te...). Jane Campion, colta regista neozelandese, portò a Venezia nel 1990 “ Un angelo alla mia tavola ” che fece scoprire la poetessa del suo Paese Janet Frame, aggiudicandosi il Leone d’argento. Vinse l’Oscar tre anni dopo con il capolavoro “ Lezioni di piano ”. 
 
Fulgente stella , foss'io sì fermo come te-- 
non per splendere nella notte in solitario ardore
 guardando, a palpebre eternamente aperte
 come della natura l'insonne e paziente Eremita, 
il circolare dell'acque nella loro sacerdotal missione 
in moto di sacra abluzione per le spiagge umane 
od osservando la novella maschera 
di neve teneramente depositarsi sui monti e le brughiere-- 
No--eppur sempre fermo, sempre immutabile
 posato sul seno maturo della mia bella amata
 per sempre sentire il suo soffice gonfiarsi 
e sgonfiarsi, desto per sempre in una dolce insonnia,
​sempre, fermo per sentire il suo tenero spiro 
e così vivere per sempre--altrimenti svanire nella morte. (Keat)

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in primo Piano: La Natura Lucana nelle mani dell’Artista Debora Di Lucca prende vita.

Debora Di Lucca il Maestro Internazionale d’Arte, nata a Milano e di origini Lucane. Basilicata, conosciuta in tutto il Mondo per la sua Storica e anche patrimonio UNESCO, Matera, la Città scavata nella roccia, per le Dolomiti Lucane, il noto “paesaggio lunare” e non da ultimo il meraviglioso e cristallino Mar Ionio. Tante le dimostrazioni della creatività del Maestro, dall’esposizione al Campidoglio, all’invito come Madrina nella bellissima città di Fondi con l’apertura alla biennale, poi non dimentichiamoci, le ultime due Mostre a Roma in Ottobre, dal nome “Ars et Materia”, la prima esposizione presso “Lo Stadio di Domiziano” uno dei siti Archeologici più esclusivi di Roma e del Mondo, una delle 7 Meraviglie della Roma imperiale. Patrimonio UNESCO, immediatamente dopo la stessa esposizione personale “Ars et Materia” la vede protagonista così presso la sede romana del “Parlamento Europeo”. L’ultima partecipazione dell’anno 2021 è il “Premio Vittorio Sgarbi”, dove è riuscita a farsi ap

TRACCE di Rocco Brancati: ANTONIO CAMPAGNA

(Castelmezzano 31 dicembre 1884 - New York 8 maggio 1969) Fu un "caso" più unico che raro nella storia dell'emigrazione italiana. Anthony (Antonio) Campagna il 31 marzo del 1930 ottenne dal re Vittorio Emanuele III, "motu proprio"(di propria iniziativa), il titolo di conte trasmissibile per linea maschile. La rivista di cultura, propaganda e difesa italiana in America commentò: "L'esempio dell'uomo nuovo dell'Italia nuova, intenso a superare ogni giorno se stesso in uno sforzo continuo di creazione e di perfezione, ci è dato a questo figliuolo della Basilicata.

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Fondato il Cultural Associations Persepolis

Per iniziativa del lucano CineClub “Vittorio De Sica” Cinit – presieduto da Armando Lostaglio – è stato fondato a Como il Persepolis Cultural Associations . Un bel traguardo per gli operatori culturali dell’Iran che operano in Italia, con salde radici nel lontano Paese. L’Associazione si attiva, infatti, con lo scopo di presentare la cultura iraniana in Italia (concentrandosi per lo più in Lombardia) ed è impegnata a mettere insieme un gruppo di intellettuali iraniani e italiani per organizzare il festival cinematografico iraniano in uno stile alquanto originale. Ad esso sia affiancano altre attività artistiche e di promozione dei prodotti di qualità. A presiedere il sodalizio è Reza Nouri, professionista che opera a Como, mentre Laleh Esfandiari è la vicepresidente. Segretario è Mohammad Ashouri; fra i fondatori del Persepolis sono la regista Lia Beltrami e il critico Armando Lostaglio del CineClub “De Sica”, il quale ha fortemente voluto che la nuova Associazione int