Passa ai contenuti principali

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Franco Battiato maestro dell’Altrove

 
E il mio maestro mi insegnò com'è difficile trovare l 'alba dentro l'imbrunire ”. Cantava oltre trent’anni fa il maestro Battiato in “Prospettiva Nevski”, che interpretò pure Alice, suo alter ego al femminile, come lo erano Milva (scomparsa da pochissimo) e Giuni Russo. Franco Battiato ci lascia, ma non le sue canzoni. Intense le interpretazioni di voce e musica, in versi intrisi di una poetica che emendava l’Altrove. Il suo Mediterraneo che lo vide nascere, in Sicilia, ai piedi dell’Etna, con lo sguardo verso lo Ionio. Era il 23 marzo 1945 . Cantautore , compositore , poeta e filosofo. E pure pittore e regista . Poliedrico e appassionato di mondi che sappiano raccontare il divenire e la storia. Musica e filosofia, poesia e oriente: i suoi testi espandono i suoi interessi, fra cui esoterismo , teoretica filosofica , mistica sufi e in particolare l'influenza dell’ascetico armeno Gurdjief . Battiato era vegetariano e tenace difensore della natura. Il personale incontro con la sua musica risale ai primi anni ‘70 con “Pollution”, suo secondo album sperimentale, pura avanguardia per quei tempi; l' LP lo comprò un amico e lo ascoltavamo spesso, senza capirci granché. Era avanti Battiato. Ogni sua fatica lasciava un segno, con la molteplicità degli stili che spesso ha coniugato e contaminato. Dalla musica di protesta al r ock progressivo e avanguardia elettronica, musica leggera e canzone d'autore . Battiato vanta il maggior numero di riconoscimenti da parte del Club Tenco , con tre Targhe e un Premio Tenco . Si è cimentato con la musica etnica , quella elettronica e l' opera lirica. Sono stati numerosi i collaboratori, in particolare il violinista Giusto Pio e il filosofo Manlio Sgalambro . Innumerevoli i brani che hanno accompagnato più generazioni, qualcuno persino diventando tormentone. Da “Fetus” del ‘72 a “Torneremo ancora” del 2019 una trentina di album con la sua voce, e molte altre canzoni interpretate da altri artisti. “Povera Patria”, “Centro di gravità permanente”, “Voglio vederti ballare”, e poi “La canzone dei vecchi amanti” ripresa da Jacques Brel e “La cura”, restano fra i brani maggiormente identificativi. Collaborazioni ed amicizie da Lucio Dalla a De Gregori e Fabrizio De André (splendide le sue interpretazioni di ​ brani del genovese), Giorgio Gaber, Ivano Fossati, Gianni Morandi, Fiorella Mannoia, Ranieri, Mango, Carmen Consoli, Tiziano Ferro, Baglioni, Sangiorgi e Avitabile. 
 
La sua biografia riporta anche che per alcuni mesi nel 2013 è stato assessore al turismo della sua Sicilia, sfuggito in fretta. Battiato pittore: s criveva di lui lo scrittore Gesualdo Bufalino : “La pittura di Battiato, qualora pretendessimo di canalizzarla in un comodo alveo di neoprimitivismo... ne vedremo i colori sposarsi afettuosamente alle note, alle parole, alle meditazioni dell'autore e in quest'alleanza, per non dire connivenza, spiegarci la cifra inconfondibile di un'anima”. Al grande scrittore, Battiato dedicò nel 2010 il documentario “Auguri don Gesualdo”. Certo, il cinema lo afascinava: due almeno le regie importanti: “ Perdutoamor” del 2003, il titolo tratto da una canzone del cantante italo- belga Adamo, famosissimo negli anni ’60. Dirà del film, che scrisse con Sgalambro: “ Così la lezione di cucito, di tantra, l'esoterismo, la filosofia. Il mio intento era quello di comporre e rendere plausibili questi sprazzi di veglia. La macchina da presa è il vero protagonista”. Sua seconda fatica è “ Musikanten” due anni dopo sulla vita del compositore tedesco Ludwig van Beethoven. Ad interpretare il musicista è il regista cileno Alejandro Jodorowsky , personalità eclettica come i suoi film. Musikanten è stato presentato alla 62ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia del 2005 (sezione Orizzonti). 
“Era di maggio” cantava Battiato, riprendendo dalla immensa tradizione napoletana. E di maggio ci lascia il maestro, con il sorriso sommesso di chi è artista vero. Perché: “C'è voluto del talento per riuscire ad invecchiare senza diventare adulti...”

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in primo Piano: La Natura Lucana nelle mani dell’Artista Debora Di Lucca prende vita.

Debora Di Lucca il Maestro Internazionale d’Arte, nata a Milano e di origini Lucane. Basilicata, conosciuta in tutto il Mondo per la sua Storica e anche patrimonio UNESCO, Matera, la Città scavata nella roccia, per le Dolomiti Lucane, il noto “paesaggio lunare” e non da ultimo il meraviglioso e cristallino Mar Ionio. Tante le dimostrazioni della creatività del Maestro, dall’esposizione al Campidoglio, all’invito come Madrina nella bellissima città di Fondi con l’apertura alla biennale, poi non dimentichiamoci, le ultime due Mostre a Roma in Ottobre, dal nome “Ars et Materia”, la prima esposizione presso “Lo Stadio di Domiziano” uno dei siti Archeologici più esclusivi di Roma e del Mondo, una delle 7 Meraviglie della Roma imperiale. Patrimonio UNESCO, immediatamente dopo la stessa esposizione personale “Ars et Materia” la vede protagonista così presso la sede romana del “Parlamento Europeo”. L’ultima partecipazione dell’anno 2021 è il “Premio Vittorio Sgarbi”, dove è riuscita a farsi ap

TRACCE di Rocco Brancati: ANTONIO CAMPAGNA

(Castelmezzano 31 dicembre 1884 - New York 8 maggio 1969) Fu un "caso" più unico che raro nella storia dell'emigrazione italiana. Anthony (Antonio) Campagna il 31 marzo del 1930 ottenne dal re Vittorio Emanuele III, "motu proprio"(di propria iniziativa), il titolo di conte trasmissibile per linea maschile. La rivista di cultura, propaganda e difesa italiana in America commentò: "L'esempio dell'uomo nuovo dell'Italia nuova, intenso a superare ogni giorno se stesso in uno sforzo continuo di creazione e di perfezione, ci è dato a questo figliuolo della Basilicata.

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Fondato il Cultural Associations Persepolis

Per iniziativa del lucano CineClub “Vittorio De Sica” Cinit – presieduto da Armando Lostaglio – è stato fondato a Como il Persepolis Cultural Associations . Un bel traguardo per gli operatori culturali dell’Iran che operano in Italia, con salde radici nel lontano Paese. L’Associazione si attiva, infatti, con lo scopo di presentare la cultura iraniana in Italia (concentrandosi per lo più in Lombardia) ed è impegnata a mettere insieme un gruppo di intellettuali iraniani e italiani per organizzare il festival cinematografico iraniano in uno stile alquanto originale. Ad esso sia affiancano altre attività artistiche e di promozione dei prodotti di qualità. A presiedere il sodalizio è Reza Nouri, professionista che opera a Como, mentre Laleh Esfandiari è la vicepresidente. Segretario è Mohammad Ashouri; fra i fondatori del Persepolis sono la regista Lia Beltrami e il critico Armando Lostaglio del CineClub “De Sica”, il quale ha fortemente voluto che la nuova Associazione int