Passa ai contenuti principali

🎥 IN PRIMO PIANO con Laura Dimitri

 

In Primo Piano 38. puntata. 

LAURA DIMITRI Artista musicale, nasce e vive in Puglia. Istintivamente attratta dalla musica, sin da piccola avverte la necessità di 'liberare' le sue emozioni cantando. La musica infatti, rappresenta per lei una valvola di sfogo da sempre. Inizia da autodidatta con rassegne canore, feste di paese e tanti live e così lentamente una semplice passione si trasforma in professione che negli anni la porta a incidere varie sigle televisive per tv private e web tv, tra le quali anche quella per la sitcom 'Mamma che figura' in onda su Telenorba, e a prestare la voce per un brano scritto da Gianni Ippoliti e F. Mele, destinato a pubblicizzare il vino 'Selva Rossa'. Questo però non le ha impedito negli anni di formarsi, grazie alla sua vocal coach Giulia Petruzzi e al musicista Ezio Scarciglia, il quale si rivelerà per lei un importante punto di riferimento e una guida artistica. Seguono master e corsi di specializzazione, tra i quali gli stage del T.M.F. presso il C.E.T. di Mogol , grazie ai quali comprende che cantare non le basta più. L'impulso di fare qualcosa di suo diventa sempre più forte, così inizia a scrivere scoprendo una parte di sé a lei sconosciuta. Da qual momento in poi nulla le sembrerà scontato. La quotidianità, le debolezze dell'essere umano, i suoi conflitti interiori, saranno compagni di viaggio e con forte senso critico sarà costretta suo malgrado a scontrarsi con i suoi limiti, a guardarsi dentro e ad affrontare il suo senso di solitudine, fino a toccare il fondo per poi 'rinascere' più forte che mai. Nel frattempo arrivano le collaborazioni internazionali, dapprima come corista in studio per il cantante Davi Wornel sul singolo 'Por El camino' (destinato al mercato Centro-Americano) e nell'album 'Latido de amor' (VMR), poi per Lucia Mendez per la versione in italiano della sua storica hit 'Corazon De Pietra', inserita poi nel suo 31mo album 'Bailan' (Sony Mexico). Determinante per il suo percorso artistico oltre all'instancabile Ezio che scrive e compone i pezzi insieme a lei, anche l'apporto di Andrea e Paolo Amati, grazie ai quali i suoi progetti si concretizzano. Nel 2014 arriva così, 'L'immenso è da domani', il suo singolo di esordio realizzato dai fratelli Amati e programmato in diverse radio italiane. Nello stesso anno apre il concerto di Tonino Carotone. Nel 2015, invece, è finalista nazionale alla kermesse 'Musikomio' con il brano 'La Prepotenza' (che vanta agli archi il M. Daniele Marcelli, già direttore d'orchestra al Festival di Sanremo). Entusiasta dei risultati incoraggianti e più consapevole, continua a mettersi in gioco e soprattutto a mettersi in discussione, sapendo che la strada da fare è ancora tanta. La sua tenacia e caparbietà la portano a vincere nel 2016 il contest M.A.I. in collaborazione con il M.E.I. (Meeting Etichette Indipendenti) con il singolo 'Chi siamo', vittoria che le permette di esibirsi all'interno della prestigiosa manifestazione tenutasi a Faenza dal 23 al 25 settembre. Ad oggi il brano è ancora in programmazione radio, anche all'estero, e il relativo videoclip è stato trasmesso in diverse emittenti televisive, tra le quali Antenna Sud Pop Tv, Telerama, Nuova Rete e Luna Tv, nel programma itinerante 'Spazio Musica' e nel circuito 'My Chance Tv'. Nel 2017 è tra i 30 cantautori finalisti nazionali al 'Promuovi la tua musica-contest' tenutosi presso il Teatro Cassia di Roma. Nel 2018 è tra i sette finalisti nazionali al “Contursi Festival” con la direzione artistica di Marcello Balestra. Nel 2019 il singolo 'Il senso delle cose' è in rotazione su tutti gli schermi del circuito 'Telesia Tv' delle metropolitane di Roma, Milano e Brescia. Prende parte al programma 'Baldini a puntate' condotto da Marco Baldini presso gli studi di 'Studio Sound Web tv'. Nello stesso anno è finalista nazionale al 'Montesilvano pop-rock music Fest' e semifinalista del format 'Iband' in onda su LA5 nella fase regionale tenutasi a Fiuggi. Sempre nel 2019 apre il concerto delle 'Vibrazioni'. Varie le esperienze televisive anche in reti nazionali quali Italia 1, Mediaset Extra, Telenorba, Telerama, Studio100, TBM ecc...

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica