Passa ai contenuti principali

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cento Festival cinematografici si incontrano a Giffoni

Presenti BasilicataCinema con CinEtica CineClub De Sica-Cinit, AltroCinemaPossibile e BellaFilmFestival Di Armando Lostaglio Presente anche BasilicataCinema (network di festival lucani) con Gabriele Distasio, Armando Lostaglio (CinEtica CineClub “De Sica” Cinit), Beppe Vendegna (AltroCinemaPossibile) e Vito Leone (Bella Film Festival) all’importante appuntamento di Giffoni Valle Piana, insieme a duecento direttori di festival e rassegne di Cinema provenienti da molte regioni italiane. Su invito del direttore del Giffoni film Festival, Claudio Gubitosi, a cinquant’anni dalla fondazione del Festival per ragazzi. Eccellente ospitalità, macchina organizzativa perfetta, per una tre giorni di dialogo e partecipazione.


E Gubitosi ne è entusiasta, soprattutto nel leggere il volto dei partecipanti che per la prima volta si materializzano, pur affrontando un’unica battaglia che è quella di portare la cultura cinematografica anche e soprattutto nei piccoli centri. “Si è insieme per costruire un nuovo sistema – sostiene Gubitosi - dobbiamo farci trovare pronti al mondo post pandemia.” In presenza e in totale sicurezza, ciascuno dei rappresentanti dei Festival ha portato la propria esperienza e contribuito al dibattito. L’analisi, compiuta da Giffoni, ha censito l’esistenza di oltre 1800 rassegne e festival. Un panorama di enorme valore e interesse che coinvolge e incide su aree metropolitane e piccole città. E’ l’immagine di un Paese che, da sempre, punta sul cinema come attività di crescita economica e ​ culturale. Claudio Gubitosi ha invitato a visitare gli spazi rinnovati che in questi cinquant’anni hanno fatto di Giffoni il punto di arrivo e di partenza verso mondi disegnati dal cinema per ragazzi. Inseguendo un sogno, Gubitosi ha realizzato, in un paese di 10mila abitanti, un impero culturale che occupa a contratto centinaia di giovani. Fenomeno di cinema per ragazzi ammirato nel mondo, che Truffaut e la Ardant visitarono nel 1982 e con stupore affermò: “ E’ il festival più necessario al mondo ”. Il segno di un Sud che produce, nel segno delle nuove generazioni. A Giffoni in questi decenni sono passati tutti i più grandi attori registi e attrici del mondo, presidenti della Repubblica e persino Gorbaciov, per onorare l’impegno verso le nuove generazioni. Un numero incalcolabile di ragazzi hanno vissuto e vivranno l’esperienza didattica del cinema per ragazzi. E’ stato pertanto presentato in anteprima il docu-film realizzato da Giffoni per raccontare i primi cinquant’anni di una storia amata e conosciuta in tutto il mondo. La riflessione, lo scenario, il contesto socio-culturale, sono stati affidati a Domenico De Masi che ha trattato dei festival quali Università invisibili . Quali devono essere le priorità di Stato, regioni ed enti locali. In che modo aziende, sponsor e mecenati possono trovare nelle tante iniziative italiane luoghi e spazi per le proprie attività e, allo stesso tempo, ritrovare la fiducia per sostenere la cultura. Il cinema torni ad essere un Bene comune.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrà dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perché noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilità in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

‍📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture senza cinema e teatro, dopo 150 anni

Una comunità, senza una sua piazza-agorà e senza un teatro, annienta ed annichilisce una storia che ha quasi tre millenni, ed è indegna di chiamarsi tale. Non è comunità, ma congerie irrilevante di case e di abitanti. E’ l’amara considerazione che scaturisce all’interno comunità di Rionero in Vulture, che da quasi un decennio non ha più un suo cinema né teatro. Nonostante tutto, il CineClub “De Sica” Cinit - che abbiamo fondato da quasi un trentennio - non smette le proprie attività di cultura cinematografica, compiendone almeno una quarantina ogni anno, non solo nella città fondativa. Si utilizzano sale di “fortuna” (centro Anziani, giovanile parrocchiale) adibendole alla bisogna, oppure realizzando proiezioni in arene d’estate (come a Monticchio) o in atri storici (Giardino palazzo Fortunato). “Portatori sani di bellezza” definisce il sociologo De Masi chi diffonde cultura. 

📕 Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,