Passa ai contenuti principali

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Cento Festival cinematografici si incontrano a Giffoni

Presenti BasilicataCinema con CinEtica CineClub De Sica-Cinit, AltroCinemaPossibile e BellaFilmFestival Di Armando Lostaglio Presente anche BasilicataCinema (network di festival lucani) con Gabriele Distasio, Armando Lostaglio (CinEtica CineClub “De Sica” Cinit), Beppe Vendegna (AltroCinemaPossibile) e Vito Leone (Bella Film Festival) all’importante appuntamento di Giffoni Valle Piana, insieme a duecento direttori di festival e rassegne di Cinema provenienti da molte regioni italiane. Su invito del direttore del Giffoni film Festival, Claudio Gubitosi, a cinquant’anni dalla fondazione del Festival per ragazzi. Eccellente ospitalità, macchina organizzativa perfetta, per una tre giorni di dialogo e partecipazione.


E Gubitosi ne è entusiasta, soprattutto nel leggere il volto dei partecipanti che per la prima volta si materializzano, pur affrontando un’unica battaglia che è quella di portare la cultura cinematografica anche e soprattutto nei piccoli centri. “Si è insieme per costruire un nuovo sistema – sostiene Gubitosi - dobbiamo farci trovare pronti al mondo post pandemia.” In presenza e in totale sicurezza, ciascuno dei rappresentanti dei Festival ha portato la propria esperienza e contribuito al dibattito. L’analisi, compiuta da Giffoni, ha censito l’esistenza di oltre 1800 rassegne e festival. Un panorama di enorme valore e interesse che coinvolge e incide su aree metropolitane e piccole città. E’ l’immagine di un Paese che, da sempre, punta sul cinema come attività di crescita economica e ​ culturale. Claudio Gubitosi ha invitato a visitare gli spazi rinnovati che in questi cinquant’anni hanno fatto di Giffoni il punto di arrivo e di partenza verso mondi disegnati dal cinema per ragazzi. Inseguendo un sogno, Gubitosi ha realizzato, in un paese di 10mila abitanti, un impero culturale che occupa a contratto centinaia di giovani. Fenomeno di cinema per ragazzi ammirato nel mondo, che Truffaut e la Ardant visitarono nel 1982 e con stupore affermò: “ E’ il festival più necessario al mondo ”. Il segno di un Sud che produce, nel segno delle nuove generazioni. A Giffoni in questi decenni sono passati tutti i più grandi attori registi e attrici del mondo, presidenti della Repubblica e persino Gorbaciov, per onorare l’impegno verso le nuove generazioni. Un numero incalcolabile di ragazzi hanno vissuto e vivranno l’esperienza didattica del cinema per ragazzi. E’ stato pertanto presentato in anteprima il docu-film realizzato da Giffoni per raccontare i primi cinquant’anni di una storia amata e conosciuta in tutto il mondo. La riflessione, lo scenario, il contesto socio-culturale, sono stati affidati a Domenico De Masi che ha trattato dei festival quali Università invisibili . Quali devono essere le priorità di Stato, regioni ed enti locali. In che modo aziende, sponsor e mecenati possono trovare nelle tante iniziative italiane luoghi e spazi per le proprie attività e, allo stesso tempo, ritrovare la fiducia per sostenere la cultura. Il cinema torni ad essere un Bene comune.

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica