Passa ai contenuti principali

📰 Segnalazioni in Primo Piano: Cinema, l’Ischia Film Festival premia Barbara Bouchet

Icona della commedia sexy all’italiana negli anni ’70, l’intramontabile Barbara Bouchet arriva all’Ischia Film Festival, dove domenica 27 giugno – nella seconda serata della manifestazione – riceve l’Ischia Film Festival Award, un riconoscimento a una lunga ed entusiasmante carriera impreziosita da un nuovo film, “Calibro 9”, che sarà proiettato a Piazza D’Armi, introdotto dal regista Toni D’Angelo, dalla stessa Bouchet e da Marco Bocci. La pellicola racconta la storia di un brillante penalista cresciuto dalla madre con l’intento di farne un uomo diverso dal padre e chiamato a difendere un cliente fatalmente accusato di una truffa. Tra gli ospiti della serata del Castello aragonese, teatro del primo festival cinematografico con ospiti internazionali (cresce l’attesa per il premio Oscar Oliver Stone, atteso sull’isola il 30 giugno), anche il regista Francesco Bruni, che introduce – alle 20.30, alla Cattedrale dell’Assunta – la proiezione di “Cosa sarà”, il toccante racconto dell’avventura di un regista cinematografico che scopre di avere la leucemia. In programma anche la proiezione di “Magnifiche sorti e progressive” (ore 23.00, Cattedrale dell’Assunta), introdotta dai tre registi Claudio Di Mambro, Luca Mandrile e Umberto Migliaccio: l’isola di Santo Stefano si rivela attraverso l’esperienza di Renato Curcio, socio-analista, cofondatore delle Brigate Rosse e prigioniero nelle carceri italiane per più di vent’anni, esplora l’isola di Santo Stefano. Alla Casa del Sole l’Ischia Film Festival toccherà, secondo l’ormai consueto format di una rassegna che consente di viaggiare intono al mondo, l’Argentina (con l’anteprima italiana di “The Vatican”, presente il regista Gonzalo Almeida), il Libano (con l’anteprima italiana di “Shakwa”, che indaga le logiche patriarcali della Beirut odierna) e la Svizzera (con “Sapelo”, regia di Nick Brandestini), film tutti in concorso nella categoria “location negata”. 

 Alle proiezioni in presenza si accede acquistando biglietto nominale con posto assegnato presso l’infopoint al Piazzale Aragonese ad Ischia Ponte (info e programma completo su www.ischiafilmfestival.it).

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica