Passa ai contenuti principali

‍đź“° Segnalazioni in Primo Piano: Ischia Film Festival, premio alla carriera ad Allan Starski

Premio Oscar per il film “Schindler’s List”, lo scenografo Allan Starski sbarca all’Ischia Film Festival, dove nella serata del 28 giugno incontrerĂ  il pubblico e riceverĂ  il premio alla carriera nella cornice suggestiva della Cattedrale dell’Assunta, una delle tre sale all’aperto della manifestazione, che ospiterĂ  poi la proiezione di “Oliver Twist”, la celebre storia di un ragazzo sfuggito all’istituto per giovani orfani e unitosi a un gruppo di ladruncoli, fino alla svolta: l’incontro con il suo benefattore, il facoltoso signor Brownlow. Tra gli ospiti della terza serata, nel cuore del Castello Aragonese, la regista Giorgia Farina presenterĂ  – alle 20.30, in Piazza d’armi – il suo film “Guida romantica e posti perduti”, per la categoria “Best of”. La pellicola racconta il viaggio di due ragazzi, Allegra e Benno, che uniti dalla sofferenza decidono di partire insieme per ritrovare la voglia di vivere. Piazza d’Armi farĂ  da cornice, in seconda serata, alla pellicola “Regina” del regista Alessandro Grande, presente per parlare al pubblico del suo nuovo lungometraggio. La Cattedrale dell’Assunta ospiterĂ  la proiezione di due cortometraggi che, in linea con il format internazionale del Festival, raccontano mondi lontani sottolineando il rapporto tra grande schermo e location: l’anteprima italiana “Return to Toyama” del regista Atsushi Hirai, che racconta del ritorno in patria del protagonista, e “The God” del coreano ShimIk Tae. Ambientato nel villaggio sciamano, Taeju, il protagonista indaga su una misteriosa morte. Altri incontri con gli autori sono previsti alla terrazza Casa del Sole. Per il film “Estate povera”, anteprima italiana in concorso per la categoria Scenari campani, sarĂ  presente il regista Andrea Piretti. Un viaggio nel volontariato in una Napoli che, nonostante la pandemia da Covid-19, continua a operare per garantire un pasto quotidiano ai senzatetto e ai bisognosi della cittĂ . SarĂ  Dvir Mazia parlare al pubblico del cortometraggio “His death”, anteprima europea del regista Avishai Sivan; l’incontro, a distanza di anni, tra il laico Noah e i suoi fratelli Chassidici, nel cuore di Gerusalemme. Tutto al femminile il finale di serata, con l’anteprima internazionale di “Erotica 2022 - 5 different story” delle registe Anna Kazejak, Anna Jadowska, Kasia Adamik, Jagoda Szelc e Olga Chajdas. Si tratta di un lungometraggio che racchiude in un’unica narrazione cinque storie vagamente interconnesse che riguardano l’universo femminile, accomunate da un elemento erotico. Alle proiezioni in presenza si accede acquistando biglietto nominale con posto assegnato presso l’infopoint al Piazzale Aragonese ad Ischia Ponte (info e programma completo su www.ischiafilmfestival.it). Nella mattinata di lunedì 28 giugno, alle 10, è in programma il consueto Convegno sul Cineturismo che, per la 19esima edizione, apre un’interessante finestra sul tema attuale della riformulazione delle attivitĂ  dopo la pandemia, ora che restrizioni e distanziamenti hanno aumentato le opportunitĂ  digitali ma sfilacciato e modificato il legame con i territori. Si cercherĂ  di indagare sul futuro del Cineturismo, neologismo coniato dal patron dell’Ischia Film Festival, che per primo ha intercettato l’esigenza di investire in cinema sul territorio, per l’importante impatto che le location cinematografiche hanno sui turisti. Introdotti da Anna Olivucci (responsabile Marche Film Commission) interverranno, tra gli altri, interverranno, tra gli altri, oltre allo stesso Messina, Michele Lo Foco (giĂ  membro del Consiglio Superiore della Cinematografia e dell’Audiovisivo del MiC), Maria Elena Rossi (Marketing and Promotion Director ENIT), Francesco di Cesare (presidente Risposte Turismo), Ivan Antognozzi (direttore Fondazione Marche Cultura), Cristina Priarone (presidente Italian Film Commission), Giorgio Gosetti (vice presidente AFIC).

Commenti

Post popolari in questo blog

đź“· Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

đź“° Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscuritĂ ” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalitĂ  sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscuritĂ  della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

đź“° Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da piĂą di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacitĂ  di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dĂ  il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica