Passa ai contenuti principali

‍đź“° Segnalazioni in Primo Piano: ManES di Eboli”- OpenSaturday e “Museo, territorio, comunitĂ : un’estate speciale al ManES di Eboli”.

Eboli. Sabato 3 e domenica 4 luglio, ritornano le aperture straordinarie del ManES - Museo archeologico nazionale di Eboli e della Media Valle del Sele, promosse dalla Direzione regionale Musei Campania e da Marta Ragozzino, nell’ambito di una politica tesa ad una sempre maggiore valorizzazione del patrimonio dei luoghi della cultura della DRM Campania. Saranno due giorni di apertura straordinaria, con un ricco programma. Sabato 3 luglio, dalle ore 17,15 alle ore 20,00 (ultimo ingresso alle ore 19,30) il ManES organizza il suo OpenSaturday - insieme all’archeologia fino al tramonto per celebrare la Notte dei Musei. Domenica 4 luglio, dalle ore 15,00 alle ore 20,30 (ultimo ingresso alle ore 20,00), il ManES propone una nuova straordinaria iniziativa, questa volta in collaborazione con il Comune di Eboli, che patrocina l’evento organizzato dall’Associazione il forno di Vincenzo dal titolo “Museo, territorio, comunitĂ : un’estate speciale al ManES di Eboli”: negli spazi comunali del chiostro del Complesso Monumentale di San Francesco verranno presentati prodotti di eccellenza della Piana del Sele, la cui bontĂ  è garantita dalla collaborazione con Slow Food ComunitĂ  Valle dell’Irno. L’evento vede tra i suoi partner importanti realtĂ  del terzo settore, legate alla promozione di un turismo sano e accessibile, con le quali il Museo ha avviato un confronto dialettico per dare vita a progetti legati alla piĂą ampia inclusione dei ‘pubblici’ che oggi frequentano gli spazi culturali e per superare le barriere concettuali sulle disabilitĂ  e contrastare il crescente fenomeno dell’abilismo: l’Associazione Cilento4all (Agropoli), la Cooperativa sociale Il Tulipano (Napoli), l’Associazione Xfragile Campania APS (Napoli). Nel corso dell’evento verranno presentati anche i prodotti realizzati dall’atelier d’arte “I Colori dentro”: il chiostro verrĂ  colorato dalle bags di questi giovani artisti.

Commenti

Post popolari in questo blog

đź“· Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

đź“° Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscuritĂ ” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalitĂ  sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscuritĂ  della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

đź“° Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da piĂą di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacitĂ  di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dĂ  il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica