Passa ai contenuti principali

‍đź“° Segnalazioni in Primo Piano: Pontecagnano Faiano, Fuori dal Silenzio, dal 1522 al processo.

Pontecagnano Faiano. Venerdì 2 luglio, allo ore 18:30, presso i giardini di via Carducci, si svolgerĂ  l'evento Fuori dal Silenzio, dal 1522 al processo. Evento voluto e organizzato dal blog ivoltidicassandra, di Lucia Zoccoli e Stefania Maffeo, in collaborazione con Break the silence, ha come obiettivo quello di sostenere la Campagna Nazionale del numero verde 1522, che consente alle donne vittime di violenza e di stalking, di sapere a chi rivolgersi. L'iniziativa, patrocinata dal Comune di Pontecagnano Faiano, è sostenuta da molti commercianti di Pontecagnano Faiano, i quali hanno inserito nello scontrino fiscale la dicitura “ se sei una donna vittima di violenza chiama il 1522”, vuole ricostruire e far conoscere , qual' è il percorso che le donne che hanno deciso di denunciare, devono compiere prima di arrivare al processo e ottenere giustizia. Sono molte le difficoltĂ  e soprattutto sono tanti i pregiudizi, le resistenze, la poca professionalitĂ , con cui devono scontrarsi. Le donne denunciano di piĂą ma i numeri di donne ammazzate dagli uomini sono in costante crescita. Lo Stato ha saputo affrontare con determinazione la mafia e la camorra, la stessa determinazione gli organizzatori chiedono per mettere fine a questa mattanza. Si può partecipare all'evento portando con se un oggetto o un capo d'abbigliamento che ricordi la famosa sentenza del 1999, dove un uomo fu assolto dall'accusa di stupro perchĂ© la donna indossava dei jeans. Gli oggetti saranno adagiati su un grande telo rosso e a fine manifestazione saranno devoluti in beneficenza all’Associazione Manden. Nonostante siano passati 22 anni, ancora oggi si parla di istigazione alla violenza. La referente regionale di Break the silence, Roberta Arrigo, afferma con forza: - “Non si può giudicare una donna in base al proprio abbigliamento. Non si può pensare che un jeans aderente o una minigonna possano incitare alla violenza”. “La violenza di genere e sessuale è lo specchio di un atteggiamento culturale patriarcale ben radicato nella nostra societĂ , è la volontĂ , generalmente dell’uomo, di far sentire la donna inferiore, sottomessa, umiliata a partire da una frase, da uno sguardo, fino ad arrivare alla violenza fisica”. Dopo i saluti istituzionale del Sindaco di Pontecagnano Faiano, Giuseppe Lanzara, dell’Onorevole Anna Bilotti, e dell’Assessora alle pari opportunitĂ  Adele Triggiano, introdurrĂ  l'incontro Lucia Zoccoli, si susseguiranno gli interventi di Grazia Biondi , presidente di Manden, Stefania De Martino, avvocato da sempre impegnata nella battaglia per i diritti delle donne, Carla Del Mese , responsabile del circolo Occhi verdi, Roberta Arrigo, referente regionale di Break the silence, Stefania Maffeo, modererĂ  la giornalista Rossella Graziuso.

Commenti

Post popolari in questo blog

đź“° Segnalazioni in Primo Piano: ‍A MARATEALE IN ARRIVO NANCY BRILLI, LUCIA OCONE, CINZIA TH TORRINI E GIOVANNI ALLEVI

Nancy Brilli, Lucia Ocone e Cinzia TH Torrini riceveranno un riconoscimento nel corso della tredicesima edizione di “Marateale - Premio internazionale Basilicata”, che si terrĂ  dal 27 al 31 luglio nella splendida location dell’hotel Santa Venere a Maratea. Per le due attrici, Brilli e Ocone, si tratta della prima volta alla Marateale, dove verranno premiate per la loro lunga e trasversale carriera mentre per la regista Cinzia TH Torrini si tratta di un gradito ritorno. “Sono felice che Lucia Ocone e Nancy Brilli abbiano accettato il nostro invito, perchĂ© noi di Marateale ci teniamo a premiarle per il loro essere così camaleontiche, visto che da anni riescono a ricoprire con disinvoltura sia ruoli divertenti che drammatici con eguale credibilitĂ  in film e fiction di enorme successo” dichiara Antonella Caramia, presidente dell'associazione Cinema Mediterraneo che organizza la kermesse, che aggiunge: “A completare questo tris di donne c’è Cinzia TH Torrini, amica di vecchia data dell

‍đź“° Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Rionero in Vulture senza cinema e teatro, dopo 150 anni

Una comunitĂ , senza una sua piazza-agorĂ  e senza un teatro, annienta ed annichilisce una storia che ha quasi tre millenni, ed è indegna di chiamarsi tale. Non è comunitĂ , ma congerie irrilevante di case e di abitanti. E’ l’amara considerazione che scaturisce all’interno comunitĂ  di Rionero in Vulture, che da quasi un decennio non ha piĂą un suo cinema nĂ© teatro. Nonostante tutto, il CineClub “De Sica” Cinit - che abbiamo fondato da quasi un trentennio - non smette le proprie attivitĂ  di cultura cinematografica, compiendone almeno una quarantina ogni anno, non solo nella cittĂ  fondativa. Si utilizzano sale di “fortuna” (centro Anziani, giovanile parrocchiale) adibendole alla bisogna, oppure realizzando proiezioni in arene d’estate (come a Monticchio) o in atri storici (Giardino palazzo Fortunato). “Portatori sani di bellezza” definisce il sociologo De Masi chi diffonde cultura. 

đź“• Autori: Madonna del Carmelo... preghiera in versi di Vito Coviello

16 luglio, Madonna del carmelo...   madonna mia,  madre mia divina,  tu dall'alto del mondo ci proteggi tutti,  tu dall'alto del monte proteggi noi lucani,  tu dalla civitas sei di Matera patrona,  tu, agli aviglianesi tanto cara,  dal sacro monte proteggi il popolo tutto,  che in te confida,  nostra celeste mediatrice  verso il Signore padre nostro.  Madonna mia, madre mia,  ti chiameranno Bruna,  ti chiamerranno Annunziata, Addolorata ed Assunta,  ma per me,  nato alle pendici del Carmelo  e sotto il tuo mantosei la madonna del Carmine  protettrice di tutti gli aviglianesi nel mondo.  Maronna mia oggi, 16 luglio,  come da sempre,  le nostre mamme terrene,  a te vengono, a piedi scalzi,  e con in testa il cinto di candele  e fiori addobbati,  per rinnovare il patto  e mettere noi tutti sotto il tuo manto addobato di stelle.....   Vito Coviello,