Passa ai contenuti principali

‍📰 Appuntamenti in Primo Piano: Cinema, Aleksandr Sokurov all’Ischia Film Festival: “Voglio raccontare la grandezza di Dante Alighieri”

“A settecento anni dalla morte di Danti Alighieri, vorrei girare un film sulla Divina Commedia. La grandezza della trama e il coraggio di penetrare spazi sino a quel momento preclusi alla cultura fanno di Dante una figura maestosa per la letteratura di tutti i tempi, che gli italiani hanno il privilegio di apprezzare in fondo, perché con la traduzione si perde innegabilmente qualcosa. Noi russi adoriamo l’arte e la letteratura italiana, il cinema, il carattere del vostro popolo”. Così il regista Aleksandr Sokurov, classe 1951, intervenuto a distanza nel corso della diciannovesima edizione dell’Ischia Film Festival. Sokurov, Leone d’oro alla Mostra del Cinema di Venezia con “Faust” nel 2011, ha introdotto la proiezione del suo capolavoro “Arca russa” (presentato in sala dall’attore Aleksej Nejmyšev). “A quel film, che ha richiesto tempi lunghissimi di preparazione, hanno contribuito cineasti tedeschi, francesi, giapponesi e svizzeri, tutti appassionati alla mia idea. Abbiamo trovato, insieme, un nuovo alfabeto cinematografico, dimostrando per esempio che il montaggio non è intrinsecamente necessario all’esistenza del cinema. La collaborazione del museo Ermitage è stata fondamentale: nessun altro museo al mondo avrebbe potuto seguire così tanto un regista così maniacalmente curioso nei confronti del luogo. Ecco, il mio film è questo, soprattutto: un inno al museo. E mi spiace che oggi in Russia questo, come molti altri dei miei film, sia vietato”. Intenso il suo affresco sulla solitudine degli uomini che governano il mondo. “Nella mia ‘Tetralogia del potere’ ho raccontato le figure di Hitler, Lenin e Hirohito. I leader oggi sono ancora più soli: tra loro sono in pochi quelli che hanno talento e molti non conoscono a fondo la storia dei popoli che governano. Oggi uno Stato moderno che non sostenga l’arte e la cultura non serve a nulla”. Sokurov ha a lungo ringraziato il direttore artistico dell’Ischia Film Festival, Michelangelo Messina: la rassegna ha già annunciato la sua presenza per la prossima edizione, quella del ventennale.

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica