Passa ai contenuti principali

‍📰 Segnalazioni in Primo Piano: “NIENTE DI NOI” E' IL NUOVO SINGOLO DELL'ESTATE 2021 DI LORENA

La cantante lucana LORENA ha pubblicato venerdì 9 luglio su tutti i digital store, il suo nuovo singolo “Niente di Noi”, scritto e prodotto da Christian Lapolla.
Dopo il recente singolo precedente dal titolo“Il Regalo da scartare”, l'artista torna con un brano dal sapore estivo, un crossover tra ritmi latini e atmosfere pop, raccontando con la sua voce suadente e cristallina, una storia d’amore che non funziona, incentrata sulla forma più che sulla sostanza.
Una collaborazione con Christian Lapolla nata qualche anno fa, con la decisione di incidere i propri inediti presso il suo studio di registrazione 'Electric Town Recording', con l'ultima sua creazione scritta e prodotta interamente da quest'ultimo.


LORENA nasce il 28/08/1990 a Melfi (PZ).
All’età di 14 anni incide un disco di cover e un brano inedito “Le tue mani nelle mie” scritto e composto dal maestro Alessandro Altieri.
Nello stesso anno è semifinalista al “Premio Mia Martini” a San Benedetto del Tronto.
Attualmente collabora in varie tribute band come corista, affiancando sempre il cantautore lucano Mauro Tummolo.
Lorena è la Front Girl della sua band tutta lucana capitanata dal direttore artistico/chitarrista Fabrizio Frangione del progetto 'Playlist Italia tributeband'.
Nel 2016 ha pubblica il singolo dal titolo “T’innamorerai” scritto da Massimo Tornese e Mauro Tummolo. 
Nel 2017 esce il nuovo singolo “Dimentica” e nello stesso anno affianca l’artista campano Dimash nel brano “A spasso tra le stelle”.
Nel 2018 pubblica ‘Un giorno da rifare’’ scritto da Giulio Iozzi e partecipa al format contest “Casa Sanremo”.
Nel 2019 pubblica il singolo ‘Not the end’’ e l’anno successivo collabora con il rapper Alfy Kaiba nel singolo “Fino in fondo”.
Il 3 luglio 2020 esce il singolo “D’estate” scritto da Daniele Piovani in feat col rapper Olohoma.
Una continua ascesa di successo e gradimento per la bella e dotata cantante di Ruvo del Monte, con diversi live ed esibizioni nelle piazze del sud e non solo, in vista di prossimi importanti collaborazioni e traguardi da raggiungere.

Commenti

Post popolari in questo blog

📷 Galleria Fotografica: Rotary Club Venosa. Giornate Europee del Patrimonio (26 Settembre 2021)

 

📰 Segnalazioni in primo Piano: LUCE E OSCURITA’ DI CARMEN PICCIRILLO

Mani che sudano, cuore che batte all’impazzata, gambe bloccate. Licia protagonista dell’ultimo libro di Carmen Piccirillo “Luce e oscurità” , Booksprintedizioni, ha provato tutte le sfumature dell’ansia che gli attacchi di panico regalano. Licia è una giovane trentenne di Milano appassionata di giornalismo dalla personalità sensibile e profonda ma anche complessa. Con il suo racconto ci porta nella sua vita, nei suoi ricordi, nelle sue paure. Soffre di disturbo d’ansia che si presenta ogniqualvolta vuole dare una risposta alle situazioni della sua vita. Riavvolgendo il nastro della sua storia l’oscurità della sua anima è cominciata con la morte prematura del padre e altre vicissitudini che ha dovuto vivere. Le “cose” accadono per tutti: eventi, situazioni, alternarsi di stati d’animo, esperienze, sorprese. Ognuno di noi attribuisce un significato differente alle cose che accadono e ognuno di noi reagisce o interpreta ciò che accade in modo proprio. L’autrice scrive: “.. la

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Una poesia dalla Russia Racconti di Michele Libutti

L’ultima fatica letteraria di Michele Libutti, dopo una ventina di racconti e poesie dati alle stampe in questi anni, è un racconto che appare unico, sebbene sia composto da più di venti brevi. Come un film ad episodi (da anni ’70) cui la trama di commedia restava all’orizzonte mantenendo la rotta comune. Una poesia dalla Russia resta un romanzo di formazione - si direbbe - erudito come nel suo genere, maturato da esperienze vissute. Un nuovo tassello nella sua ultraventennale esperienza letteraria. E in copertina un interpretativo disegno a cura di Roberta Lioy. Michele Libutti sa regalare stanze di eccellenza, visioni semplici e altre; svolge un’operazione intuitiva di quanto ci gravita intorno, gira dalle parti del sacro recinto (definizione da Leonard Cohen) manifestando tuttavia una scrittura garbata e provocante: dipende dalla nostra capacità di interazione con le mutevoli cose della vita. Il racconto che dà il titolo alla raccolta è straordinario, una poetica