Passa ai contenuti principali

📰 Il posto delle fragole di Mario Coviello: “Il coraggio del pettirosso” un romanzo di Maurizio Maggiani,

Mi ha fatto compagnia in queste ultime settimane “Il coraggio del pettirosso” un romanzo di Maurizio Maggiani che ha vinto il premio Campiello nel 1995. E’ un romanzo ricco di storie, impegnativo, che ti trasporta all’interno delle vicende dei protagonisti Saverio Pascale , Pascal e Sua, in luoghi ed epoche diverse, tutte ricche di un fascino misterioso e avvincente. “ Noi si è pettirossi, Saverio...”- racconta il padre-“Noi libertari si è pettirossi, coraggiosi come quell’uccellino...con le sue idee che nessuno riusciva a togliergliele dal capo..”, un pettirosso che “ voglio andare dove mi pare, tanto non do fastidio a nessuno, piccolino come sono..” Un pettirosso che, ferito dal falchetto per il suo desiderio di libertà, si riprende e vola così in alto da “bombardare sul capo il re degli uccelli a colpi di cacatine.” Il desiderio di libertà e la ricerca incessante del senso della vita animano Saverio, Pascal e Sue e la poesia e le storie, i libri e il racconto sono la chiave per la realizzazione avventurosa e faticosa dei loro sogni.​ I luoghi della narrazione sono Alessandria d’Egitto- “ bella, grande e molle, spaparanzata nel deserto come una pisciata di cammello che trova la sabbia giusta per diventare una rosa di silice “ — dove vive Saverio e Carlomagno, in Lunigiana — “ il paese, il tabernacolo dell’anima intera “ di Pascal, patria degli Apuani, sfuggiti al genocidio e all’asservimento dei Romani. Tutto ha inizio dal ritrovamento di uno scritto che il padre di Saverio, anarchico e apolide, ha misteriosamente conservato che descrive la morte sul rogo dell’eretico Pascal, suo progenitore. E Saverio inizia il suo viaggio prima nel deserto e poi in Italia per scoprire che cosa è successo a Pascal. Uomini in cammino, dunque, Saverio e Pascal, alla ricerca di un’appartenenza che non è mai raggiunta, e che proprio la sua mancanza dà senso ai due uomini e alle loro vite. Nel suo viaggio Saverio incontra la poesia, Ungaretti e i libri. E comincia a scrivere i suoi sogni, come gli ha consigliato il dottor Modrian per guarire dallo sfinimento causato dalla ricerca del “porto sepolto”. E in questo modo Pascal, con la giovane moglie Sua prendono vita a Carlomagno,paese sperduto nelle montagne dove vive una comunità da sempre ribelle al papa e all’imperatore, una comunità di uomini liberi che ha le sue regole e i suoi riti. “Un buon libro apre infinite porte, ti offre una miriade di spunti, ti mette di fronte a delle domande senza necessariamente avere la pretesa di trovare risposte. Finito “Il coraggio del pettirosso” ho dentro una sorta di incompletezza, mi sento in qualche modo monco, mancante, seppur arricchito di storie e idee. Mi trovo di fronte a un romanzo che proprio sull’assenza di certezze e risposte si​ evolve, prende forma, acquista un valore. Una storia di anarchia, di amore, di ricerca. Soprattutto di insaziabile ricerca e instancabile cammino.” “ Eppure mi sto convincendo che ciascun dovrebbe avere il suo paese dell’anima. Ne vorrei uno per me, subito, per non consumarmi di solitudine “, dice Saverio al dottor Modrian e a noi lettori e questo libro può diventare il paese dell’anima di ciascuno di noi perché abbiamo bisogno di storie scritte e raccontate per riflettere e dare senso alla nostra vita.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in primo Piano: La Natura Lucana nelle mani dell’Artista Debora Di Lucca prende vita.

Debora Di Lucca il Maestro Internazionale d’Arte, nata a Milano e di origini Lucane. Basilicata, conosciuta in tutto il Mondo per la sua Storica e anche patrimonio UNESCO, Matera, la Città scavata nella roccia, per le Dolomiti Lucane, il noto “paesaggio lunare” e non da ultimo il meraviglioso e cristallino Mar Ionio. Tante le dimostrazioni della creatività del Maestro, dall’esposizione al Campidoglio, all’invito come Madrina nella bellissima città di Fondi con l’apertura alla biennale, poi non dimentichiamoci, le ultime due Mostre a Roma in Ottobre, dal nome “Ars et Materia”, la prima esposizione presso “Lo Stadio di Domiziano” uno dei siti Archeologici più esclusivi di Roma e del Mondo, una delle 7 Meraviglie della Roma imperiale. Patrimonio UNESCO, immediatamente dopo la stessa esposizione personale “Ars et Materia” la vede protagonista così presso la sede romana del “Parlamento Europeo”. L’ultima partecipazione dell’anno 2021 è il “Premio Vittorio Sgarbi”, dove è riuscita a farsi ap

TRACCE di Rocco Brancati: ANTONIO CAMPAGNA

(Castelmezzano 31 dicembre 1884 - New York 8 maggio 1969) Fu un "caso" più unico che raro nella storia dell'emigrazione italiana. Anthony (Antonio) Campagna il 31 marzo del 1930 ottenne dal re Vittorio Emanuele III, "motu proprio"(di propria iniziativa), il titolo di conte trasmissibile per linea maschile. La rivista di cultura, propaganda e difesa italiana in America commentò: "L'esempio dell'uomo nuovo dell'Italia nuova, intenso a superare ogni giorno se stesso in uno sforzo continuo di creazione e di perfezione, ci è dato a questo figliuolo della Basilicata.

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Fondato il Cultural Associations Persepolis

Per iniziativa del lucano CineClub “Vittorio De Sica” Cinit – presieduto da Armando Lostaglio – è stato fondato a Como il Persepolis Cultural Associations . Un bel traguardo per gli operatori culturali dell’Iran che operano in Italia, con salde radici nel lontano Paese. L’Associazione si attiva, infatti, con lo scopo di presentare la cultura iraniana in Italia (concentrandosi per lo più in Lombardia) ed è impegnata a mettere insieme un gruppo di intellettuali iraniani e italiani per organizzare il festival cinematografico iraniano in uno stile alquanto originale. Ad esso sia affiancano altre attività artistiche e di promozione dei prodotti di qualità. A presiedere il sodalizio è Reza Nouri, professionista che opera a Como, mentre Laleh Esfandiari è la vicepresidente. Segretario è Mohammad Ashouri; fra i fondatori del Persepolis sono la regista Lia Beltrami e il critico Armando Lostaglio del CineClub “De Sica”, il quale ha fortemente voluto che la nuova Associazione int