Passa ai contenuti principali

🎥 Editoriale. Salone del libro di Torino Presentazione: La Teoria della Relatività Emotiva...

 

14-18 Ottobre 2021. 

Edizione Magister La Teoria della Relatività Emotiva di un bambino lucano (di Rino Finamore) Racconto ambientato nella meravigliosa regione del Sud Italia, la Basilicata, con protagonista il dislessico e talentuoso Albert. Le caratteristiche delle sue diverse difficoltà di apprendimento e le ricadute sia in ambito scolastico che familiare pongono in evidenzia le strategie per intervenire nelle abilità deficitarie, le tecniche per individuare e potenziare le risorse personali, nonché gli strumenti di compensazione e le modalità di intervento psicoeducativo. La dislessia viene vista dal di dentro, attraverso i vissuti emozionali del protagonista, e dal di di fuori evidenziando le circostanze relazionali e ambientali che creano condizioni di disagio e inadeguatezza. Riconoscere le emozioni, come forza emozionale che in quelle circostanze pervade e si manifesta attraverso il corpo, come “competenza senza comprensione” (Nardone 2019), permette al bambino l’adattamento al mondo interno ed esterno, da qui lo svelamento che la famosa formula E=mc2 nella visione dell’intelligenza emotiva (Goleman 2016) sta indicare il rapporto tra emozioni, mente e corpo. Leggendo il racconto della vita di Einstein, si scoprirà che essere dislessici non significa non poter fare le cose che piacciono o non poter diventare quello che si desidera. I bambini infatti, dopo che hanno compreso la propria particolarità e gestito gli inevitabili ostacoli della vita, saranno in grado di poter esprimere i propri talenti e guadagnarsi un posto nella storia. Questo libro quindi apre la mente su una visione nuova del Sé e si propone di potenziare il repertorio di abilità del bambino, di favorire la scoperta delle inclinazioni e delle attitudini nonché lo sviluppo delle risorse di cui è dotato ma che non sono state ancora identificate secondo la prospettiva della psicologia Positiva (Seligman 2000) nell’ottica dell’evoluzione e della crescita personale. 

Note sull’autore: Rino Finamore (Matera 1972) Mental Coach & Life Counselor, dottore di Ricerca specializzato in Processi cognitivi e Nuove Tecnologie, Social Media e Communication, Filosofia della mente e Neurofilosofia. I suoi interessi di studio, di ricerca e lavorativi vanno dalla sfera psico-pedagogica a quella sociale, dall’area della comunicazione alla crescita personale e professionale. Docente con esperienza in corsi universitari e percorsi formativi post-laurea in: Psicologia della comunicazione digitale; Processi decisionali; Psicologia del benessere emotivo e Sociologia dei processi culturali e comunicativi. Professore di Filosofia e Scienze umane nei Licei. Direttore Scientifico della Italian School of Counseling; Direttore Generale del Centro Studi e Formazione di promozione sociale OmniaMentis. Giudice Onorario del Tribunale dei Minorenni di Potenza; già Giudice Onorario della Corte d’Appello del Tribunale di Potenza, sezione Minori. Autore di diversi articoli scientifici e pubblicazioni di settore, ha pubblicato anche i seguenti libri: Oltre l’Amore, AmicoLibro 2015; Talità Kum. La pratica filosofica nella società liquida, Edizioni Magister 2017; Talità Kum. Nove strategie esistenziali per superare i momenti peggiori della vita, Edizioni Magister 2019; Intelligenza Mentale, Edizioni Magister 2020.

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in primo Piano: La Natura Lucana nelle mani dell’Artista Debora Di Lucca prende vita.

Debora Di Lucca il Maestro Internazionale d’Arte, nata a Milano e di origini Lucane. Basilicata, conosciuta in tutto il Mondo per la sua Storica e anche patrimonio UNESCO, Matera, la Città scavata nella roccia, per le Dolomiti Lucane, il noto “paesaggio lunare” e non da ultimo il meraviglioso e cristallino Mar Ionio. Tante le dimostrazioni della creatività del Maestro, dall’esposizione al Campidoglio, all’invito come Madrina nella bellissima città di Fondi con l’apertura alla biennale, poi non dimentichiamoci, le ultime due Mostre a Roma in Ottobre, dal nome “Ars et Materia”, la prima esposizione presso “Lo Stadio di Domiziano” uno dei siti Archeologici più esclusivi di Roma e del Mondo, una delle 7 Meraviglie della Roma imperiale. Patrimonio UNESCO, immediatamente dopo la stessa esposizione personale “Ars et Materia” la vede protagonista così presso la sede romana del “Parlamento Europeo”. L’ultima partecipazione dell’anno 2021 è il “Premio Vittorio Sgarbi”, dove è riuscita a farsi ap

TRACCE di Rocco Brancati: ANTONIO CAMPAGNA

(Castelmezzano 31 dicembre 1884 - New York 8 maggio 1969) Fu un "caso" più unico che raro nella storia dell'emigrazione italiana. Anthony (Antonio) Campagna il 31 marzo del 1930 ottenne dal re Vittorio Emanuele III, "motu proprio"(di propria iniziativa), il titolo di conte trasmissibile per linea maschile. La rivista di cultura, propaganda e difesa italiana in America commentò: "L'esempio dell'uomo nuovo dell'Italia nuova, intenso a superare ogni giorno se stesso in uno sforzo continuo di creazione e di perfezione, ci è dato a questo figliuolo della Basilicata.

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Fondato il Cultural Associations Persepolis

Per iniziativa del lucano CineClub “Vittorio De Sica” Cinit – presieduto da Armando Lostaglio – è stato fondato a Como il Persepolis Cultural Associations . Un bel traguardo per gli operatori culturali dell’Iran che operano in Italia, con salde radici nel lontano Paese. L’Associazione si attiva, infatti, con lo scopo di presentare la cultura iraniana in Italia (concentrandosi per lo più in Lombardia) ed è impegnata a mettere insieme un gruppo di intellettuali iraniani e italiani per organizzare il festival cinematografico iraniano in uno stile alquanto originale. Ad esso sia affiancano altre attività artistiche e di promozione dei prodotti di qualità. A presiedere il sodalizio è Reza Nouri, professionista che opera a Como, mentre Laleh Esfandiari è la vicepresidente. Segretario è Mohammad Ashouri; fra i fondatori del Persepolis sono la regista Lia Beltrami e il critico Armando Lostaglio del CineClub “De Sica”, il quale ha fortemente voluto che la nuova Associazione int