Passa ai contenuti principali

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: I versi di fine anno di Gabriele De Masi

Sono versi che odorano di “passi” montaliani, dedicati a questo anno che vola sulle note oblique della incertezza, causate soprattutto da una fastidiosa e talvolta definitiva pandemia. Una ingerenza che si insinua nelle già travagliate vicende umane, che scuote i passi di vita quotidiana, che mette a repentaglio la nostra stessa confidenza con il mondo che ci circonda, affetti compresi. Il poeta Gabriele De Masi coinvolge con un lento muoversi nei passi infantili, cauti al volere di un mondo che travalica il nostro stesso vivere di episodi e di contingenze. Ecco cosa ci resta per il poeta ... ma le scommesse non danno incasso / ai giorni nostri, incerti, sperare / e non sapere cosa serbi il calendario, / un arrivederci, una stretta di mano.... Quello che appare intorno a noi, che pur ci muoviamo circospetti, odora di fantasia che si nutre di una parola antica come la Bibbia, ossia la speranza. Ci nutriamo di parole, ma senza di esse non avremmo valore.

Anni
Aspetto dal tempo una complicità,
per come sono stato, per come m’ha trattato,
essere meno lento col telefonino,
affrontar un po’ più lesto i gradini,
ma le scommesse non danno incasso
ai giorni nostri, incerti, sperare
e non sapere cosa serbi il calendario,​
un arrivederci, una stretta di mano,
l’addio, un improvviso abbraccio,
pretesa magra a questi giorni bigi,
aggrovigliato filo d’attesa, entusiasmi,
cadute rovinose, riprese di rinati slanci.
Abbiamo respirato la cenere;
masticato, amaro, il carbone.
Per questa Epifania, soltanto, e Nuovo Anno,
tornar, magia, d’un tratto, tutti piccini,
giochi all’aria aperta e il sole a manto.

Gabriele De Masi


Colline d’Irpinia, Montefredane, adagiata sulle nuvole, inondata di sole.
Le braccia aperte di semplice bellezza e bontà dell’Italia del Sud…
dove finisce la piazza, inizia il cielo…

 

Commenti

Post popolari in questo blog

📰 Segnalazioni in primo Piano: La Natura Lucana nelle mani dell’Artista Debora Di Lucca prende vita.

Debora Di Lucca il Maestro Internazionale d’Arte, nata a Milano e di origini Lucane. Basilicata, conosciuta in tutto il Mondo per la sua Storica e anche patrimonio UNESCO, Matera, la Città scavata nella roccia, per le Dolomiti Lucane, il noto “paesaggio lunare” e non da ultimo il meraviglioso e cristallino Mar Ionio. Tante le dimostrazioni della creatività del Maestro, dall’esposizione al Campidoglio, all’invito come Madrina nella bellissima città di Fondi con l’apertura alla biennale, poi non dimentichiamoci, le ultime due Mostre a Roma in Ottobre, dal nome “Ars et Materia”, la prima esposizione presso “Lo Stadio di Domiziano” uno dei siti Archeologici più esclusivi di Roma e del Mondo, una delle 7 Meraviglie della Roma imperiale. Patrimonio UNESCO, immediatamente dopo la stessa esposizione personale “Ars et Materia” la vede protagonista così presso la sede romana del “Parlamento Europeo”. L’ultima partecipazione dell’anno 2021 è il “Premio Vittorio Sgarbi”, dove è riuscita a farsi ap

TRACCE di Rocco Brancati: ANTONIO CAMPAGNA

(Castelmezzano 31 dicembre 1884 - New York 8 maggio 1969) Fu un "caso" più unico che raro nella storia dell'emigrazione italiana. Anthony (Antonio) Campagna il 31 marzo del 1930 ottenne dal re Vittorio Emanuele III, "motu proprio"(di propria iniziativa), il titolo di conte trasmissibile per linea maschile. La rivista di cultura, propaganda e difesa italiana in America commentò: "L'esempio dell'uomo nuovo dell'Italia nuova, intenso a superare ogni giorno se stesso in uno sforzo continuo di creazione e di perfezione, ci è dato a questo figliuolo della Basilicata.

📰 Schermi Riflessi di Armando Lostaglio: Fondato il Cultural Associations Persepolis

Per iniziativa del lucano CineClub “Vittorio De Sica” Cinit – presieduto da Armando Lostaglio – è stato fondato a Como il Persepolis Cultural Associations . Un bel traguardo per gli operatori culturali dell’Iran che operano in Italia, con salde radici nel lontano Paese. L’Associazione si attiva, infatti, con lo scopo di presentare la cultura iraniana in Italia (concentrandosi per lo più in Lombardia) ed è impegnata a mettere insieme un gruppo di intellettuali iraniani e italiani per organizzare il festival cinematografico iraniano in uno stile alquanto originale. Ad esso sia affiancano altre attività artistiche e di promozione dei prodotti di qualità. A presiedere il sodalizio è Reza Nouri, professionista che opera a Como, mentre Laleh Esfandiari è la vicepresidente. Segretario è Mohammad Ashouri; fra i fondatori del Persepolis sono la regista Lia Beltrami e il critico Armando Lostaglio del CineClub “De Sica”, il quale ha fortemente voluto che la nuova Associazione int